FOX

Dwayne Johnson racconta la sua battaglia contro la depressione

di -

The Rock ha parlato della sua battaglia contro la depressione e del tentativo di suicidio della madre e ha ricordato alle persone che soffrono che non sono sole.

Dwayne "The Rock" Johnson alla prima di Jumanji - Benvenuti nella giungla

832 condivisioni 0 commenti

Condividi

In questi giorni, Dwayne Johnson sta affrontando sul grande schermo le mostruose creature mutanti di Rampage - Furia animale. Ma in passato ha combattuto una battaglia contro un nemico ancora più spaventoso. In una intervista a The Express, l'attore ha rivelato di avere sofferto di depressione e ha raccontato che la malattia lo aveva annichilito:

Sono arrivato a un punto in cui non volevo fare nulla o andare da nessuna parte. Piangevo di continuo.

"The Rock" ha ricordato di avere toccato il fondo quando ha dovuto rinunciare a diventare un calciatore professionista. La star di Jumanji - Benvenuti nella giungla aveva firmato un contratto con la Canadian Football League, ma dopo un anno si è ritrovato senza ingaggio a causa degli infortuni. Di lì a poco, la ragazza con la quale stava all'epoca lo ha lasciato e lui è letteralmente sprofondato:

Quello è stato in assoluto il momento peggiore della mia vita.

Dwayne Johnson sulla Walk of FameHDGetty Images
Dwayne Johnson con la madre sulla Walk of Fame

La depressione aveva già fatto irruzione con violenza nella vita di Dwayne Johnson. Quando l'attore aveva 15 anni, la madre ha tentato il suicidio davanti a lui, pochi mesi dopo che avevano ricevuto lo sfratto.

L'ex stella del wrestling aveva raccontato l'episodio su Instagram a febbraio 2018, a corredo di una foto che mostrava il suo personaggio in Ballers stappare una birra sulla tomba del fratello morto suicida. L'occasione della finzione televisiva aveva spinto The Rock a una toccante riflessione:

[La scena, n.d.r.] mi ha fatto pensare a quanti di noi sono stati colpiti dal suicidio di un amico o di un familiare. La lotta e il dolore sono reali. Chi più e chi meno, tutti ci siamo trovati in quel punto. Mia madre ha provato a farla finita quando avevo 15 anni. È scesa dall'auto sull'Interstatale 65, a Nashville, e si è messa a camminare nel traffico. Tir e macchine sbandavano per non travolgerla. L'ho afferrata e tirata indietro, sul ciglio della strada. La cosa pazzesca è che lei non si ricorda nulla di quel tentativo di suicidio. Probabilmente, è meglio così.

Girare la sequenza non è stato facile per Dwayne, ma l'attore ha riconosciuto che è stato importante per portare l'attenzione su una problematica grave e tristemente reale:

[Quel ciak, n.d.r.] mi ha ricordato che dobbiamo sempre fare del nostro meglio per prestare davvero attenzione alle persone che soffrono. Ascoltatele, parlateci e ricordate loro che non sono sole. Quando avevo 15 anni, mia mamma e io siamo stati fortunati. Ma non è sempre così.

Parlando con The Express, The Rock ha raccontato che lui e sua madre sono guariti e ha rinnovato ancora una volta l'invito a stare vicini - realmente - a coloro che combattono la loro silenziosa, logorante battaglia contro la depressione.

Not your typical scene on our comedy #ballers, as I cracked a beer open toasting my character’s brother, William who committed suicide. Got me thinkin’ though bout how many of us have been affected by suicide of our friends, family. Struggle and pain is real. We’ve all been there on some level or another. My mom tried to check out when I was 15. She got outta the car on Interstate 65 in Nashville and walked into oncoming traffic. Big rigs and cars swerving outta the way not to hit her. I grabbed her and pulled her back on the gravel shoulder of the road. What’s crazy about that suicide attempt is to this day, she has no recollection of it whatsoever. Probably best she doesn’t. Shits of a scene to shoot - didn’t like it - but it did reminder that we always gotta do our best to really pay attention when people are in pain. Help ‘em thru it, get ‘em talkin’ about the struggle and remind ‘em that they’re not alone. We got lucky that day when I was 15 and that ain’t always the case.

A post shared by therock (@therock) on

L'intervista di Dwayne Johnson ha lasciato il segno e ha generato un dibattito di grande importanza sociale. E la star ha risposto su Twitter a tutti coloro che hanno preso parte alla discussione con un messaggio di speranza:

Tutti ci troviamo ad attraversare il fango o la m**** e la depressione non fa discriminazioni. Mi ci è voluto molto tempo per capirlo, ma la chiave è non avere paura ad aprirsi. Soprattutto noi ragazzi abbiamo la tendenza a tenerci tutto dentro. Non siete soli.

Anche questa volta, The Rock ha sconfitto il mostro.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.