FOX

Interstellar: tutto sulla colonna sonora del film di Christopher Nolan

di -

Commozione e tensione si fondono nei brani composti da Hans Zimmer per la colonna sonora di Interstellar. Ecco tutti i brani e la storia dietro la creazione dell'ennesimo capolavoro musicale di Zimmer.

Il gruppo di astronauti protagonista in Interstellar e il logo ufficiale del film

1 condivisione 0 commenti

Condividi

Interstellar è un film di fantascienza del 2014 diretto dal grande Christopher Nolan. Tale pellicola ha colpito critica e pubblico per la sua capacità di smuovere l’animo dello spettatore tramite un’armonia perfetta fra suono e immagine,  per le eccellenti interpretazioni dei suoi protagonisti e per gli straordinari effetti speciali.

Interstellar è stato infatti candidato a ben cinque premi Oscar nel 2015, di cui uno vinto appunto per i migliori effetti speciali.

Fra i nomi di maggior rilievo che hanno avuto un ruolo in Interstellar abbiamo il premio Oscar Matthew McConaughey, l’attrice premio Oscar Anne Hathaway, il due volte premiato agli Oscar Michael Caine e Jessica Chastain.

Il film narra di un gruppo di astronauti in viaggio attraverso un wormhole per trovare una nuova casa per l’umanità.

Andiamo adesso però a vedere tutte le curiosità riguardo la meravigliosa colonna sonora di Interstellar.

La colonna sonora di Interstellar

Interstellar può vantare, oltre un cast di primo livello, soprattutto la firma di un grandissimo compositore per la sua colonna sonora: il leggendario Hans Zimmer.

Zimmer possiede un curriculum invidiabile, con oltre cento film all’attivo dagli anni ’80 a oggi. Fra i suoi lavori più recenti ricordiamo il film Dunkirk, candidato agli Oscar 2018, diretto sempre da Christopher Nolan.

La colonna sonora di Interstellar, candidata agli Oscar 2015, è delicata ma di grande impatto, riesce a collocare spettatore e protagonisti del film sullo stesso piano emozionale: sarete felici quando McConaughey e compagni lo saranno, verserete lacrime nei momenti di maggiore intimità fra i personaggi. La capacità di Zimmer di accentuare la tensione delle immagini presenti nei film di Nolan è uno dei motivi alla base del loro sodalizio artistico.

La copertina del CD della colonna sonora del film InterstellarWarner Bros., Paramount Pictures

Di seguito potete visionare una rappresentazione visuale dell’andamento del tema principale di Interstellar, realizzata dal pianista tedesco Patrik Pietschmann, in modo da rendervi conto della grande armonia geometrica del brano composto da Zimmer.

La progressione della musica è a dir poco impressionante, con una complessità sempre crescente che riesce ad affascinare e coinvolgere lo spettatore. Tramite le linee visuali potete quasi toccare con mano il carattere minimale e superbo della melodia di Zimmer. Il cambiamento di ritmo avviene in modo graduale e la musica è contenuta in spazi ristretti e ben definiti.

La tracklist di Interstellar

  1. Dreaming of the Crash
  2. Cornfield Chase
  3. Dust
  4. Day One
  5. Stay
  6. Message from Home
  7. The Wormhole
  8. Mountains
  9. Afraid of Time
  10. A Place Among the Stars
  11. Running Out
  12. I'm Going Home
  13. Coward
  14. Detach
  15. S.T.A.Y.
  16. Where We're Going
  17. First Step
  18. Flying Drone
  19. Atmospheric Entry
  20. No Need to Come Back
  21. Imperfect Lock
  22. No Time for Caution
  23.  What Happens Now?
  24. Do Not Go Gentle into That Good Night (poema di Dylan Thomas) (interpretata da John Lithgow, Ellen Burstyn, Casey Affleck, Jessica Chastain, Matthew McConaughey e Mackenzie Foy)

Ascolta le musiche di Interstellar composte da Hans Zimmer

Com’è nata la colonna sonora di Interstellar

Dietro un grande film ci sono sempre grandi storie e Interstellar non è da meno. Hans Zimmer in persona non si è risparmiato dal raccontare la storia all’origine della colonna sonora del film:

Chris (Nolan) mi ha detto: ‘Hans, ho scritto una pagina di qualcosa, non ti sto a spiegare nel dettaglio di cosa si tratta, voglio darti solo questa pagina, mi daresti un solo giorno del tuo lavoro?’

Zimmer continua rivelando la sua risposta all’intrigante proposta di Nolan:

Con qualsiasi cosa tu verrai a trovarmi, darti un giorno del mio lavoro per vedere quella cosa non sarà un problema.

Il compositore entra poi nel dettaglio del contenuto della pagina:

Su quella pagina c’era scritta una breve storia su un padre che lascia sua figlia per un’importante missione. La pagina conteneva solo due linee di dialogo e parlava di qualcosa detto fra me e Nolan a una cena di un ristorante di Londra un anno prima. Parlammo dei nostri figli e del fatto che, una volta nati, non si riesce più a pensare a sé stessi, ma solo al modo in cui i figli ti vedono.

Il riferimento a uno dei temi portanti di Interstellar, il rapporto padre-figlia, è evidente. Zimmer dice poi di aver composto la colonna sonora in un solo giorno e di averla fatta ascoltare a Nolan, che l’ha amata fin dal primo istante.

Solo dopo aver ricevuto la colonna sonora Nolan ha rivelato qualcosa in più sul film:

Ho chiesto (a Nolan): ‘Bene, ma qual è il film?’. Lui ha quindi cominciato a raccontarmi di un’epica storia fatta di spazio, scienza e umanità allo sbaraglio.

Dunque il legame fra Zimmer e Nolan è talmente forte da fidarsi ciecamente l’uno del lavoro dell’altro. D’altronde parliamo sempre di due leggende della cinematografia come la conosciamo.

Distribuito da Warner Bros., l'album Interstellar (Original Motion Picture Soundtrack) è disponibile in CD e formato digitale.

E voi che ne pensate? Siete stati ammaliati dalla visionaria colonna sonora di Interstellar?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.