FOX

Giocare coi LEGO rende studenti migliori: lo studio dal Giappone

di -

Più intelligenti con i LEGO? Secondo uno studio condotto da Lego Japan la maggior parte dei laureati che hanno frequentato le università d'élite del paese hanno giocato con i celebri mattoncini quando erano bambini.

Primo piano di alcuni mattoncini colorati LEGO

39 condivisioni 0 commenti

Condividi

Chi non ha giocato almeno una volta con i LEGO? I mattoncini colorati, tanto amati dai bambini quanto dagli adulti, permettono di costruire qualsiasi cosa si desidera anche senza utilizzare un manuale di riferimento, ma affidandosi completamente alla propria creatività.

I LEGO - nome derivato dalle parole danesi leg e godt, letteralmente tradotto con “gioca bene” - sono giocattoli che possiamo considerare ormai "storici", visto che i primi mattoncini ufficiali furono prodotti quasi 60 anni fa e da allora hanno conquistato tutte le generazioni a venire fino ai giorni nostri, dove ormai sono considerati quasi degli "oggetti di culto".

Ora sembra che chi gioca con i mattoncini danesi da bambino, è destinato a fare cose davvero grandiose una volta diventato adulto. Non ci credete? Eppure è ciò che emerge da un nuovo studio condotto da LEGO Japan, già diventato oggetto di discussione tra gli psicologi ed educatori di tutto il mondo.

Due bambini giocano con i mattoncini LEGOHDLEGO

I ricercatori hanno intervistato 100 laureati, provenienti da ciascuna delle sei università più elitarie del Giappone (l'Università di Tokyo, Waseda, Keio, Hosei, Meiji e Rikkyo), riguardo le loro abitudini durante il periodo dell'infanzia e in che modo possono aver influenzato la loro crescita: più del 60% dei laureati di ciascuna università ha affermato di aver giocato con un set LEGO da bambino, tra questi il 92% ha dichiarato di non aver usato il manuale d'istruzioni, preferendo di costruire da zero.

Inoltre, alla domanda "In che modo i LEGO hanno contribuito allo sviluppo della tua intelligenza", più della metà degli intervistati ha affermato che giocare con i mattoncini colorati li ha aiutati a migliorare la concentrazione, l'organizzazione e a possedere una creatività "fuori dagli schemi". I risultati emersi da questa ricerca sembrano aver messo d'accordo tutti gli specialisti del campo dell'educazione, a partite dallo studioso Yukio Ishikawa che elogiato i LEGO:

"Questi giocattoli sono un bene per l'immaginazione e la creatività dei bambini e aiutano a migliorare anche la risoluzione dei problemi, poiché i bambini sono costretti a pensare a come costruire ciò che vedono con gli occhi della mente".

Quindi possiamo affermare che si diventa più intelligenti giocando con i LEGO durante l'infanzia? Come sottolinea il team di ricercatori, questo studio non dimostra la casualità tra il gioco e una creatività ben sviluppata, ma solo la loro correlazione. Inoltre, i risultati ottenuti da questo studio necessitano un maggior approfondimento, intervistando sia gli studenti di altre università che quelli che frequentano istituti superiori, per meglio analizzare l'ipotetica correlazione tra l'uso dei LEGO durante l'infanzia e la media scolastica conseguita.

Due Minifigure LEGOHDLEGO

Una cosa è certa: giocare con i mattoncini danesi non ha mai fatto male a nessun bambino e costruire con i LEGO richiede sicuramente una creatività ben spiccata. Non trovate?

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.