FoxComedy

Il GDPR entra in vigore e spamma la tua email: i migliori MEME dal web

"Abbiamo a cuore la tua privacy".

Opening Crawl di Star Wars con Privacy Policy Rian Johnson / Twitter

13 condivisioni 0 commenti

Condividi

Si chiama GDPR, che sta per General Data Protection Regulation: il regolamento generale sulla protezione dei dati formulato dalla Commissione Europea è lì per garantire la protezione dei dati personali online dei cittadini dell'UE.

C'è chi lo aspettava da anni, chi lo critica su tutti i fronti; e chi, stanco di tutto e tutti, si diverte a creare MEME. Sì, perché l'effetto più "tangibile" per gli utenti del GDPR al momento è proprio lo spam nella propria casella di posta elettronica. Da qualche giorno, infatti, le email degli internauti sono state invase da decine e decine di messaggi sul pronto aggiornamento della privacy policy da parte di altrettanti siti e piattaforme diverse.

Tutto un "restiamo ancora in contatto" e "non lasciarci" che hanno ispirato immagini divertenti, frutto dell'esasperazione e dal dover cliccare di continuo - diciamocelo, a volte alla cieca! - per accettare i nuovi "contratti virtuali" con siti, app e il web in generale.

Certi messaggi paiono lettere inviate da un(a) qualche ex un po' troppo appiccicoso/a. "Questo è un addio?" recitano alcune missive. "Non vogliamo perderti..." continuano altri. E, in effetti, alcune richieste recapitate per colpa del GDPR sembrano una richiesta disperata di continuare una relazione morente:

E l'aprire una nuova bottiglia di shampoo o una scatola di cereali non è più un'operazione sicura:

C'è chi in tutto questo vede una tragedia, immaginando un futuro dove ci arriveranno tante email sul GDPR che alla fine perderemo la voglia di usare un servizio di posta elettronica. E c'è chi, con ironia, sottolinea che se lo scopo del nuovo regolamento era minimizzare le comunicazioni marketing ricevute dagli utenti, quello scopo non è stato decisamente raggiunto:

Pure Rian Johnson, regista di Star Wars: Gli Ultimi Jedi non si è sottratto al gioco, trasformando la famosa "opening crawl" che contraddistingue i film della saga in un invito ad accettare i nuovi Termini & Condizioni d'Uso di una Galassia lontana.

Ma sia qui che nello spazio (siamo sicuri che pure qualche astronauta lassù abbia dovuto combattere lo spam, a questo punto) la domanda rimane sempre la stessa: "Vuoi continuare a ricevere le nostre email dopo che il GDPR entrerà in vigore?"

Perché, se non fosse chiaro, questa settimana sarà apocalittica per la nostra casella di posta. Ma è comunque bello scoprire che tante grandi aziende hanno cominciato ad interessarsi tutte in una volta alla nostra privacy... specie quelle a cui già avevi negato l'accesso ai tuoi dati ma prima ti contattavano lo stesso:

E voi quanto siete stati spammati in questi giorni?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.