FoxCrime

Burning Secret: ritrovato un copione perduto di Stanley Kubrick

di -

Il professore e scrittore Nathan Abrams ha confermato il ritrovamento di Burning Secret, una sceneggiatura di Stanley Kubrick, adattamento dell'omonimo romanzo di Stefan Zweig. Ecco tutti i dettagli.

Il regista Stanley Kubrick Getty

10 condivisioni 0 commenti

Condividi

È considerato uno dei più grandi registi della storia del cinema grazie ad autentici capolavori come Arancia meccanica, Shining, Full Metal Jacket e 2001: Odissea nello spazio, solo per citarne alcuni.

Parliamo, per chi ancora non lo avesse capito, di Stanley Kubrick. A poco meno di 20 anni dalla sua morte, un progetto ritenuto del tutto perduto, e appartenente al grande cineasta, è stato ritrovato e potrebbe approdare sul grande schermo.

Il romanzo di Stefan Zweig Bruciante segretoAdelphi
Il romanzo Bruciante segreto

Dal titolo Burning Secret, la sceneggiatura è un adattamento del romanzo omonimo (uscito in Italia con il titolo Bruciante segreto) del 1913 dello scrittore viennese Stefan Zweig e che Kubrick scrisse insieme a Calder Willingham (con cui collaborò successivamente per Orizzonti di gloria) nel 1956.

Nell'adattamento di Kubrick (una storia di adulterio e passione ambientata in un resort termale) un uomo, apparentemente tranquillo ma in realtà vero e proprio predatore, fa amicizia con un ragazzino di 10 anni, usandolo per sedurre sua madre.

La sceneggiatura è stata trovata da Nathan Abrams, professore di cinema alla Bangor University ed esperto conoscitore delle opere di Kubrick, che ha detto:

Non potevo crederci. È così eccitante. Credevamo fosse andato perduto. Gli appassionati di Kubrick sanno che voleva farlo, nessuno ha però mai pensato che fosse stato completato. Ora ne abbiamo una copia e questo dimostra che aveva realizzato una sceneggiatura completa. 

La sua sceneggiatura di Burning Secret, di circa 100 pagine, reca il marchio di MGM (Metro-Goldwyn-Mayer). È datata 24 ottobre 1956, quando Kubrick era ancora relativamente sconosciuto e aveva appena realizzato il suo film Rapina a mano armata. Si pensa che MGM abbia cancellato il progetto commissionato, dopo aver appreso che Kubrick stava anche lavorando a Orizzonti di gloria il che era una chiara violazione del contratto.

Un altro resoconto suggerisce che MGM abbia dichiarato al produttore James K. Harris, partner di Kubrick, di non aver visto in quella sceneggiatura un potenziale film.

Abrams, però, ritiene che "la trama dell'adultero" che coinvolge un bambino come intermediario potrebbe essere stata considerata troppo "rischiosa" a quell'epoca per la produzione di Hollywood:

Il bambino agisce come un involontario intermediario tra sua madre e il suo aspirante amante, creando una storia inquietante di sessualità e abuso su bambini che si agitano sotto la sua superficie.

L'esperto ha descritto Burning Secret come "l'opposto" di Lolita, il film che Kubrick ha diretto nel 1962 ispirandosi all'omonimo romanzo scritto da Vladimir Nabokov, che ha, tra l'altro, lavorato alla sceneggiatura della pellicola.

In Burning Secret, il personaggio principale fa amicizia con il figlio per arrivare alla madre. In Lolita, sposa la madre per raggiungere la figlia. Penso che realizzare il film con il codice morale del 1956 sarebbe stato complicato. Ma ci è riuscito con Lolita nel 1962.

Una scena di LolitaMGM
Una scena del film Lolita di Kubrick del 1962

Nell'originale di Zweig, la donna e suo figlio sono ebrei e la storia è ambientata in Austria mentre, come ha precisato Abrams, Kubrick lo ha riscritto ambientandolo in America e con nomi americani. Il ragazzino, ad esempio, si chiama Eddie e non Edgar. Una versione cinematografica del romanzo di Zweig, basata su una diversa sceneggiatura, è stata realizzata nel 1988 dall'ex assistente di Kubrick, Andrew Birkin.

La sceneggiatura ritrovata è di proprietà del figlio di Kubrick e di uno dei precedenti collaboratori del regista. Abrams lo ha scoperto durante le ricerche per il suo prossimo libro, Eyes Wide Shut: Stanley Kubrick and Making of His Final Film, che sarà pubblicato da Oxford University Press l'anno prossimo.

Vedremo se questo progetto incompiuto di Kubrick diventerà davvero un nuovo progetto cinematografico. 

Via: The Guardian

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.