FOX

L'intrepido procione scalatore diventa virale (e scatena i MEME a tema Marvel)

Lieto fine per un'interpida creatura del Minnesota. Un procione si è arrampicato fino al tetto di un edificio di 23 piani, sfidando la morte e incoraggiando infiniti MEME, molti dei quali a tema Marvel.

Il procione scalatore del Minnesota @donnelly_law / Twitter

581 condivisioni 0 commenti

Condividi

Saint Paul, Minnesota.

Lì, sul davanzale di un edificio che si erge fino alle nuvole c'è qualcosa che nessuno si aspettava di trovare: un procione. In alto, in bilico tra la vita e la morte, si aggrappa con le zampine alla facciata e continua ad arrampicarsi verso quella che lui considera la salvezza. Sempre più su, la creatura tiene col fiato sospeso mezza America, che nella giornata di martedì 12 giugno 2018 punta tutti i riflettori su di lui.

La sua avventura inizia dal basso; ma gli esseri umani che lo ostacolano e tentano di farlo scendere da una sporgenza sbagliano qualcosa. E il procione non ci sta: zompetta via e, invece che scendere a terra, decide di iniziare l'arrampicata della vita.

La torre della banca UBS locale lo ospita fino ai suoi piani più alti: dal 13esimo piano, il procione arriva al 17esimo.

Si ferma, ogni tanto, per sistemarsi il pelo e usare gli infissi per grattarsi. Poi, una volta riprese le energie, eccolo che continua nella sua impresa. La pensa come una fuga dagli umani che per primi avevano tentato di farlo scendere da un cornicione? Oppure la vede come una gita? Poco importa: il procione continua dritto per la sua (verticale) strada.

Troppo rischioso per qualcuno tentare di fermarlo a questo punto: un intervento esterno si concluderebbe con il povero animale che precipita nel vuoto. Gli esperti sono concordi su questo punto: il procione si sentirebbe minacciato, e potrebbe attaccare qualcuno o tentare di saltare dal palazzo, andando incontro alla morte.

Allora non resta che restare a guardare mentre gli aggiornamenti arrivano, sui social e in televisione. #HangInThereBuddy: "Tieni duro, amico", scrivono gli internauti.

Ma #mprraccoon, com'è ormai noto su Twitter, non ha paura di nulla. Continua a salire, lui. E alla fine ecco che conquista anche il 23esimo piano dell'edificio.

Non può andare oltre: finalmente è sul tetto, e tutti possono tirare un sospiro di sollievo. 

E con la creaturina in salvo, è il momento che internet faccia quello che internet sa fare meglio: MEME e battute a tema.

L'intrepido procione scalatore non si accontenta di essere definito "una metafora di questo 2018": si spinge oltre, come solo lui sa fare. E quando arriva persino James Gunn, il regista di Guardiani della Galassia, a metterci lo zampino, ecco che l'eroe del giorno si trasforma - inevitabilmente - nella controparte di Rocket Raccoon.

Donerò mille dollari all'organizzazione non-politica a scelta di chi salverà quel procione. Non posso stare a guardare. Poverino.

"La storia delle origini di Rocket Raccoon si sta svolgendo davanti ai nostri occhi", scrive un utente. "Il marketing per il crossover tra Spider-Man e Rocket Raccoon sta diventando una cosa pazzesca" scrive un altro. E la trama del prossimo film Marvel è già chiara a tutti: "Rocket che viene sorpreso a rubare un braccio protesico da un edificio".

Ma in ogni caso: "qualsiasi cosa Marvel ha in programma per Rocket in Avengers 4 non può battere questa roba."

Perché, lo sappiamo benissimo che "Il criminale freelance noto come Rocket Raccoon è arrivato a St. Paul. Il mio consiglio è di avvicinarlo con cautela, se vuoi proprio salvarlo: è equipaggiato con grosse armi".

E comunque sarebbe stato bellissimo se alla fine della sua arrampicata il procione scalatore avesse scritto "Make America Groot Again" sulla facciata dell'edificio...

Che ne pensate: c'è abbastanza materiale per uno spin-off?

Via Twitter / ComicBook

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.