FOX

La storia fantastica: 'Ai tuoi ordini' e le frasi del film

di -

La storia d'amore tra il garzone Westley e la principessa Bottondoro ha fatto sognare tutti i fan de La storia fantastica. Ecco le frasi più memorabili di questa splendida fiaba.

Una scena de La storia fantastica 20th Century Fox

8 condivisioni 0 commenti

Condividi

È una favola senza tempo e una splendida storia d'amore: La storia fantastica, che ha spento nel settembre 2017 le sue prime 30 candeline, racconta le mille peripezie di Westley alla ricerca della donna che ama, la principessa Bottondoro. Il coraggioso garzone dovrà scontrarsi con giganti, spadaccini e minuscoli "avvelenatori" per ritrovare Bottondoro, salvarla e coronare il suo sogno romantico.

Il film del 1987 è diretto da Rob Reiner, è tratto dal romanzo La principessa sposa (che dà il titolo originale alla pellicola) di William Goldman e presenta nei ruoli principali una bellissima e giovanissima Robin Wright al fianco di Cary Elwes, Fred Savage e Peter Falk, l'intramontabile "tenente Colombo". La struttura a cornice della storia presenta un nonno che racconta una storia al nipotino, costretto a letto per l'influenza.

La favola consiste proprio nell'amore tra Wesley e Bottondoro, in grado di superare qualunque ostacolo.

Ecco le citazioni e le frasi più memorabili della pellicola.

Ai tuoi ordini

"Ai tuoi ordini", spiega il nonno al nipote, è una formula d'amore che Wesley ha sempre utilizzato per relazionarsi con Bottondoro. Posto che all'inizio della storia lui era semplicemente il garzone della ricca famiglia di lei, non aveva altro modo per rispondere alle richieste della ragazza.

Ai tuoi ordini.

Costretto a partire per mare, Wesley viene creduto morto e Bottondoro diventa l'oggetto d'interesse del crudele principe Humperdinck, che medita di sposarla e ucciderla durante la prima notte di nozze per impossessarsi delle sue ricchezze.

Anche successivamente, quando Bottondoro e Wesley si ritroveranno (e lui assumerà l'identità del pirata Roberts), l'ex garzone sceglierà di utilizzare questa frase per comunicare con lei, ponendo l'accento sulla trasformazione del senso con il passaggio da principessa e servitore a innamorati.

È sempre il nonno a spiegare meglio questa frase.

Quel giorno si accorse con stupore che tutte le volte che lui le diceva 'Ai tuoi ordini', in realtà voleva dirle 'Ti amo'.

Wesley incontra Iñigo Montoya

L'abile spadaccino Iñigo Montoya affronta Wesley, ignaro che il suo avversario sia forte e veloce. I due, durante il duello, elencano nomi di maestri della spada realmente esistiti. Montoya usa un linguaggio particolare, una commistione tra inglese (doppiato in italiano) e spagnolo.

"Hola. Mi nombre es Iñigo Montoya, tu hai ucciso mi padre... preparate a morir!"
(Iñigo Montoya)

"Lo affronterò con la sinistra. E solo asì hai un pò de sodisfasione. Se uso la mano derecia lo finisco subito"
(Iñigo Montoya)

- Me duele matarte
- Me duele morir
- Iñigo Montoya e Wesley)

- Chie eres tu?
- Uno che non conta molto.
- Io devo saperlo
- Temo che non ti accontenterò.
(Iñigo Montoya e Wesley)

Wesley incontra Fezzik

Fezzik è un gigante mastodontico di origine groenlandese, che Wesley (sotto le spoglie del pirata Roberts) si trova ad affrontare per liberare Bottondoro. Interpretato da André the Giant, poteva contare su una forza straordinaria (e su un particolare talento nel creare rime).

"Non è colpa mia se sono più grosso e più forte. Io neanche mi alleno!"
(Fezzik)

"Il mio modo non è molto sportivo"
(Fezzik)

- Basta con le rime ho detto!
- Mi pento e mi batto il petto.
(Vizzini e Fezzik)

"Quindi tu butti via il sasso, io la spada e cerchiamo di ammazzarci da persone civili?"
(Wesley a Fezzik)

- Quel Vizzini, dice così para burla.
- Burla, burla... Vuol far il gran capo e urla.
- Ha la voce che sembra un... cannone.
- Forse perché è un pochino... cafone!
- Hai un grande talento para la rima.
- Sì, ora più... di prima!
(Iñigo Montoya e Fezzik)

Wesley incontra Vizzini

Vizzini è il più pericoloso dei tre criminali che hanno rapito la principessa: di origini italiane, uccide con l'astuzia e con i veleni. Wesley lo sfida a un duello di intelligenza.

"Il detto più famoso è: 'Mai andare a vendere i tappeti ai persiani... ma un quasi altrettanto conosciuto è questo: mai mettersi contro un siciliano quando si tratta di uccidere!'"
(Vizzini)

"Inconcepibile!"
(Vizzini)

"Tra noi non ci sarà nessun accordo. Sei tu che la stai uccidendo"
(Vizzini)

L'amore tra Bottondoro e Wesley

"Dopo l'invenzione del bacio, ci sono stati solo cinque baci che sono stati votati i più appassionati, i più puri. Questo li ha lasciati tutti alle spalle"
(Il nonno)

"Cos'è? Una storia di baci?"
(Il nipote)

"Nulla piaceva più a Bottondoro che dare ordini a Westley"
(Il nonno)

"È vero amore. Credi che succeda tutti i giorni?"
(Westley)

"L'amore vero capita una volta ogni cento anni"
(Westley)

"Io e Wesley siamo uniti dal legame dell'amore e quello tu non puoi trovarlo, neanche con 300 segugi e non puoi spezzarlo neanche con 300 spade…"
(Bottondoro)

- Chi era questo tuo amore? Un altro principe ricco, brutto e viscido?
- No. Era un garzone... povero. Povero e perfetto. Con gli occhi del colore del mare.
(Wesley/Pirata Roberts e Bottondoro)

Che ne pensate? Quale tra queste citazioni è la vostra preferita?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.