FOX

Avengers: Infinity War, gli sceneggiatori paragonano il film a Game of Thrones

Cosa accomuna il mondo di George R.R. Martin al MCU? A detta di Christopher Markus e Stephen McFeely, la difficoltà nel gestire personaggi, trame e sottotrame per ottenere una storia coerente ed esplosiva.

Tony Stark e il Team Scienza & Magia in Infinity War

293 condivisioni 0 commenti

Condividi

Era inevitabile: prima o poi un collegamento tra Avengers: Infinity War e Game of Thrones sarebbe saltato fuori.

La domanda è: è tutto clickbait o c'è anche qualcosa di vero nel legame tra il prossimo film Marvel e la serie di punta di HBO? In realtà, stando alle parole degli sceneggiatori del film, si può fare un interessante paragone tra le due produzioni.

Durante una visita al set, il sito ComicBook ha scambiato due chiacchiere con Christopher Markus e Stephen McFeely, che hanno parlato delle difficoltà di portare sul grande schermo una storia con così tanti personaggi. Tra Vendicatori, Guardiani della Galassia e altri eroi e antagonisti, il conto sale facilmente oltre 76 figure (alcune centrali nella guerra contro Thanos).

È parte di una 'strana alchimia', no? Una delle ragioni per cui il primo film degli Avengers è così popolare è che stavi prendendo quattro franchise e BAM li facevi entrare in collisione.

Il duo spera che la magia si ripeterà anche per Avengers: Infinity War, dove le difficoltà (anche logistiche!) di far incontrare tutti questi personaggi sono state decisamente maggiori. Per evitare di avere, ad esempio, 25 personaggi nella stessa scena e renderla così troppo affollata, Markus e McFeely hanno dovuto ricorrere a diversi stratagemmi, prendendo ispirazione anche da alcune serie TV.

Ne parliamo, un po' faceti, e ci diciamo che è un po' come in Nashville, no? Ci sono 4 o 5 diverse storie che s'intrecciano, s'incontrano e poi prendono direzioni diverse. Perciò abbiamo tutte queste coppie e gruppi di 4 e 5 e 6 [personaggi da gestire in ogni scena, n.d.R.]

Sappiamo, ad esempio, che Thor passerà molto tempo con Rocket Racoon e Groot, che il Soldato d'Inverno e Falcon torneranno ad essere un "dinamico duo", e che Iron Man incontrerà i Guardiani della Galassia, mentre Spider-Man scambierà qualche battuta con Doctor Strange.

Trame, sottotrame e cast immenso da gestire

Per Christoper Markus, è Game of Thrones a rispondere meglio al paragone di cosa è successo durante la fase di stesura del copione di Avengers: Infinity War. La serie, così come i romanzi di George R.R. Martin, è ricchissima di personaggi, tutti con una grande storia da vivere, di cui molti sono anche protagonisti di primo piano. Alcuni non si sono mai incontrati; altri, invece, hanno iniziato a incrociare il loro cammino, finalmente consentendo ai fan di vederli interagire durante più episodi.

La battaglia dei Vendicatori contro Thanos in WakandaHDMarvel Studios
Falcon sorvola la battaglia contro Thanos in Wakanda

Il processo ha - ovviamente - avuto grandi conseguenze sul mondo che abitano, mettendo in risalto quando sia complesso gestire un intricato sistema di trame e sottotrame, tutte destinate a convergere verso un unico finale, rimanendo sempre coerenti tra loro. Questa è stata la stessa sfida che il MCU ha dovuto affrontare fino a questo momento. Ma, se prima qualche piccolo errore di percorso era concesso, ora "tutti i nodi verranno al pettine".

Anche adesso non è molto diverso da Game of Thrones, dove c'è questo enorme affresco di personaggi. Hai guardato questo tizio che molesta una ragazza nell'Est per diversi anni, e solo adesso hai la sensazione che delle enormi placche tettoniche si stiano spostando, facendo finalmente incontrare i personaggi.

ComicBook ha continuato con una domanda abbastanza sibillina: "State dicendo che questo film sarà alla pari con l'incontro tra Daenerys e Jon Snow?". Markus ha confermato la cosa senza esitazione, mentre McFeely ha alzato la posta in gioco: Avengers: Infinity War "sarà molto meglio!"

Di certo, le aspettative dei fan sono altrettanto alte. Un crossover di questa portata non ha precedenti (anche se il web non ne è del tutto convinto), e l'hype attorno al film non fa che crescere mentre ci avviciniamo alla fatidica data del 25 aprile 2018, quando il film arriverà nelle sale italiane.

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.