FOX

Mark Hamill: 'Ci sono troppi film di Star Wars'

di -

Forse ci vorrebbe una tabella di marcia meno sostenuta. Parola di Luke Skywalker.

Mark Hamill nel ruolo di Luke Skywalker

399 condivisioni 0 commenti

Condividi

Prima che Disney comprasse Lucasfilm nel 2012, il franchise di Star Wars da alcuni era considerato in una parabola discendente. Dopo l'acquisizione il trend si è decisamente invertito.

La nuova tabella di marcia messa in piedi dalla casa di Topolino, come sappiamo, ci garantisce un film di Guerre Stellari ogni anno per il prossimo futuro. Fra spin-off e capitoli canon della storia, però, qualcuno ha cominciato a porsi delle domande sulla sostenibilità di questo nuovo corso.

Fra questi c'è persino Luke Skywalker stesso, ovvero Mark Hamill, che a CinemaBlend ha dichiarato:

Secondo me dovrebbero darsi un ritmo, perché così andiamo incontro a una saturazione. Ho detto a Disney, ' Davvero? A soli cinque mesi dall'uscita [di Star Wars 8], esce [Solo: A Star Wars Story]? Non potreste almeno attendere fino a Natale?'. Però hanno già altri progetti già previsti - film Marvel e gli altri loro film, quindi la cosa è fuori dalla mia portata.

Come sappiamo, Solo: A Star Wars Story è solo la punta dell'iceberg rispetto ai progetti che Disney ha in cantiere su Star Wars. Nel 2019 uscirà Episodio IX, sempre affidato a J.J. Abrams e che chiuderà la nuova trilogia.

Disney ha anche ingaggiato il duo di produttori D.B. Weiss e David Benioff, a cui si deve il successo di Game of Thrones, e il regista Rian Johnson, che ha diretto l'Episodio 8, per sviluppare nuove trilogie canoniche. Stiamo parlando di 7 anni di blockbuster, se i film continueranno a uscire con cadenza annuale.

Nonostante le opinioni dei fan più hardcore, non c'è limite alle narrazioni che si possono ambientare nella galassia lontana lontana. Anche Mark Hamill la pensa così, anche se preferirebbe un passo più lento a livello produttivo:

Non ci dovrebbe essere [un limite alla storie da raccontare], visto il mondo infinito a disposizione. Con i film standalone, possono avere ciascuno la propria identità. Rogue One può essere crudo, come un film di guerra... Penso, ma non ne sono certo, che Solo sarà più divertente perché parlerà di un malandrino, un ladro, un giocatore d'azzardo, un donnaiolo e queste cose qua. Penso quindi che il vantaggio dei film standalone sia che non devono seguire la forma di una trilogia, con le premesse, gli svolgimenti e le chiusure che lasciano il pubblico in sospeso. Quindi ci sono infinite possibilità.

Solo il tempo ci mostrerà l'impatto di così tanti film di Star Wars sull'ecosistema cinematografico ma, per ora, le cose stanno filando piuttosto lisce. Dopo tutto, gli ultimi film del franchise sono considerati fra i più grossi blockbuster di tutti i tempi e sono ben posizionati nella Top 25 degli incassi a livello mondiale.

Il treno di Star Wars, dunque, non si fermerà tanto presto. Almeno, finché il pubblico non si stancherà davvero...

Qual è il guerriero più forte di Star Wars?

Vota

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.