FOX

Terminator 2 - Il giorno del giudizio: trama e curiosità sul film

di -

Terminator 2 - Il giorno del giudizio è un must della fantascienza cinematografica. Ecco gli aneddoti meno conosciuti del film con Arnold Schwarzenegger.

Arnold Schwarzenegger ed Edward Furlong in una scena del film

250 condivisioni 0 commenti

Share

Rincorre il futuro con celata angoscia, Sarah Connor. Scampata dieci anni prima alla furia omicida di una "macchina infernale" inviata da un futuro terribilmente noto, la coriacea protagonista di Terminator 2 - Il giorno del giudizio è intenzionata a proteggere suo figlio John, futuro capo della Resistenza umana.

James Cameron, sette anni dopo il primo capitolo che elesse definitivamente Arnold Schwarzenegger icona action mondiale, torna ad immergersi nelle atmosfere distopiche della saga delle macchine ribelli con un sequel entrato di diritto nel gotha della fantascienza cinematografica, vero e proprio spartiacque tra gli sci-fi celeberrimi del decennio precedente - uno su tutti, Blade Runner - e i cult del nuovo millennio, figli legittimi proprio di quell'immaginario fanta-pop cresciuto a dismisura nel corso dei prolifici anni '80.

La storia di Terminator 2 - Il giorno del giudizio è di per sé abbastanza convenzionale: una continua lotto contro il tempo e contro un avversario meglio equipaggiato (il T-1000 del villain Robert Patrick), una fuga senza sosta dal futuro improvvisamente materializzatosi nelle figure di due Terminator, organismi cibernetici figli dell'apocalittico progetto Skynet spediti dal futuro con intenzioni diametralmente opposte.

Il "vecchio modello" T-800 con le fattezze di Schwarzy è stato infatti riprogrammato per difendere il futuro leader della Resistenza John Connor, obiettivo di un cyborg ancora più avanzato composto interamente di metallo liquido, in grado di assumere le sembianze di persone e oggetti inanimati.

Complice una scaltra sceneggiatura, la natura dei due Terminator non viene rivelata fino all'emozionante primo incontro/scontro tra i due e l'adolescente ribelle impersonato da Edward Furlong. Si consuma, tra un conflitto a fuoco e un inseguimento sfrenato tra una Harley-Davidson e un tir, il geniale raggiro di Cameron ai danni dello spettatore, impreparato al rovesciamento di ruoli orchestrato dal regista di Titanic.

Schwarzy e il suo T-800 ereditano così il ruolo protettivo che fu di Kyle Reese. Assieme al giovane John Connor, il cyborg penetrerà nel Pescadero State Hospital dove è rinchiusa la psicopatica - o almeno questo è quello che credono le autorità - Sarah di Linda Hamilton, nel frattempo impegnata in un'evasione.

Superato lo shock iniziale, la donna verrà informata dal T-800 sulle conseguenze nefaste del futuro progetto Skynet, realizzato dalla Cyberdyne Systems. Si tratta di un network di difesa dotato di autocoscienza che 13 anni dopo causerà un Olocausto nucleare.  

Cyberdyne doterà tutti i bombardieri stealth di software in grado di pilotarli volare senza l'ausilio dell'equipaggio. Skynet entrerà ufficialmente in funzione il 4 agosto 1997. Il programma comincerà ad autoistruirsi, escludendo il controllo umano. Diverrà autocosciente alle 2 e 14 del 29 agosto. Prese dal panico, le Autorità gli ordineranno di disinserirsi. Il sistema non obbedirà e scaglierà le testate nucleari contro la Russia, che contrattaccherà gli Stati Uniti d'America, dando così il via ad un mortale effetto domino.

3 miliardi di vite umane si spegneranno infatti il giorno 29 di agosto del 1997 in seguito alla guerra atomica perpetrata dalle macchine. Tale giorno verrà chiamato "il giorno del giudizio".

Terminator 2 - Il giorno del giudizio è un film che affronta, col piglio del blockbuster votato all'entertainment, questioni ontologiche, riflettendo sul concetto di umanità, sull'esasperata rincorsa tecnologica da parte dell'uomo e sull'incubo nucleare, sempre dietro l'angolo dalla metà del '900 in poi.

Colpisce la visione di Cameron di un'umanità che tende all'autodistruzione, che calpesta costantemente il dono della vita in nome di interessi puramente materiali. Non è un caso che Sarah Connor, nel film, parla del T-800 di Schwarzenegger come dell'unico padre (putativo) giusto per suo figlio John in un mondo che ormai è in preda alla follia.

Ad oggi, lo sci-fi di Cameron conserva ancora quella sensazione angosciante di monito per le generazioni future.

Dopo avervi parlato del film, vi proponiamo alcune curiosità su Terminator 2 - Il giorno del giudizio. La pellicola è stata per lungo tempo la più costosa mai realizzata con i suoi 102 milioni di dollari (dell'epoca) necessari per la produzione, di cui ben 17 destinati alla fantasmagorica computer grafica dell'ILM e agli effetti speciali e di trucco di Stan Winston, premiato poi con l'Oscar.

Arnold Schwarzenegger ha percepito 15 milioni di dollari come cachet. Nel film parla pochissimo (circa 700 parole in tutto). Solo la celebre frase "Hasta la vista, baby" - che esclama nel finale, un attimo prima di "terminare" la missione - è costata la bellezza di 86mila dollari.

Per la sequenza dell'Olocausto nucleare sono stati utilizzati, per raffigurare lo skyline della Los Angeles del futuro, crackers e grano tagliuzzato. La sostanza liquida che viene mostrata nella scena in cui il T-1000 si ricompone è azoto liquido. Per mantenerlo in quello stato occorreva tenere bassissime le temperature sul set. Il sudore degli attori nella fonderia è quindi solo merito del trucco.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.