FOX

Agony, addio ai contenuti censurati: cancellata l'edizione esplicita

di -

Dopo numerosi tentativi, Madmind Studio dice addio alla pubblicazione dei contenuti censurati del suo Agony, frenata dai problemi finanziari.

Un'immagine di gioco dal violentissimo Agony Madmind Studio

41 condivisioni 0 commenti

Condividi

Non c'è pace per Agony, il videogioco horror ambientato all'inferno arrivato lo scorso maggio: gli sviluppatori del team Madmind Studio avevano annunciato l'arrivo di una versione non censurata del loro titolo, che non vedrà la luce del sole. Il motivo, fanno sapere gli autori, è legato ai problemi finanziari che sta vivendo l'azienda.

Un'agonia infernale

Madmind Studio ha diffuso una nota per annunciare la cancellazione di Agony Unrated – così era stata battezzata l'edizione esplicita del gioco:

Ci dispiace farvi sapere che la nostra compagnia sta vivendo un momento di difficoltà a causa di problemi finanziari. In seguito a motivazioni tecniche e legali, Madmind deve cancellare lo sviluppo di Agony Unrated. Parte del team di sviluppo proseguirà nel supporto di Agony su Steam e console con la pubblicazione di nuove patch.

I problemi che stanno affliggendo il team quindi non influenzeranno il supporto dell'edizione di Agony già sul mercato, che continuerà a essere aggiornata come da routine.

La censura su Agony

Agony è arrivato sul mercato con alcune sequenze censurate perché ritenute troppo esplicite. I diversi enti che valutano i contenuti dei videogiochi per indicare l'età ideale del loro pubblico, come PEGI in Europa e ESRB in USA, avrebbero ritenuto eccessive alcune scene, che hanno finito con l'essere estromesse dal gioco.

In particolare, mentre in Europa la valutazione massima è quella di PEGI 18, negli Stati Uniti si può arrivare a "Adults Only" (superiore a "M for mature"), che rende un titolo non vendibile su console. Inoltre, un gioco "Adults Only" potrebbe essere rifiutato dai negozi specializzati e non può avere streaming dedicati su Twitch. Per questo, Madmind Studio ha deciso di adattare quanto proposto in Agony, in modo da essere libera di metterlo in commercio su tutte le piattaforme previste e da evitare le possibili limitazioni. 

La software house si era quindi proposta di pubblicare in seguito tutti i contenuti tagliati che, come mostrato in un video su YouTube poi censurato a sua volta, includevano smembramenti, stupri e disturbanti feti infernali deformi. Il piano iniziale era quello di far uscire queste sequenze solo nella versione PC del gioco, che sfugge alla normativa "Adults Only" di ESRB. Bocciata questa via, il team ha pianificato di pubblicare su PC un'edizione identica a quella su console, per poi aggiungere le chiacchierate sequenze esplicite con un aggiornamento post-lancio. Infine, si è arrivati ad Agony Unrated, che era atteso ugualmente su PC e che a sua volta non vedrà la luce del sole.

Tenendo conto dei problemi finanziari annunciati dal team di sviluppo, è ormai altamente probabile che questi contenuti di Agony siano destinati a rimanere nell'ombra.

Le boxart di AgonyMadmind Studios

Agony è disponibile su PCPS4Xbox One. Pensate che i contenuti rimossi dal gioco abbiano fatto la differenza per il suo successo?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.