FOX

Fabrizio Frizzi è morto a 60 anni: addio al conduttore garbato

di -

Addio a Fabrizio Frizzi. Il volto gentile della TV italiana si è spento a 60 anni a causa di una emorragia cerebrale. La morte del conduttore ha suscitato grande cordoglio.

Fabrizio Frizzi sorridente in una foto ufficiale

1k condivisioni 1 commento

Condividi

La TV italiana dice addio a Fabrizio Frizzi. Il conduttore garbato, il volto gentile e sorridente del piccolo schermo, è morto a 60 anni nella notte tra il 25 e il 26 marzo 2018.

La notizia è arrivata nelle prime ore del mattino e ha lasciato il suo pubblico senza parole. Il padrone di casa di tanti, tantissimi show si è spento in ospedale a Roma. Come scrive ANSA, è stata fatale una emorragia cerebrale.

La conferma è stata data dalla seconda moglie, Carlotta Mantovan, dal fratello Fabio e dalla famiglia in una nota ufficiale:

Grazie Fabrizio per tutto l'amore che ci hai donato.

Fabrizio era stato colpito da una lieve ischemia il 23 ottobre 2017, mentre stava registrando un episodio de L'eredità. Il conduttore era stato subito soccorso e ricoverato al Policlinico Umberto I di Roma. Dopo essere stato sottoposto a una TAC che ha escluso complicazioni, era rimasto ricoverato alcuni giorni e poi dimesso. In seguito, aveva affrontato un periodo di riabilitazione presso il nosocomio di Sant'Andrea.

Non appena era stato meglio, Fabrizio aveva voluto ringraziare tutti coloro che lo avevano aiutato e gli erano stati vicini, rassicurando sul fatto che non aveva intenzione di mollare:

Combatto!

Il conduttore era tornato alla guida del quiz a premi il 15 dicembre, dopo essere stato brevemente sostituito dall'amico Carlo Conti. In quell'occasione, aveva rilasciato un'intervista a Vincenzo Mollica in cui scherzava sul fatto che per lui stare in TV era la cura migliore:

L'eredità è una gioia, fa bene anche al fisico. L'adrenalina sento che mi aiuta a stare meglio.

Il 5 febbraio, giorno del suo 60esimo compleanno, Fabrizio era tornato a parlare della malattia con la quale stava combattendo:

Non è ancora finita. Se guarirò, racconterò tutto nei dettagli, perché diventerò testimone della ricerca. Ora è la ricerca che mi sta aiutando.

La Rai ha ricordato la grandezza umana e professionale del conduttore con un comunicato ufficiale:

Con Fabrizio se ne va un pezzo di noi, della nostra storia, del nostro quotidiano. Non scompare solo un grande artista e uomo di spettacolo, con Fabrizio se ne va un caro amico, una persona che ci ha insegnato l'amore per il lavoro e per l'essere squadra, sempre attento e rispettoso verso il pubblico. Se ne va l'uomo dei sorrisi e degli abbracci per tutti. L'interprete straordinario del coraggio e della voglia di vivere.

La carriera di Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi ha iniziato la sua carriera nelle radio e nelle TV private e nel 1980 è approdato su Rai 2 ne Il barattolo, contenitore pomeridiano per ragazzi. In seguito, ha preso parte ad altre due trasmissioni dedicate al pubblico più giovane: Tandem e Pane e marmellata, condotta insieme alla sua futura moglie, Rita dalla Chiesa (con la quale è stato sposato dal 1992 al 1998).

Il debutto in prima serata su Rai 1 arrivato nel 1988, con Europa Europa di Michele Guardì, e nello stesso anno è iniziata la sua lunga avventura alla guida di Miss Italia. Fabrizio è stato il padrone di casa di 17 edizioni del concorso, dal 1988 al 2002 e poi nel 2011 e nel 2012.

Fabrizio Frizzi e Antonella Clerici a Ti lascio una canzoneHDGetty Images
Fabrizio Frizzi brinda con Antonella Clerici a Ti lascio una canzone

Nel 1990, il conduttore è stato il timoniere della prima edizione de I fatti vostri. E sempre con Michele Guardì, nel 1991 ha tenuto a battesimo un altro grande successo della TV pubblica, Scommettiamo che...?, che ha presentato in coppia con Milly Carlucci.

Nel 1992 ha fatto una breve incursione in Mediaset, conducendo La notte dei telegatti insieme a Corrado, al quale ha sempre detto di ispirarsi.

Dopo avere fatto gli onori di casa in occasione di diversi eventi televisivi come La partita del cuore e Telethon e avere condotto nuove edizioni di Scommettiamo che...?, ha presentato altre celebri trasmissioni Rai, compresa Domenica In, e si è cimentato con la fiction, recitando in Non lasciamoci più.

Nel mezzo, Fabrizio ha anche lavorato come doppiatore, prestando la voce a Woody di Toy Story. Il conduttore è tornato a interpretare il coraggioso cowboy giocattolo in tutti i film del franchise, nei lungometraggi per l'home video e nei videogiochi. Ha anche preso parte a Cars - Motori ruggenti (2006) e a un episodio della 25esima stagione de I Simpson

In polemica con Fabrizio Del Noce, nel 2002 ha lasciato la Rai per lavorare in Mediaset, ma ha fatto ritorno in via Mazzini dopo un anno.

Dopo avere preso parte come concorrente alla prima edizione di Ballando con le stelle, Fabrizio ha condotto per diverse stagioni il programma mattutino di Rai 3 Cominciamo bene e nel 2007 è approdato al preserale alla guida dei Soliti ignoti - Identità nascoste.

Tra i suoi numerosi impegni come conduttore, nel 2013 ha partecipato come concorrente a Tale e Quale Show e nel 2014 è diventato giurato di Ti lascio una canzone. Nello stesso anno, è subentrato a Carlo Conti alla guida de L'eredità. Fabrizio ha presentato lo show per 5 stagioni.

Le reazioni dei colleghi alla morte di Fabrizio Frizzi

La morte di Fabrizio Frizzi ha spezzato il cuore ai colleghi, che gli hanno reso omaggio sui social con numerosi messaggi di cordoglio.

Milly Carlucci, sua partner alla guida di Scommettiamo che...?, ha affidato a Twitter un breve messaggio da cui traspare un dolore immenso:

Simona Ventura ha ricordato la "persona eccezionale" che era:

Parole piene di affetto e di stima sono arrivate anche da Giancarlo Leone e da Enrico Ruggeri:

Max Giusti ha reso omaggio al conduttore con una foto che li ritrae insieme:

Ma il saluto più bello e malinconico è probabilmente quello di Rudy Zerby, che ha detto addio a Fabrizio con le parole di Buzz Lightyear:

Perché è bello immaginare che ora Fabrizio Frizzi stia conducendo un nuovo show lassù, da qualche parte, con il suo garbo e la sua risata gentile.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.