FoxCrime  

American Crime Story, nel quarto episodio un viaggio a ritroso nella follia di Cunanan

di -

L'episodio 2x04 di American Crime Story racconterà una nuova storia di morte che ha come protagonista Andrew Cunanan: ecco l'anteprima.

159 condivisioni 0 commenti

Share

Nei primi episodi di American Crime Story abbiamo cominciato a conoscere l'universo di Gianni Versace e, in parallelo, quello di Andrew Cunanan. Versace e Cunanan sono due rette quasi parallele, che arrivano a sfiorarsi e incrociano tangenzialmente le loro vite prima del gesto folle del serial killer nei confronti del famoso fashion designer.

Dopo i primi due episodi, utili anche per indagare la relazione di Gianni con il proprio mondo, dalla sorella Donatella ai media, dalle responsabilità dell'azienda alla love story con Antonio D'Amico, la narrazione sembra volersi concentrare temporaneamente su Cunanan.

Il terzo episodio ha introdotto la natura criminale del killer, che si prostituiva torturando (a pagamento) uomini anziani per aiutare l'amico Ronnie, malato di AIDS. Sempre nello stesso segmento narrativo abbiamo scoperto l'omicidio, da parte di Andrew, di Lee Miglin, un ricco imprenditore di Chicago con una famiglia stabile e una moglie molto affezionata a lui. Dopo averlo attirato nella propria esca, con evidenti sensi di colpa da parte di Lee, il giovane ha messo in atto una trappola costituita da un nastro adesivo e una cassetta per attrezzi, con cui gli ha fracassato la testa dopo averlo immobilizzato.

Ma la lista di omicidi da parte di Cunanan - con la narrazione a ritroso - è solo all'inizio.

Il quarto episodio, La casa sul lago, guiderà lo spettatore in un viaggio allucinante nella mente dell'assassino. L'anteprima dell'episodio svela che ci troveremo in Minnesota, a casa dell'architetto David Madson, ucciso da Cunanan il 3 maggio 1997 con una calibro 40. La storia farà quindi un altro salto indietro nel tempo, spostandosi prima dell'omicidio di Lee Miglin.

Stando alla ricostruzione di Harper's Bazaar, sia Trail che Madson erano probabilmente amanti di Cunanan e "infastidivano" il serial killer per due motivi: innanzitutto, lui pensava che si vedessero alle sue spalle. In secondo luogo, era seccato dal loro successo professionale.

Si era creato una sorta di triangolo malsano, in cui Madson e Trail facevano di tutto per convincere Cunanan che tra loro non ci fosse alcun legame. Preoccupato dalla piega della situazione, Trail si era procurato anche una pistola. Ma poi è stato il primo a morire: lo ha ucciso Cunanan, a colpi di martello, dopo una lite. L'assassino si è poi fatto aiutare da Madson a far sparire il corpo.

Collage di Jeffrey Trail e David Madson con i loro interpretiHDGetty Images/FOX via Harper's Bazaar
Jeffrey Trail e David Madson nella realtà e nella finzione

Ma Mads è andato incontro alla stessa sorte: Cunanan gli ha sparato con la stessa calibro 40 di Trail mentre stavano viaggiando insieme in auto per fuggire da Minneapolis e dalle possibili conseguenze dell'omicidio di Trail.

Nella scena di anticipazione vediamo un crescendo di tensione tra Madson (che ha appena ricevuto una buona notizia di lavoro e la visita di Trail,) e Cunanan, esasperato dall'amico.

L'intenzione di Ryan Murphy, nel cuore di questa seconda stagione della serie antologica, sembra quello di "congelare" un attimo la vicenda Versace per concentrarsi sul passato controverso e sanguinoso di Cunanan, andando a ritroso insieme alle sue paranoie fino al primissimo omicidio, quello dell'amico Jeff Trail.

Nella serie ritroviamo Cunanan interpretato dall'intenso Darren Criss. A dare il volto a Trail è invece Finn Wittrock, mentre Madson è interpretato da Cody Fern.

Pronti a scoprire La casa sul lago? Il prossimo episodio sarà in onda su FoxCrime il 9 febbraio alle 21.05

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.