FOX

Resident Evil 2 Remake, tutte le differenze con il capolavoro degli anni '90

di -

In uscita a gennaio del prossimo anno, il remake di Resident Evil 2 promette un'esperienza orrorifica moderna senza dimenticare le sue gloriose origini. Scopriamo tutte le novità di una delle più grandi sorprese dell'E3 2018 di Los Angeles.

Leon S. Kennedy nel remake di Resident Evil 2 Capcom

963 condivisioni 1 commento

Condividi

Che Capcom fosse al lavoro su un remake di Resident Evil 2 è cosa nota. Con tutto l'entusiasmo misto a genuina preoccupazione di quanti hanno giocato, amato e vissuto il videogioco originale nel lontano 1998.

Solo all'E3 2018, però, il colosso di Osaka ha finalmente mostrato al grande pubblico un primo trailer di quello che, a furor di popolo, è considerato il capitolo più bello della saga survival horror giapponese. Sì, sul palco della conferenza Sony nel bel mezzo della fiera videoludica più importante al mondo, la casa di Street Fighter e Devil May Cry - sapevate che è in arrivo un quinto capitolo? - ha deciso di ''giocare pulito'' e svelare tutta la verità, giocando al tempo stesso anche con i nostri sentimenti di player appassionati.

Resident Evil 2 Remake è quindi reale. Ed inaspettatamente bellissimo. 

Il trailer di debutto ci proietta nella stessa Raccoon City devastata dall'epidemia zombie di esattamente venti anni fa. E lo fa dandoci in pasto una cittadina del midwest americano ancora più cupa e angosciante, in cui Leon S. Kennedy, poliziotto al primo giorno di lavoro, dovrà affrontare tutto l'orrore scatenato dal virus G creato dal ricercatore William Birkin, al soldo della multinazionale Umbrella Corporation. 

L'incipit del secondo capitolo pare essere rimasto invariato, con un ancora sprovveduto Leon inghiottito da un vortice di sangue, violenza e disperazione. Con lui anche Claire Redfield, co-protagonista sorella di Chris - eroe del primo, indimenticabile Resident Evil. Capcom ha infatti confermato che, come nell'originale, saranno disponibili due campagne separate nel gioco, che andranno ad intrecciarsi e ad influenzarsi a vicenda, con le scelte compiute nello scenario A a modificare alcuni, determinanti elementi nello scenario B.

Sarò quindi come ''tornare a casa'' per tutti coloro che conservano ancora gelosi e preziosissimi ricordi di Resident Evil 2.

I ''nuovi'' Leon e Claire

I due protagonisti, così come i comprimari, hanno subito però un pesante restyling estetico. Ed è questo a saltare immediatamente all'occhio nei primi filmati condivisi in quel di Los Angeles dal team di sviluppo. 

Leon è ancora lo stesso ragazzino che abbiamo conosciuto nel 1998, ma il volto appare più maturo e carico di quell'espressività che - per ovvie ragioni tecniche - erano assenti nella versione del '98. Ancora più impressionante è il cambiamento di Claire, che ha appeso al chiodo il suo look da motociclista per abbracciarne uno più casual e moderno, con capelli più vaporosi e una blusa scarlatta, senza dimenticare tratti somatici più marcati e seducenti. 

Resident Evil 2 Remake uscirà il 25 gennaio 2019Capcom

Lo stesso accade per la piccola Sherry Birkin, figlia di William che sarà poi portata in salvo dalla stessa Claire. Cambia l'outfit e il volto, mentre la fragile innocenza pare essere rimasta intatta. Il nuovo aspetto del padre rimane invece ancora avvolto nel mistero - è possibile scorgere un'ombra con quelli che sembrano impermeabile e cappello -, così come quello della bella e letale Ada Wong, controverso amore dell'eroe principale. Entrambi appaiono come sagome nei due trailer visti all'E3 2018, dunque la curiosità di scoprirne finalmente il volto è realmente alle stelle. 

Se era lecito attendersi evidenti migliorie grafiche nel remake, pochi a dire il vero si aspettavano un comparto tecnico tanto spettacolare per Resident Evil 2. Merito del RE Engine, lo stesso motore grafico impiegato da Capcom per dare vita a Resident Evil 7, ultimo e rivoluzionario capitolo della serie, approdato di recente anche su Nintendo Switch - almeno nella Terra del Sol Levante

Sfruttando il suo engine proprietario, la compagnia dagli occhi a mandorla è riuscita a regalarci anche ambientazioni tanto terrificanti quanto spettacolari. La stazione di polizia di Raccoon City ad esempio, appare molto più vera e dettagliata, ma con alcuni elementi caratteristici indimenticabili, come la cancellata antistante e la statua nella hall di ingresso.

