FOX

Blow, le frasi e citazioni dal film con Johnny Depp

di -

Una raccolta delle frasi e delle citazioni più belle tratte dal film Blow, con protagonista Johnny Depp, che racconta la vera storia del narcotrafficante George Jung.

Blow Warner Bros

1 condivisione 0 commenti

Condividi

Il film Blow, uscito nel 2001 e diretto da Ted Demme racconta la vera storia del narcotrafficante George Jung, interpretato da Johnny Depp. Eccessi, zone d’ombra, dipendenza e amore si alternano in questa pellicola di successo, di cui abbiamo raccolto le frasi e le scene più belle.

 

 

George e Mirtha

 George e Mirtha in una scena del filmHDWarner Bros

Lei bellissima e lui intraprendente: George e Mirtha sono la turbolenta coppia perfetta della malavita, a cominciare dal loro primo incontro carico di attrazione.

 

Citazioni di George Jung (Johnny Depp)

Irriverente, spavaldo e incredibilmente affascinante: Johnny Depp nei panni del cattivo ragazzo si trova decisamente a suo agio. Ecco alcuni momenti e alcune frasi chiave di Blow.

 

“Dio santo! Com'è irrimediabilmente cambiata la mia vita. È sempre l'ultimo giorno d'estate e io sono rimasto fuori al freddo senza una porta per rientrare. Lo ammetto ho avuto una buona dose di momenti intensi! Molti fanno grandi progetti e intanto la vita gli sfugge dalle mani. Nel corso della mia esistenza ho lasciato brandelli di cuore qui e là. E ormai quasi non me ne è rimasto abbastanza per tenermi in vita, ma mi sforzo di sorridere sapendo che la mia ambizione ha superato di gran lunga il mio talento. Ormai non trovo più cavalli bianchi o belle donne alla mia porta.”

 

“Papà era un gran lavoratore, per mia madre non guadagnava abbastanza. Sposandolo pensava di aver fatto un salto di classe. Lui le aveva promesso la luna ma aveva fatto fiasco. La verità era che gli affari andavano male, eravamo al verde. Per quanto mia madre se ne andasse di casa, per quanto lo avesse umiliato, lui se la riprendeva sempre. L'amava. Dio quanto l'amava. Per 10 anni mio padre si spezzò la schiena 14 ore al giorno, 7 giorni a settimana. Non gli importava, purché noi fossimo felici. Ma alla fine non guadagnava abbastanza. Inesorabilmente perdeva tutto.” George

 

“Lei… era capace di amare come una donna e drogarsi come un uomo.”

 

“E tu sei il mio cuore... potrei vivere senza il mio cuore?”

“In tutta onestà non penso di aver commesso un crimine, anzi mi sembrerebbe illogico e irresponsabile che lei mi condannasse alla prigione, perché se ci pensa bene che ho fatto in fondo... ho varcato una linea immaginaria con un pacco di piante!”

 

“Dici di cercare qualcuno mai debole ma sempre forte, che raccolga fiori nella buona e nella cattiva sorte, che apra tutte le porte. Ma non sono io babe, eh... no no, non sono io quello che cerchi!”

 

“Ciao, papà... sai, mi ricordo una vita fa, quando ero poco più alto di un metro, pesavo al massimo 30 chili, ma ero ancora tuo figlio. Quei sabati mattina che andavo a lavorare col mio papà e salivo su quel grande camion verde. Mi sembrava che quello fosse il camion più grande dell'universo, papà. Mi ricordo quant'era importante il lavoro che facevamo, e che, se non era per noi, la gente sarebbe morta di freddo. Per me tu eri l'uomo più forte del mondo, papà. Ti ricordi quei filmini quando mamma si vestiva come Loretta Young? E i gelati, le partite di football, Wayne e Tonno? Il giorno che partii per la California per poi tornare a casa con l'FBI che mi dava la caccia, e quell'agente dell'FBI che dovette mettersi in ginocchio per mettermi le scarpe, e tu dicesti "Quello è il tuo posto figlio di puttana: ad allacciare le scarpe a George". Quella si che fu bella... Fu veramente speciale. Ricordi, papà? E quella volta che mi dicesti che i soldi non sono la realtà? Beh, vecchio mio, oggi ho 42 anni, e alla fine ho capito quello che tentavi di dirmi... tanti anni fa... ora finalmente l'ho capito... Sei il migliore, papà. Avrei solo voluto fare di più per te. Avrei voluto avere più tempo... Comunque... Che tu possa avere il vento in poppa, che il sole ti risplenda in viso e che il vento del destino ti porti in alto a danzare con le stelle... Ti voglio bene, papà. Un bacio. George.”

 

“Non confidare nei soldi: non sono la realtà”

 

Frasi di Fred Jung (Ray Liotta)

Il difficile ruolo del padre di George è affidato al grande Ray Liotta. Ecco alcune delle frasi più belle.

“Tu sei carne della mia carne, ti ricordi? Sei il mio bambino... Lo stesso bambino che si sarebbe buttato da una montagna se gli avessero detto che non lo sapeva fare.” (Fred Jung)

 

George: Sei arrabbiato con me? Fred: No. George: Sì che sei arrabbiato ti vedo da come mi guardi. Fred: Non sono arrabbiato George, solo non capisco che stai facendo, non capisco le tue scelte, sei ricercato dalla polizia, porca miseria.
George: Lo so, sono un grande in quello che faccio, credimi sono veramente un grande.
Fred: Voglio dirti soltanto questi: saresti stato un grande comunque, in qualsiasi cosa.

 

“Non confidare nei soldi: non sono la realtà.” (Fred Jung)

 

Fred: È bello avere belle cose, se questo ti rende felice... Sei felice?
George: Sì, al momento sono felice papà...

 

Citazioni con Barbara (Franka Potente)

George e BarbaraWarner Bros

George: Non voglio finire come loro.
Barbara: Noi finiremo come noi.

 

Frasi di blow in inglese

“May the Wind always be at your back and the Sun upon your face, and the winds of destiny carry you aloft to dance with the stars.” George

“We are broke, that is my fucking problem and you are a fucking spy. That's right. Always spyin', always judgin'. Everyone's laughing in your face, you fucking pussy. You let Diego fuck you in the ass. Maybe because you like it, maybe because you're a fucking faggot. That's what I think you are. I think you are really fuckin' him cause you're not fucking me. Why's that? Why? Why don't you fuck me anymore? Don't you ever touch me again, motherfucker! Don't ever put your hands on me again, asshole! Get your hands off me.” Mirtha

“It was the greatest feeling I ever had. Followed very abruptly by the worst feeling I ever had.” George

“I knew you would say something like that. Always thinkin' about yourself.” Mirtha

“Danbury wasn't a prison, it was a crime school. I went in with a Bachelor of marijuana, came out with a Doctorate of cocaine.” George

“Sometimes you're flush and sometimes you're bust, and when you're up, it's never as good as it seems, and when you're down, you never think you'll be up again, but life goes on.” Fred

“Throughout my lifetime I've left pieces of my heart here and there. And now, there's almost barely enough to stay alive. But I force a smile, knowing that my ambition far exceeded my talent.” George

 

E voi, avete una scena epica del film che non smettete di rivedere e che citate spesso?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.