FoxCrime

Il sangue rubato di Stan Lee usato per firmare fumetti Marvel

di -

Stan Lee continua a essere al centro di vicende poco chiare: scopri tutti i dettagli sul furto di alcune fiale del suo sangue utilizzato per firmare dei fumetti.

Stan Lee

333 condivisioni 0 commenti

Condividi

Stan Lee non sembra trovare più pace. Dopo le accuse di molestie sessuali e i problemi finanziari legati alla società di beneficenza Hands of Respect, è finito al centro di una stranissima vicenda che potrebbe quasi essere la trama di un fumetto. Come forse saprete, il povero Stan ha avuto diversi problemi di salute che lo hanno costretto ad affidarsi alle cure di una serie di infermiere. Sembra che due di loro abbiano rubato delle fiale di sangue destinate a delle analisi. 

Secondo i siti di informazione inglesi e americani, quello stesso sangue è stato utilizzato per autografare dei fumetti venduti presso la Marvel Avengers Station di Las Vegas. I fumetti venivano venduti con allegato un certificato di autenticità che riportava la seguente dicitura: firmati a mano con l'inchiosto Solvent DNA di Stan Lee

Stan Lee al Comi-Con di Los Angeles nel 2017

Si potevano acquistare The Mighty Thor #700 e Rise of the Black Panther #1 alla modica cifra di 500 dollari, con incluso il famoso certificato. Non si tratterebbe comunque di fumetti circolati solo in quest'ultimo periodo, ma di un commercio che andava avanti almeno dal dicembre del 2017. Secondo alcuni messaggi diffusi online, Stan Lee sarebbe stato addirittura al corrente della cosa e l'avrebbe autorizzata per consentire una raccolta di fondi da devolvere alle famiglie della vittime della sparatoria avvenuta nell'ottobre del 2017 a Las Vegas.

Ricordate la sparatoria che ha portato alla morte di 59 persone e al ferimento di altre 500 durante il concerto di musica country vicino al Mandalay Bay Casino? Ebbene, Stan Lee avrebbe autorizzato il prelievo del suo sangue per lanciare una campagna a sostegno dei parenti delle vittime della strage del Mandalay Bay.

Le ultime informazioni fornite dalla stessa Marvel Avengers Station raccontano tutta un'altra storia. Stan Lee non avrebbe mai dato alcun consenso e i fumetti sarebbero stati acquistati tramite l'associazione di beneficenza Hands of Respect, la stessa gestita da un socio con cui il fumettista ha avuto dei problemi. 

La Marvel Avengers Station ha ritirato dal commercio i fumetti e ha rilasciato una dichiarazione: 

Siamo un negozio al dettaglio che ha acquistato un prodotto da Hands of Respect LLC and DLK Brand Consulting LLC che sembrava certificato e ottenuto con le dovute autorizzazioni. I volumi sono stati rimossi immediatamente dai nostri scaffali. 

Dopo il chiarimento di questa vicenda, non ci resta che augurare a Stan Lee una maggiore tranquillità!

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.