FOX

Charlize Theron ingrassata di oltre 22 chili e depressa (per lavoro)

di -

Charlize Theron ingrassata e depressa? L'attrice si è sottoposta ad una profonda trasformazione per calarsi al meglio nel ruolo di una mamma sull'orlo di una crisi di nervi nel suo nuovo film Tully.

Charlize Theron

779 condivisioni 0 commenti

Condividi

Bellissima, bionda e un corpo perfetto. Se immaginate Charlize Theron in questo modo, bhe, potete dimenticarvela. 

La bellissima attrice premio Oscar per Monster nel 2003 è depressa ed è ingrassata di ben 22 chili... fortunatamente solo per lavoro. La Theron, infatti, sarà presto nei cinema italiani con il suo nuovo film, Tully, che le ha richiesto una profonda trasformazione fisica e mentale.

Di certo Charlize Theron è abituata a modificare il suo aspetto (in peggio) per calarsi al meglio nei panni di donne difficili, messe a dura prova dalla vita. Nel già citato Monster, l'attrice si è sottoposta ad intense sedute di trucco che le hanno alterato i perfetti tratti del viso, oltre ad aver dovuto mettere peso per interpretare il ruolo di Aileen Wuornos. Per Mad Max Fury Road ha, invece, dovuto dire addio alla sua bellissima chioma bionda.

In Tully, l'attrice, oggi 42enne, interpreta una madre sull'orlo di una vera e propria crisi di nervi e per fare il suo dovere al meglio non ha esitato ad alterare il suo bellissimo aspetto fisico. 

Intervistata da Entertainment Tonight, la Theron ha spiegato le fasi che l'hanno condotta alla trasformazione subita per il film in circa tre mesi e mezzo.

Le prime tre settimane sono sempre divertenti perché sei come un bambino in un negozio di caramelle, quindi è stato divertente fare colazione con tanti frappè. E poi dopo tre settimane, non è stato più divertente, perché appena finisci di mangiare devi poi ricominciare per lavoro. Ricordo di aver dovuto impostare la sveglia nel mezzo della notte per dover mangiare. Mi svegliavo letteralmente alle due del mattino e avevo un piatto di maccheroni col formaggio proprio accanto a me. Mi svegliavo e mi limitavo a mangiarlo. Ad un certo punto era come se dovessi spingerlo in gola.

Nel corso dei mesi in cui si è preparata per questo ruolo, i suoi due bambini adottivi, Jackson, 6 anni, e August, 2, sono stati convinti che la loro mamma fosse incinta.

Nonostante tutte le difficoltà, però, Charlize sarebbe pronta a riaffrontare tutta la preparazione per Tully:

Non voglio dire che non sia stato coraggioso, ma non avrei mai potuto interpretare questo personaggio senza prendere peso. L’esaurimento, il modo in cui senti il tuo corpo, il modo in cui cambia la tua faccia, le tue mani, le tue dita, la misura delle scarpe, è fondamentale. 

Per riprendere il peso forma ci è voluto molto più tempo rispetto ai tempi di Monster. L'attrice ha infatti confermato:

Ho girato Monster quando avevo 27 anni. E dopo ricordo di aver smesso di mangiare snack per tre settimane e di esser subito tornata al mio peso forma. Ma questa volta è stata molto dura. Il corpo dei 40 non è più quello dei 20, bisogna imparare ad assecondarlo.

Charlize Theron

In Tully Charlize Theron interpreta Marlo, madre di tre bambini, di cui uno molto piccolo che, a causa dei suoi impegni domestici e per il fatto che il marito è fuori praticamente tutto il giorno, decide di assumere una tata notturna. Sebbene esiti molto all'inizio, Marlo stringerà un forte legame emotivo con la premurosa, e tavolta pungente, tata di nome Tully (Mackenzie Davis)

Per poter ammirare lo straordinario lavoro fatto da Charlize Theron per Tully l'appuntamento è per il 3 maggio 2018 in tutti i cinema italiani.

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.