FOX

Stranger Things: David Harbour rivela la sua lotta contro il disturbo bipolare

di -

David Harbour ha rivelato di soffrire di disturbo bipolare. La star di Stranger Things ha parlato della sua lotta contro la malattia con grande schiettezza.

David Harbour a un evento ufficiale Getty Images

285 condivisioni 1 commento

Condividi

In attesa di vederlo nei panni di Hellboy, David Harbour è per tutti l'eroico sceriffo Hopper di Stranger Things, che difende Undici e i suoi amici dagli intrighi del governo e dalle spaventose creature del Sottosopra. Ma l'attore non combatte solo contro i mostri della finzione. Nella sua vita c'è anche una lunga lotta contro il disturbo bipolare.

In una intervista a Marc Maron per il podcast WTF, riportata da tooFab, la star della serie creata dai Duffer Brothers ha rivelato che la malattia ha fatto il suo esordio quando aveva 25 anni, durante una sorta di fase mistica:

C'era questa cosa del cattolicesimo... ero sobrio da un anno e mezzo, avevo 25 anni e ho avuto un episodio maniacale. Mi è stato diagnosticato il disturbo bipolare. C'è stato davvero un momento in cui ho creduto di essere in connessione con Dio. Ma non era così. Era come se all'improvviso conoscessi tutte le risposte.

Quando Marc Maron gli ha chiesto se all'epoca assumesse droghe, David ha risposto di no e ha aggiunto che in definitiva non ne aveva bisogno, rivelando uno degli aspetti più angoscianti del suo disturbo, che ha causato il suo ricovero in un centro di igiene mentale:

La cosa interessante è che mi sono reso conto che non avevo bisogno della droga. Che potevo vedere gli 'Elfi' negli angoli delle stanze, se me lo permettevo. Per questa ragione, i miei mi hanno fatto internare.

L'attore ha raccontato che il ricovero è stata un'esperienza molto dura:

Ho una cosa da dire sul manicomio. Non è divertente come si crede. C'è la tendenza ad averne un'idea romantica, del tipo: 'Sei un genio'. In realtà, è una cosa tristissima e puzza di m****.

Il poster di Stranger ThingsHDNetflix
David Harbour nei panni di Jim Hpper in Stranger Things

La star di Stranger Things ha proseguito dicendo che, dopo che gli è stato diagnosticato il disturbo bipolare, ha iniziato una terapia farmacologica. Ma seguire la cura non è stato facile, perché credeva che le medicine lo privassero di intensità e profondità nella recitazione:

Sono stato sotto farmaci a lungo. Ho fatto avanti e indietro. È stata una lotta. Entravo e uscivo dalla terapia. [Ti manca l'aspetto maniacale, n.d.r.] o pensi di non essere l'artista che potresti essere. Credi di non potere andare in profondità come potresti.

David ha concluso dicendo che, diversamente dalla maggior parte delle persone, spiritualità e meditazione non lo aiutano a sentirsi meglio. Anzi, per lui sono una vera e propria porta sull'inferno:

La cosa divertente del mio cervello è che ogni episodio maniacale è associato a una fase mistica. Invece, di solito le persone dicono di avere bisogno di meditare di più o di fare yoga [per preservare la loro salute mentale, n.d.r.]. Al contrario, io devo mangiare un cheeseburger, fumare sigarette e uscire con qualcuno. Perché quando mi avvicino alle "risposte" e divento spirituale, quando sono "completamente presente a me stesso", è in quel momento che vado fuori di testa.

Probabilmente, parlare del proprio disturbo non è stato facile per l'attore. Ma la sua sincera e coraggiosa rivelazione può essere di grande aiuto per molte altre persone nelle sue condizioni. E senza dubbio lo rende ancora più amato dai fan per la sua grande umanità.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.