FOX

The Last of Us: Part II, Ellie affiancata da un partner misterioso

di -

Ellie avrà (almeno) un personaggio spalla che la accompagnerà nel corso del suo viaggio in The Last of Us: Part II: lo rivela Neil Druckmann, direttore del progetto.

Ellie in una sequenza di gioco da The Last of Us: Part II Sony

141 condivisioni 0 commenti

Condividi

Continuano a emergere piccoli dettagli su The Last of Us: Part II, l'attesa prossima esclusiva PS4 sviluppata da Naughty Dog. Dopo aver confermato che Ellie potrebbe non essere l'unico protagonista giocabile, gli autori hanno anche svelato che l'eroina sarà accompagnata da un altro personaggio, esattamente come Joel veniva accompagnato da lei nel primo episodio.

Personaggi misteriosi al fianco di Ellie

Intervistato da BuzzFeed, il direttore Neil Druckmann ha svelato che ci saranno degli NPC (non-playable character, personaggio non giocabile) ad affiancare Ellie nella sua nuova avventura, anche se questa caratteristica non è ancora stata mostrata nei video del gioco. È da notare, inoltre, che la vaghezza delle parole dello sviluppatore lascia supporre anche che i personaggi spalla potrebbero essere più di uno, alternandosi così con il procedere delle sequenze.

Druckmann ha spiegato:

Ellie un tempo era a sua volta un NPC, ma ora è la protagonista di questa storia, quindi il giocatore controllerà lei. Posso dire con sicurezza che, considerando il gioco che abbiamo realizzato in precedenza, ci saranno NPC anche in questo, anche se per ora nella demo non ne abbiamo ancora mostrato nessuno.

Sicuramente, realizzare dei personaggi controllati dall'intelligenza artificiale che risultino credibili e suscitino empatia nel giocatore non è facile:

Il nostro approccio, in genere, è chiederci: come possiamo trattare questi NPC come se fossero persone? Come facciamo a farli comportare in modo coerente, come se fossero persone? Come gli diamo caratteristiche interessanti in modo che possano esplorare il mondo, compiere azioni significative e sorprendere il giocatore proprio come fanno le persone reali?

La montagna da scalare, insomma, è alta, ma Naughty Dog non si lascerà scoraggiare facilmente: lo ha già dimostrato con il suo impegno nel primo The Last of Us, che ha reso Ellie un personaggio celebre come è oggi.

Uncharted e The Last of Us hanno filosofie differenti

Nel corso dell'intervista, Druckmann ha parlato anche dei diversi concetti alla base di Uncharted e The Last of Us, che condividono solo il team di sviluppo. Secondo il direttore, infatti, la prima saga è fondata soprattutto sulla spettacolarità, mentre la seconda è più personale:

Molto, in merito a Uncharted, ha a che fare con la sua spettacolarità, con la sua ampollosità. L'approccio per l'intero franchise di The Last of Us, invece, è provare a realizzare qualcosa che sia il più intimo e il più piccolo possibile.

The Last of Us: Part II non ha ancora una data d'uscita, né una possibile finestra di lancio. Grande protagonista dell'E3 di Sony, il nuovo gioco dedicato a Ellie è quello che attendete di più?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.