FoxCrime

Ghost Stories, la recensione: tornano i brividi britannici in una vera chicca horror

di -

Dai palchi del teatri al grande schermo, Ghost Stories è la chicca horror che non ti aspetti e che ti meriti: la recensione del film di spiriti e presenze con Martin Freeman protagonista.

Martin Freeman in Ghost Stories

105 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il 2018 è partito davvero alla grande per gli amanti del cinema horror, spesso costretti ad accontentarsi di uscite di genere dalla qualità infima. Se Un posto tranquillo è sulla bocca di tutti e sta raggiungendo risultati più che ragguardevoli al botteghino, Ghost Stories è la vera sorpresa della primavera da brivido. Salutato come il miglior film horror proveniente dal Regno Unito da parecchi anni a questa parte, è una pellicola davvero elettrizzante, consapevole delle radici del genere in cui si inoltra, capace di spaventare in maniera ironica e cinematograficamente appagante. 

Un misterioso personaggio in fondo a un tunnel osserva lo spettatoreHDAdler
Misteriose presenze, brividi e sense of humour tipicamente britannici: Ghost Stories è una vera chicca made in UK!

Se la promozione non è ancora riuscita a fargli guadagnare un posto sotto i riflettori, è il momento di approfittare di questa falla. Amanti delle storie di spiriti e presenze, vi consiglio di fare un professione di fede (horror). In altre parole, chiudete questa recensione e andate al cinema a vedere Ghost Stories; il classico lungometraggio di cui meno sai quando entri il sala, meglio è. La sorpresa sarà maggiore e il risultato ancor più appagante. 

Ghost Stories: i fantasmi di Albione

Jeremy Dyson e Andy Nyman di lavoro scrivono pièce teatrali: Ghost Stories nasce come spettacolo cinematografico di culto e particolarmente terrorizzate, che i due hanno pensato più riprese di portare su grande schermo, alla ricerca del momento e del nome giusto. Finché non hanno deciso di far tutto da sé: ne sono diventati i registi, curando la regia dei tre "casi paranormali" che vanno a costituire l'affresco più grande e complesso del film, uno di loro interpreta (e davvero bene) il professore e indagatore di paranormale che ci accompagna nelle testimonianze di chi è entrato a contatto col sovroumano e spiritico. 

Andy Nyman in Ghost StoriesHDAdler
Andy Nyman se la cava piuttosto bene anche come protagonista del film da lui scritto e diretto con Jeremy Dyson

È davvero difficile presentare questo film senza svelare troppo, proprio perché è concepito come un raffinato costrutto teatrale e cinematografico che gioca con le aspettative dello spettatore, con gli stilemi del genere, con le situazioni archetipiche dell'horror. Basta guardare alle ambientazioni - un ex manicomio abbandonato, una foresta sinistra in cui ovviamente non c'è segnale per il cellulare, una casa solitaria in cui gocciola un rubinetto - per capire quanto Ghost Stories cominci il suo cammino da un punto di partenza più che consolidato, quasi totemico, per poi evolvere in un discorso tutto suo e davvero sorprendente. Dalla regia alla narrazione, questo horror è genuinamente divertente, perché spaventa e diverte con un umorismo nerissimo, sfruttando al massimo la dimensione visiva che si fa metafora, allegoria, riflesso e simbolo propri del mondo del cinema. 

Ghost Stories: rielaborando la miglior tradizione del genere horror

Fosse semplicemente una celebrazione e omaggio dei begli horror di una volta (anni '70 e '80, Europa, pochi soldi ma tantissime idee volte a spaventare e appassionare chi era in sala), Ghost Stories sarebbe già un un ottimo film, ben più ambizioso del horror medio odierno. È quando sul gran finale arriva inaspettato il messaggio che vuole dare, che diventa un grande film horror, capace di raccogliere il testimone della tradizione migliore del genere: quella in cui lo spavento era funzionale a un messaggio sociale o un'indagine psicologica.

Andy Nyman e Martin FreemanHDAdler
Martin Freeman si conferma uno dei grandi attori della sua generazione

Queste componenti ci sono entrambe. La prima, seppur lieve, è una chiara indagine dell'anima più misera ma forse più autentica dell'essere cittadini inglesi. Non a caso i tre superbi interpreti dei tre segmenti - Paul Whitehouse, Alex Lawther e un Martin Freeman ancora una volta impressionante - hanno grande esperienza teatrale e incarnano un triplice ritratto dell'essere inglesi. Cambia l'età, il contesto familiare, la classe sociale, ma tra inaspettate perle di humor nerissimo, miserie (tante) e virtù (quasi assenti) di Albione, si respira davvero un'atmosfera inglese e fiera di esserlo, senza però indorare la pillola. 

Molto più marcata nella sua metafora è l'indagine psicologica. Lo spettatore è sottoposto a frammenti dispersi in storie altrettanto segmentate, che con un brusco scossone finale vanno a comporre lo specchio spezzato che contiene la chiave di lettura di tutto il film, metafora potente di un senso di colpa che scava dentro e fuori la vita delle persone, sepolto ma mai completamente sopito. Anzi, nell'urgenza di spiegare e stupire, forse il film si spinge un po' troppo in là, mancando un finale perfetto per aggiungere un'altra accessoria e poi ancora una volta un'ulteriore conclusione. È l'unica sbavatura, l'unico frangente in cui si poteva fare economia in un film che comunque rimane sotto i 100 minuti e mette a segno molti più colpi di film col doppio del budget e del tempo a disposizione. 

Ghost Stories sarà nella sale a partire dal 19 aprile 2018. 

Voto8/10

Dal palco al cinema, il trittico di storie di fantasmi britannici sorprende non solo per i brividi che regala, ma soprattutto per la veste cinematografica di gran pregio che indossa. Una vera chicca.

Elisa Giudici

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.