FOX

Io sono Pantera Nera, un volume per conoscere il primo supereroe nero della Marvel

di -

Attraverso storie a fumetti e redazionali, Io sono Pantera Nera ripercorre la lunga carriera del primo supereroe di colore della Marvel. La perfetta lettura da abbinare al film.

Pantera Nera disegnato da Esad Ribić

4 condivisioni 0 commenti

Share

Sul grande schermo lo abbiamo visto muovere i primi passi nel 2016 in Captain America: Civil War, ma la sua comparsa nei fumetti Marvel risale al 1966. Stiamo parlando di T'Challa, meglio noto come Pantera Nera, nobile sovrano dello stato africano del Wakanda e membro onorario degli Avengers, in questi giorni nelle sale cinematografiche di tutto il mondo con il primo film a lui interamente dedicato.

Proprio in occasione dell'uscita del blockbuster diretto da Ryan Coogler e interpretato da Chadwick Boseman, Panini Comics ha lanciato sul mercato Io sono Pantera Nera, un cartonato di oltre trecento pagine che ripercorre, attraverso storie a fumetti e numerosi redazionali, gli oltre cinquant'anni di carriera del primo supereroe di colore della Marvel.

La copertina di Io sono Pantera Nera© Panini Comics

Pensato per approfondire la conoscenza del personaggio e del microcosmo narrativo a lui collegato, il volume si apre con la prima apparizione di T'Challa, avvenuta, come nel caso degli Inumani e di Silver Surfer, sulle pagine del mensile dei Fantastici Quattro, precisamente nei numeri 52 e 53.

Oltre a presentare il supereroe, questo dittico a opera di Stan Lee e Jack Kirby introduce già molti degli elementi alla base della mitologia di Pantera Nera come il regno di Wakanda, il Vibranio e il malvagio Ulysses Klaw (interpretato al cinema da Andy Serkis), non facendo però il minimo cenno alle sue origini.

A rivelarle, come mostrato dalla terza storia contenuta nel cartonato, ci penseranno qualche anno più tardi Roy Thomas e Sal Buscema in un significativo albo degli Avengers in cui T'Challa, in quel periodo alla guida del supergruppo, si apre per la prima volta ai suoi compagni raccontandogli il proprio passato.

Una vignetta da Fantastic Four #52 con Ulysses Klaw e il Vibranio© Marvel Comics
La prima apparizione di Ulysses Klaw e del Vibranio, da Fantastic Four #52

Nonostante molte di esse siano soltanto i primi capitoli di lunghe saghe, le successive storie proposte nel volume offrono al lettore un massiccio sguardo sulle avventure in singolo del supereroe, mostrando la sua evoluzione (caratteriale ma anche grafica) nel corso dei decenni.

In questi episodi si ha modo di conoscere più approfonditamente molti dei personaggi che animano il film di Pantera Nera, dal villain Killmonger alle guerriere Okoye e Nakia fino a Everett Ross, ma anche di apprendere alcuni particolari che per chi segue soltanto le pellicole cinematografiche dei Marvel Studios potrebbero suonare del tutto nuovi.

Un esempio è la storia d'amore tra T'Challa e Tempesta degli X-Men, ospite in alcune storie che ci mostrano uno dei loro primi incontri, il matrimonio tra i due (avvenuto in piena Civil War) e la fine della loro relazione.

Io sono Pantera Nera si conclude presentando l'inizio dell'ultimo, acclamatissimo ciclo di avventure in solitaria del supereroe scritto da Ta-Nehisi Coates, giornalista che da anni collabora con testate come il New York Times e il Washington Post nonché esponente di punta della cultura afroamericana e del dibattito sui diritti civili.

Proprio questi temi sono il cuore pulsante della suo ciclo sul personaggio, un thriller fantapolitico che vede T'Challa regnare su di un Wakanda sull'orlo di una guerra civile.

Pantera Nera e TempestaHD© Marvel Comics
Il matrimonio di Pantera Nera e Tempesta a opera di Frank Cho

Se la visione al cinema di Black Panther vi ha elettrizzato a tal punto da farvi correre in fumetteria per far scorta di storie sul personaggio, questo volume è sicuramente l'acquisto più consigliato, in quanto vi permette di "assaporare" i vari archi narrativi dedicati al supereroe per poi recuperare quelli che più sono in linea con i vostri gusti.

A Panini Comics va infine il merito di aver dato alle stampe l'ennesimo prodotto di elevata fattura, tanto per i materiali utilizzati quanto per la qualità del ricco apparato redazionale (c'è pure la mappa dettagliata del Wakanda!) presente tra una storia e l'altra.

Io sono Pantera Nera (320 pagine, cartonato) contiene: Fantastic Four (1966) #52-53; Avengers (1971) #87; Jungle Action (1972) #6; Black Panther (1977) #1; Marvel Team-Up (1972) #100; Black Panther (1998) #1, #57-58; Black Panther (2005) #18, 39-41; A+X (2012) #3; Black Panther (2016) #1

Voto7,5/10

Un volume utilissimo per approfondire gli oltre cinquant'anni di vita editoriale di Pantera Nera nonché un perfetto compendio alla visione del film a lui dedicato.

Lorenzo Bianchi

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.