FOX  

The Gifted: perchè potremmo vedere Magneto nella prossima stagione?

di -

Gli indizi sembrano esserci, ma vedremo veramente Magneto nella prossima stagione di The Gifted? Matt Nix risponde alla domanda e noi di MondoFox vi diamo qualche dettaglio sul rapporto tra Polaris e il Signore del Magnetismo.

232 condivisioni 0 commenti

Condividi

Un brivido ha percorso la nostra pelle (e quella di tutti i fan dei mutanti Marvel) quando nell'episodio undici di The Gifted Esme ha pronunciato queste parole ad una sempre più confusa Lorna. La serie targata Marvel cavalca verso il finale di stagione e riserva non poche sorprese.

Una di queste vede la telepate parlare a Polaris del suo vero padre, un mutante misterioso di cui non viene rivelato il nome, un nome che i fan degli X-Men conoscono bene e che sembra circolare anche tra gli addicted della serie targata Fox: Magneto

Dopotutto, Esme parla di Re dell'Hellfire Club (Club Infernale per chi legge i comics) e, come i fan di vecchia data sanno benissimo, Erik Magnus Lehnsherr è stato effettivamente membro del Club Infernale, prima come Re Bianco e poi, dopo aver cacciato Sebastian Shaw (il Re Nero), assunse il ruolo di Re Grigio. Gli indizi sembrano proprio portare al Signore del Magnetismo, e le voci su una sua apparizione sembrano farsi sempre più forti. Durante una recente intervista su TVLine lo showrunner di The Gifted, Matt Nix, ha sciolto ogni dubbio. 

Cerchiamo di non entrare nel territorio dei film, ma indubbiamente il padre di Polaris è il padre di Polaris. Dopotutto, Lorna stessa ha ripetuto più volte ad Esme che suo padre era un pilota e non un terrorista mutante, riferendosi, consapevolmente, all'uomo che ha sposato sua madre. Chi sia il padre di Lorna al momento non è importante, ma il fatto che sia stato un terrorista e abbia aiutato a creare il divario tra umani e mutanti lo è. Inoltre..." conclude Nix "C'è un certo divertimento nel vedere Magneto con una sorta di Colui che non deve essere nominato di Potteriana memoria.

The Gifted: Magneto e Polaris

Quando si parla di famiglie disfunzionali, Polaris e Magneto riescono a vincere il primo premio: nata dalla relazione clandestina tra sua madre Suzanne e Erik, Polaris venne a sapere del tradimento della madre su un aereo guidato dal padre mentre l'uomo affrontava il discorso con la moglie, turbata e spaventata Lorna usò i suoi poteri per la prima volta distruggendo l'aereo e uccidendo i suoi genitori. Da quel momento il mistero della vera identità del suo padre biologico ebbe un ruolo fondamentale nella vita della mutante tanto da essere uno dei motivi della sua instabilità mentale. 

X-Men: Magneto e Polaris

Dopotutto, nonostante volesse disperatamente sapere chi fosse suo padre (e avere una conferma ai suoi dubbi) la scoperta di essere figlia di Magneto ha sempre spaventato Polaris. Erik in fin dei conti è sempre stato un terrorista che anche nei suoi momenti migliori ha sempre cercato di portare avanti il suo piano di supremazia della razza mutante. A qualunque costo.

Lorna visse per diverso tempo con Magneto dopo gli avvenimenti delle Ere di Apocalisse. In quel periodo, il Signore del Magnetismo aveva avuto un calo esponenziale dei suoi poteri. Durante la battaglia contro Apocalisse scoprì che però poteva attingere al magnetismo usando Polaris come canalizzatore. Erik convinse così la ragazza a seguirlo a Genosha, dove la sfruttò per riavere i suoi poteri, ma quando Magneto tornò in piene forze si sbarazzò di Lorna che affrontò l'uomo finendo sconfitta. 

Completamente schizofrenica, dopo aver attaccato gli stessi X-Men Polaris venne convinta da Charles Xavier ad iniziare un percorso di supporto, Xavier la sottopose a dei test genetici che rivelarono senza ombra di dubbio che Lorna è la figlia di Magneto, una scoperta che non sconvolse nessuno (Polaris in testa) ma che è servito alla mutante come primo passo per la guarigione. 

The Gifted vi aspetta per l'episodio finale Lunedì 19 Febbraio solo su Fox!

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.