Incredibile, poi, la realizzazione degli zombie. Tutti diversi, ricchissimi di particolari e ancora più famelici che in passato, con la loro andatura a pennellare una danza della morte che non vediamo l'ora di fermare, pad alla mano.

Il remake di Resident Evil 2 debutterà su PS4, Xbox One e PCHDCapcom

Grazie alle qualità del RE Engine, il remake di Resident Evil 2 mira a riproporre uno dei capitoli più amati della serie, svecchiandone l'aspetto tecnico e il gameplay senza però snaturare la sua visione originale.

L'orrore come non l'avete mai visto

Grazie ai primi gameplay diramati dai fortunati presenti alla kermesse losangelia - catturati su PlayStation 4 Pro -, è possibile rendersi conto di quanto sia cambiata anche la visuale utilizzata per muoverci, combattere ed esplorare i cupi scenari di Resident Evil 2 Remake

Il titolo è stato votato a quella terza persona dinamica che abbiamo conosciuto a partire da Resident Evil 4, con uno stile che richiama tantissimo il penultimo capitolo, ma non sono da escludere sezioni in prima persona come abbiamo visto in Resident Evil 7, che ha segnato una pesante rottura con la tradizione.

Grazie ad una telecamera inchiodata alle spalle del personaggio principale, l'azione si fa ora ancora più claustrofobica, offrendo un'esperienza di gioco più fluida e altrettanto immersiva. O forse addirittura più coinvolgete di quella di due decenni fa.

Tradizionale anche l'esperienza controller alla mano. I movimenti di Leon sono molto compassati, volutamente più ''pesanti'' di quelli di Resident Evil 6 e 7, con gli scontri a fuoco - comunque presenti, ma studiati così da farci sentire costantemente in pericolo e non una inaffondabile macchina da guerra- a fare solo da contorno ad una struttura di gioco votata all'esplorazione e alla risoluzione degli enigmi.

Le grandi conferme

Come nel Resident Evil 2 originale, anche il rifacimento per PlayStation 4, Xbox One e PC punterà fortemente sul puzzle solving

Gli enigmi avranno un ruolo molto più centrale - e a tratti fondamentale - nell'economia del remake e in particolare per l'avanzamento della nostra orrorifica avventura. 

Capcom ha poi confermato che torneranno le tanto amate macchine da scrivere, che in apposite stanze - ricordate la meravigliosa colonna sonora originale che era possibile ascoltare nelle Save Room? - ci permetteranno di salvare i nostri progressi. A quanto pare, comunque, sarà possibile abilitare un sistema di auto-salvataggio più in linea con le produzioni moderne. 

Non mancano neppure le erbe verdi, rosse e blu, utilissime per curare la salute del nostro eroe o per curarlo dall'avvelenamento. Come in passato, sarà possibile combinarle tra loro per migliorarne gli effetti. 

Chi si lamentava che Resident Evil 7 fosse un episodio troppo di rottura per il leggendario brand, troverà quindi in questo RE2 Remake tutto quello che ha sempre sognato, con un impegno produttivo schierato dal team di sviluppo davvero eccezionale. Non solo sono state infatti ricostruite tutte le aree della stazione di polizia di Raccoon City, ma Capcom ha anche riprodotto completamente tutte le scene d'intermezzo per raccontare la storia in maniera molto più accattivante e trascinante

Dal settimo capitolo, il team di sviluppo decide di recuperare integralmente anche l'interfaccia, che quindi risulta molto moderna, pulita e piuttosto funzionale, ma che non dimentica di costringere il giocatore a confrontarsi con un inventario dalle dimensioni molto ridotte. Dovremo quindi valutare con attenzione gli oggetti che andremo a raccogliere, mescolare le erbe e confrontarci con meccaniche survival che hanno fatto da sempre la fortuna della produzione dagli occhi a mandorla. 

La progressione di Resident Evil 2 Remake promette allora di essere tesa e ansogiena, per la goia dei fan di lungo termine di un saga che, con questo rifacimento, pare aver ritrovato pienamente il suo carattere originario. Capcom, in conclusione, ha confermato anche il ritorno di tutte le modalità extra del capitolo originale - ricordate Hunk e l'ormai iconico Tofu?

RE2 Remake ci riporta a Raccoon City su PS4, Xbox One e PC nel 2019HDCapcom

Il sogno di ogni appassionato di Resident Evil debutterà sugli scaffal fisici e digitali il 25 gennaio 2019, nelle versioni PC, PS4 e Xbox One. Siete pronti per il grande ritorno a Raccoon City?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.