FoxCrime

T.J. Miller (Deadpool) arrestato per un finto allarme-bomba

di -

T. J. Miller, star della serie TV Silicon Valley e del film Deadpool, è stato arrestato dopo aver procurato un falso allarme su una bomba a bordo di un treno. Ecco come sono andate le cose.

T.J. Miller

35 condivisioni 0 commenti

Condividi

T. J. Miller, stella della serie TV Silicon Valley e del film Deadpool (nonché dell'imminente Deadpool 2) e Ready Player One, è balzato agli onori della cronaca per questioni che esulano del tutto dal suo talento nel campo della recitazione.

L'attore, infatti, è stato arrestato lunedì scorso all'aeroporto LaGuardia di New York con l'accusa di aver procurato un falso allarme relativamente ad una bomba che avrebbe dovuto trovarsi a bordo di un treno. Il procuratore degli Stati Uniti per il distretto del Connecticut ha confermato al The Hollywood Reporter che T. J. Miller è stato arrestato perché l'attore avrebbe chiamato la polizia e avrebbe dichiarato che una donna, passeggera a bordo di un treno della Amtrak Train diretto a New York, aveva una bomba nella sua borsa. 

Come si è scoperto successivamente, Miller, in realtà, viaggiava su un altro treno, e, secondo la guardia a bordo di quel treno, Miller è apparso del tutto ubriaco quando è salito a bordo, ha consumato più drink durante il suo viaggio ed è stato accompagnato fuori dal treno a New York a causa della sua presunta ubriachezza. 

T. J. Miller nel film Deadpool

Che sia una coincidenza o meno, sembra che Miller "sia stato coinvolto in scambi ostili con una donna che era seduta in una fila diversa da lui nella prima classe del treno", secondo quanto dichiarato da un comunicato stampa delle autorità. Per quanto riguarda il treno che Miller aveva citato come minacciato da una presunta bomba, le forze dell'ordine hanno dichiarato che nessuna prova dell'esistenza di un ordigno è stata rilevata dopo che il treno è stato fermato ed evacuato in Connecticut.

Secondo il The Hollywood Reporter Miller è apparso in tribunale a New Haven nella giornata di martedì ed è stato rilasciato dopo aver pagato una cauzione di 100mila dollari. La Task Force per il terrorismo congiunto del Federal Bureau of Investigation, la Polizia di Stato del Connecticut, il dipartimento di polizia dell'Autorità del trasporto metropolitano, il dipartimento di polizia di Amtrak e il dipartimento di polizia di Westport stanno indagando sul caso e l'accusa contro l'attore potrebbe tramutarsi in una condanna a ben 5 anni di prigione.

Non è il primo, grosso, guaio che coinvolge il noto attore. Miller, infatti, è stato accusato, sul finire del 2017, di molestie sessuali da parte di una donna che ha scelto di rimanere anonima e che ha raccontato la sua storia nel corso di un'intervista concessa a The Daily Beast.

La donna ha raccontato che le violenze si sarebbero consumate quando entrambi erano studenti alla George Washington University.

Per il momento, nessun portavoce di T.J. Miller ha commentato l'accaduto.

Via: Vanity Fair

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.