FOX  

The Walking Dead, Ezekiel nella prima scena dell'episodio 8x09

di -

Ezekiel è protagonista della prima scena dell'episodio 8x09 di The Walking Dead. Il dialogo che intrattiene con Gavin racchiude il senso profondo della serie: solo chi fa la cosa giusta contribuisce alla sopravvivenza di tutti...

351 condivisioni 3 commenti

Condividi

Le parole che Gavin rivolge a Ezekiel sono le prime parole del nono episodio di The Walking Dead 8.  Sono passati mesi dal finale di mezza stagione, eppure ricordavamo tutti il destino di Ezekiel in attesa di compiersi. Un destino che Gavin, il Salvatore che si occupava di requisire i beni dal Regno per conto di Negan, annuncia al nostro Re senza mezze misure.

In questa anteprima - il resto arriverà lunedì 26 alle 21.00 come sempre in esclusiva su FOX - Gavin è dispiaciuto di ciò che sta per accadere. Dice a Ezekiel che gli era sempre piaciuto, che è un peccato perdere un uomo con delle buone idee come le sue. E che non può aiutarlo.

Perché nel mondo di Negan, nessuno può prendere decisioni eccetto, appunto, Negan.

La differenza più sostanziale fra il regno del terrore del capo dei Salvatori e l'esercito unito da Rick Grimes è questa: dittatura contro collaborazione.  Rick - lo stesso uomo che alla fine della seconda stagione aveva dichiarato "Questa non è più una democrazia" perché la sopravvivenza del gruppo lo richiedeva - ha affidato dei compiti ai suoi amici e compagni di battaglia, ma ha anche dato loro fiducia.

Maggie ed Ezekiel sono due leader, ai suoi occhi. Due leader di due comunità, Hilltop e il Regno, unite ad Alexandria dallo scopo comune di sconfiggere Negan il Dittatore.

Certo: fra i Salvatori nessuno si sognerebbe di fare di testa propria, pena la morte. Una morte lenta e possibilmente atroce. Daryl e Tara, invece, avevano mandato all'aria il piano di Rick agendo di testa propria. Eppure, la scelta corretta era la loro.  Fare ciò che si ritiene giusto, sempre e comunque, a qualsiasi prezzo, è il senso profondo di questa breve sequenza.

Introducendo l'episodio in cui alcuni dei nodi verranno al pettine - la guerra prosegue e ci sono tante battaglie da combattere, contemporaneamente e su più fronti - gli autori di The Walking Dead ci ricordano come fare la cosa giusta sia l'unica scelta possibile.

La cosa giusta in quel momento, in quel contesto. La cosa giusta per sopravvivere o per far sì che il mondo sopravviva in modo migliore.

Rick Grimes aveva instaurato la sua dittatura quando la sopravvivenza lo richiedeva. Poi, aveva ceduto e in seguito condiviso il comando. Sempre adattandosi al contesto. Perché le persone cambiano - The Walking Dead è una serie incentrata sull'evoluzione dei personaggi, e non a caso sono solo i "buoni" a evolversi in senso positivo - e il mondo cambia di conseguenza. Perciò, mentre aspettiamo di assistere al destino di Carl e a quello di Ezekiel, la risposta alle parole di Gavin può essere una sola.

Ho fatto una scelta con la quale potessi convivere. Ora è il tuo turno di fare la stessa cosa.

Difficilmente Gavin ascolterà il prezioso consiglio di Ezekiel. Perché solo i personaggi positivi, dicevamo, si evolvono positivamente. Ma il bello di The Walking Dead è che anche i cattivi, a volte, sono in grado di sorprenderci...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.