FOX  

Negan nella prima scena in italiano di The Walking Dead 8x10

di -

Una parte del grande fascino del personaggio di Negan sul piccolo schermo consiste nella sua grande capacità d'adattamento: nessun imprevisto lo scoraggia. E niente può fermarlo...

641 condivisioni 0 commenti

Condividi

Manda il solito messaggio: fanne fuori uno e il resto si metterà in riga. Solo uno, Simon.

Negan. Negan e le sue regole per sottomettere chi ritiene possa essergli utile (la "gente della spazzatura", in questo caso). Ad aprire il prossimo episodio di The Walking Dead, in prima assoluta su FOX lunedì alle 21.00, è finalmente Negan.

Negan, che racconta a Simon - che sfida a contrastare la sua leadership - di come Carl l'abbia fregato, intrattenendolo mentre tutti gli altri fuggivano da Alexandria, e che non sa della morte del ragazzo. Ne rimarrà turbato, probabilmente: gli è sempre piaciuto, Carl Grimes. E non ne ha mai fatto mistero.

Resta da scoprire se gli piaceva abbastanza da voler collaborare a esaudire il suo ultimo desiderio.

Negan fa il punto della situazione, chiedendo notizie di Hilltop e del Regno: Gavin non ha ancora dato notizie. Certo che non l'ha fatto. Noi sappiamo che è morto, ma i Salvatori ancora no. C'è una cosa, però, che Negan sa per certo: che tutto procede come previsto. Nonostante il grave colpo subito dall'attacco a sorpresa di Rick, che aveva rischiato di costargli molto caro, il leader dei Salvatori ha di nuovo tutto sotto controllo. E si sente in forte vantaggio. La fuga di Rick e degli altri da Alexandria è stato un altro incidente di percorso, ma uno come Negan non si abbatte per così poco.

Una parte del grande fascino di questo personaggio, che emerge alla perfezione da questa breve sequenza, consiste nella sua grande capacità d'adattamento. Negan trova sempre la punizione perfetta per ogni nemico che si trova di fronte. E si rialza sempre, quando subisce una sconfitta. Si rialza perché crede nel proprio potere, è sicuro di sé e sa di essere tagliato per questo mondo.

Forse non per quello di prima. Ma per questo sì...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.