FOX

I videogame tornano su Facebook

di -

Con Facebook Instant Games gli sviluppatori di videogiochi tornano a monetizzare sul social network di Mark Zuckerberg. E il colosso americano promette un approccio meno invasivo per gli utenti.

Alcuni videogiochi disponibili su Facebook Messenger

1 condivisione 0 commenti

Condividi

Il gaming ci riprova su Facebook. O, ancora meglio, è il social network di Mark Zuckerberg ad aver deciso di concedere una seconda possibilità all'universo dell'intrattenimento digitale.

La piattaforma Instant Games di Facebook ha infatti aperto i battenti lo scorso mercoledì, permettendo così a tutti gli sviluppatori interessati di poter creare i propri titoli e di iniziare a monetizzare, sia attraverso i News Feed diretti che su Messenger. Una scelta, quella del colosso dell'interazione online, che affonda le sue radici nel 2016, con il lancio in closed beta del servizio, ora disponibile in via ufficiale.

Gli Instant Game di Facebook non sono altro che esperienze in HTML: gli utenti non hanno quindi bisogno di scaricare e installare app come avviene con il gaming mobile tradizionale, così come non vi è alcun bisogno di appoggiarsi a servizi di terze parti in Flash. Per giocare, basta cliccare sull'icona a forma di controller su Messenger, mentre Facebook ha introdotto anche un comodo sistema di bookmark - ovvero di segnalibri virtuali - per permettere di riprendere una partita da dove l'avevamo lasciata. 

La piattaforma Instant Games torna ufficialmente su FacebookHDFacebook
Dai classici del passato alle novità, i videogiochi invadono Facebook Messenger

Per gli sviluppatori sarà ora più facile monetizzare sfruttando le proprie creazioni, sia tramite gli ads presenti su Facebook - comprese pubblicità via video - che grazie ad acquisti in app, al momento in fase di test, proprio come avviene per alcune delle produzioni più acclamate su App Store e Google Play.

Un'opportunità ghiottissima per i sostenitori degli Instant Game, come sottolineato da Chris Benjaminsen, fondatore dello studio FRVR, il cui Basketball FRVR è stato giocato più di 4 miliardi di volte proprio su Facebook Messenger:

Per uno sviluppatore di videogame è assai raro avere l'opportunità che il tuo titolo venga giocato più di un miliardo di volte nel giorno di lancio. Sapevamo che investire nel progetto Instant Game di Facebook avrebbe ripagato - e l'ha fatto sicuramente.

Non è comunque la prima volta che Facebook concede spazio al gaming sui suoi canali. Alcuni di voi ricorderanno, ad esempio, il fenomeno Farmville di Zynga. In pochi anni la serie divenne una hit, per quanto il suo sistema di distribuzione fosse ancora embrionale. Non permetteva, tra le altre cose, di giocare su cellulare, risultando non solo confinato al mondo desktop ma anche piuttosto macchinoso per i contadini virtuali di allora. 

Non solo, la maggior parte degli utenti non ha gradito l'eccessivo ''spam'' legato ai vecchi videogiochi su Facebook, che invadevano letteralmente di notifiche i feed degli iscritti, così come a moltiplicarsi erano gli inviti degli amici a partecipare alle proprie sessioni di gaming per ricevere ''vite'' aggiuntive e bonus.

Ora Facebook promette un approccio meno invasivo. Abbandonando il viral marketing, gli Instant Games abbracciano l'advertising più tradizionale, concedendo spazi dedicati agli sviluppatori per indirizzare i fan verso i propri giochi. 

Tutti i developer coinvolti nel programma Instant Games di FacebookHDFacebook
Alcuni degli sviluppatori coinvolti nel servizio Instant Games di Facebook

La nuova filosofia pare insomma quella giusta: godiamoci i classici Pac-Man e Tetris e qualche progetto inedito, ma senza la tentazione di bloccare quotidianamente i contatti più ''nerd''!

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.