FoxCrime  

Il ritorno di Criminal Minds 13: ecco un'anteprima del nuovo episodio

di -

Il profilo è uno strumento investigativo, un'arma nelle mani degli agenti dell'FBI per catturare un assassino. Raccontarlo a una comunità di gente che non crede nell'autorità, però, non è facile. Ecco un'anteprima di Criminal Minds 13

480 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il profilo è soltanto una guida: è uno strumento investigativo, e questo va sottolineato.

Nelle parole di Emily Prentiss, che parla a nome della squadra della BAU che la affianca, racchiudono il senso stesso di Criminal Minds. La serie di Jeff Davis, giunta con successo alla tredicesima stagione, torna su FoxCrime con gli episodi inediti. E ci ricorda come la sua intera struttura, basata sul lavoro dei profiler dell'FBI dell'Unità di Scienza Comportamentale, sia fondata sulla capacità degli agenti di trasformare gli indizi rinvenuti sulla scena di un crimine in un identikit.

Le ipotesi, i profili, le ricerche in cerchie di individui sempre più ristrette sono il sale della serie, che richiama il vero lavoro dei profiler. Anche per questo, per la sua verosimiglianza nell'analisi dei profili per individuare gli S.I., i Soggetti Ignoti, è così interessante.

Le teorie del complotto

Ma c'è anche molto, molto di più in Criminal Minds. Durante il corso delle varie stagioni, e con l'avvicendamento dei protagonisti in un cast che è stato in grado di rimanere sempre e comunque gradito al pubblico (anche se, diciamolo, la mancanza di Hotch si fa sentire...), gli agenti si sono imbattuti nelle situazioni più svariate.

Stavolta, però, la scelta di riunire le persone che potrebbero aiutarli a individuare il loro S.I. (e che potrebbe essere uno di loro) all'interno di un circolo per veterani, anziché alla centrale di polizia locale, ha ragioni molto precise. Stavolta, J.J. e i suoi colleghi si trovano a dover interagire con un gruppo di cittadini che diffidano profondamente del loro lavoro, dell'agenzia a cui fanno capo, della loro stessa autorità.

Ben attenta a non definirli "teorici del complotto" - come sottolinea una di loro - J.J. ci spiega di trovarsi di fronte alla comunità ufficiale dei Verificatori di Roswell, New Mexico. Ovvero le persone addette a sostenere l'ipotesi che nel 1947 un oggetto volante non identificato - o meglio: una navicella aliena - si sia schiantato a Roswell, cittadina del New Mexico, dando prova dell'esistenza di vita intelligente su altri pianeti.

L'incidente di Roswell, citato dall'omonima serie con Jason Behr e da un'infinità di altre produzioni cinematografiche e televisive (da X-Files a Independence Day, da Star Trek a Taken), è la base stessa delle teorie cospiratorie. Teorie che J.J. cita, scatenando le proteste dei presenti... Fino al momento più drammatico.

Prove piazzate sulla scena

Che mi avete messo in tasca?

Ecco cosa chiede, e si chiede, l'uomo che estrae dal giubbotto un'arma, scatenando il panico fra i presenti. E non è un caso: ogni teoria cospiratoria che si rispetti include, fra le sue prove a sostegno, l'indicazione che la polizia o chi per essa abbia piazzato prove fasulle sulla scena per sviare le indagini o per incastrare un capro espiatorio.

In questa breve sequenza, della durata circa due minuti e mezzo, il nuovo episodio di Criminal Minds ci racconta l'intera storia della serie e riassume i fatti principali relativi alle ipotesi di complotto, punto nevralgico della narrazione in questa storia.

Doug, l'uomo che estrae la pistola, si ritrova le armi di tutta la squadra puntate addosso, mentre Emily cerca di calmarlo e di spingerlo a parlare, per poi convincerlo ad arrendersi.

L'esito, purtroppo, è diverso: Doug si punta la pistola alla tempia, dopo aver detto di saper riconoscere le operazioni sotto falsa bandiera. Il riferimento è esplicito: il termine False Flag - titolo dell'episodio nonché titolo della serie trasmessa in Italia da FOX - richiama le operazioni di spionaggio sotto copertura.

Il tema principale dell'episodio che vedremo il 30 marzo su FoxCrime è inequivocabile. Non ci resta che scoprire come faranno i nostri agenti a individuare il loro assassino...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.