FOX

Brendan Fraser svela di aver subito molestie

di -

Anche Brendan Fraser si sente di avvallare l'hashtag #MeToo e per un'esperienza personale: l'attore sarebbe stato molestato dall'ex presidente di Hollywood Foreign Press Association.

Brendan Fraser in primo piano

325 condivisioni 0 commenti

Condividi

Lo scandalo Weinstein ha spalancato le porte per una nuova epoca, dove praticamente ogni giorno (o quasi) emerge qualcuno con una triste storia da raccontare sul tema molestie e avance sessuali sgradite. Dopo le denunce e i racconti di schiera di donne (e uomini) uniti e compatti sotto l'egida dell'hashtag #MeToo e della campagna Time's Up contro le molestie sui luoghi di lavoro, anche Brendan Fraser ha deciso di parlare dello spiacevole episodio che gli è capitato.

Il celebre attore de La mummia sarebbe stato molestato 15 anni fa, e da qualcuno di molto illustre: si trattava di Philip Berk, ex presidente di Hollywood Foreign Press Association.

Cos'è successo esattamente?

Come riporta Variety, i fatti raccontati da Fraser durante un'intervista a GQ risalirebbero all'estate del 2003, durante un evento a Beverly Hills. L'attore sarebbe stato oggetto di avance e molestie da parte di Berk, che gli avrebbe toccato ripetutamente il sedere e le parti intime. Fraser ha spiegato di essere rimasto stupito e di essersi sentito molto a disagio di fronte a quel gesto, tanto da essere stato costretto a rimuovere la mano di Berk con la forza.

Mi sono sentito male. Mi sono sentito un bambino. Mi sentivo un groppo in gola. Credevo mi sarei messo a piangere.

L'episodio, in realtà, è stato accennato anche dallo stesso Berk nel libro With Signs and Wonders ma nei termini di uno scherzo.

Philip Berk ha molestato Brendan Fraser?

Brendan Fraser però l'ha interpretato in maniera molto diversa. Traumatizzato, all'epoca aveva parlato dell'episodio con sua moglie ma non aveva osato renderlo pubblico per paura che rovinasse la sua carriera. Le conseguenze hanno comportato per la star ansia e depressione, in quanto si sentiva in qualche modo colpevole.

E dopo tanti anni, ha confidato, non ha meno paura.

Sono ancora spaventato? Assolutamente. Ritengo di dover dire qualcosa sull'argomento? Assolutamente. L'avrei voluto dire molte, molte volte? Assolutamente. Ma mi sono fermato prima di farlo? Assolutamente.

Fraser ha dichiarato di essersi fatto coraggio e aver deciso di parlare grazie ai movimenti #MeToo e al coraggio di alcune colleghe, da Mira Sorvino a Rose McGowan. La star ha accennato anche a una conseguenza molto grave della sua reazione a Berk: dopo il fatto, Brendan sarebbe stato gradualmente allontanato dal mondo di Hollywood e che, proprio per questo, la sua carriera avrebbe subito una battuta d'arresto.

Brendan Fraser è stato escluso da Hollywood per aver respinto delle avance?

Hollywood Foreign Press Association si è espressa con un comunicato ufficiale dopo le dichiarazioni di Fraser.

HFPA è fermamente contraria alle molestie sessuali e al tipo di comportamento descritto in questo episodio. Nel corso degli anni abbiamo portato avanti un rapporto di collaborazione proficuo con Brendan, che include il ruolo di annuncio di candidati al Golden Globe, la partecipazione alla cerimonia e la partecipazione a conferenze stampa. Questa questione riporta presunte informazioni che HFPA fino ad ora ignorava e al momento stiamo esaminando ulteriori dettagli sull'accaduto.

E Berk? L'ex presidente di HFPA ha commentato la vicenda etichettando (di nuovo) il tutto come uno scherzo. Ha inviato un'email a GQ in risposta alle accuse di Fraser definendole "una totale invenzione".

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.