FOX

C'è acqua sulla Luna? Una nuova scoperta lo confermerebbe

di - | aggiornato

Un nuovo minerale scoperto da un team di scienziati giapponesi fa ben sperare sulla presenza di acqua sulla Luna.

La Luna in fase crescente, su sfondo nero NASA

91 condivisioni 0 commenti

Condividi

Una nuova scoperta rinforza la tesi che sulla Luna ci sia acqua. Una squadra di scienziati giapponesi ha identificato un certo quantitativo di moganite all'interno di un meteorite lunare trovato nella zona nord-occidentale dell'Africa. Molto simile al quarzo, la moganite è un cristallo di biossido di silicio che necessita di acqua per crescere.

Minerale di moganite in primo pianoE-Rocks.com
Forma di minerale di moganite

Il professor Masahiro Kayama, insegnante all' Università di Tohoku e a capo del gruppo di scienziati che ha fatto la scoperta, ha dichiarato che:

La moganite si forma sulla Terra sotto forma di precipitato quando dell'acqua alcalina contenente biossido di silicio evapora in condizioni di alta pressione. L'esistenza della moganite implica fortemente che ci debba essere attività idrica sulla Luna.

Kayama e il suo team hanno analizzato la composizione chimica di tredici meteoriti lunari, dei quali soltanto uno conteneva moganite. Questo confermerebbe la teoria degli studiosi che il minerale non si sarebbe formato nel deserto africano.

Se fosse stata la meteorologia terrestre a far formare la moganite nel meteorite lunare, sarebbe stata presente in tutti i campioni che sono caduti sulla Terra nello stesso periodo. Non è così, invece.

conclude il Dr. Kayama.

Il gruppo di ricercatori del Sol Levante ha trovato l'oro mentre ricercava la moganite: infatti, è la prima volta che il minerale viene trovato in un meteorite lunare. Il comunicato stampa dell'Università di Tohoku sostiene che l'ossido nel minerale si sia formato attraverso un processo di evaporazione causato dalla forte luce solare; il meteorite probabilmente proviene da un'area della Luna chiamata Procellarum Terrane. Questo si presta alla teoria di Kayama secondo la quale sotto la superficie lunare si nascondano vasti giacimenti di acqua ghiacciata.

Tutto ciò cosa potrebbe significare per il futuro dei viaggi spaziali e della colonizzazione del nostro satellite? Se il team di ricercatori giapponesi avesse ragione e ci fosse un accumulo di acqua nel suolo lunare, gli eventuali esploratori avrebbero più facilità di accesso a risorse preziose. Questo incrementerebbe le possibilità che la Luna possa ospitare colonie umane e infrastrutture in poche decine di anni.

Colonia a forma di igloo con astronauta in tuta spaziale che guida un veicolo, sul suolo della LunaNASA
Possibili colonie lunari nel prossimo futuro

La Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) ha riportato che sta pianificando due missioni nei prossimi 10 anni per dare la caccia alla presenza di acqua sulla Luna. Nel frattempo, Kayama e la sua squadra stanno allargando i loro orizzonti di ricerca per includere i venti solari e le eruzioni vulcaniche. Kayama ha ancora detto:

La formazione di acqua indotta dai venti solari ci può dare nuove intuizioni sulla storia dell'attività solare. Mentre quella derivante dalle passate eruzioni vulcaniche sulla Luna ci fornisce informazioni sull'evoluzione lunare insieme a quella dell'acqua stessa. È tutto davvero molto eccitante.

 

Forse nei prossimi anni potremo passare le vacanze sulla Luna e avere una meravigliosa vista sul nostro pianeta?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.