FOX

George Clooney e The Rock sono gli attori più pagati al mondo: la classifica di Forbes

di -

George Clooney e The Rock sono i Paperoni di Hollywood nella annuale classifica delle celebrità più pagate redatta da Forbes. I due attori sono nella top ten.

The Rock e George Clooney Getty Images

402 condivisioni 0 commenti

Condividi

Chi sono i Paperoni di Hollywood? L'annuale classifica di Forbes delle 100 celebrità più pagate al mondo non riserva sorprese (o quasi) e conferma tra gli attori con un patrimonio da favola The Rock, al secolo Dwayne Johnson. Ma come lo scorso anno, l'ex wrestler diventato protagonista del grande schermo deve "accontentarsi" (si fa per dire) della piazza d'onore. Dopo Mark Wahlberg, stavolta è stato George Clooney a soffiare il primo posto alla star del franchise di Fast & Furious.

Secondo la celebre rivista, dall'1 giugno 2017 all'1 giugno 2018, al netto delle spese per manager, agenti e avvocati, l'indimenticabile dottor Ross di E.R. - Medici in prima linea ha guadagnato 239 milioni di dollari. Invece, The Rock ha portato a casa "solo" 124 milioni di dollari. 

Con i loro incassi, i due attori si piazzano rispettivamente al secondo e al quinto posto della classifica generale, risultando gli unici rappresentanti di Hollywood a fare parte della top ten di Forbes. Robert Downey Jr. (che per lungo tempo è stato sul primo gradino del podio) è in 20esima posizione con 81 milioni di dollari, seguito dal collega Avengers Chris Hemsworth al numero 31 con 64,5 milioni di dollari. Gli altri attori presenti sono Jackie Chan, Will Smith, le star di Bollywood Akshay Kumar e Salman Khan e Adam Sandler.

George Clooney sul red carpetHDGetty Images
George Clooney con la moglie Amal

La classifica completa risulta così composta:

  • #2 George Clooney 239 milioni di dollari
  • #5 Dwayne Johnson 124 milioni di dollari
  • #20 Robert Downey Jr. 81 milioni di dollari
  • #31 Chris Hemsworth 64,5 milioni di dollari
  • #59 Jackie Chan 45,5 milioni di dollari
  • #71 Will Smith 42 milioni di dollari
  • #76 Akshay Kumar 40,5 milioni di dollari
  • #78 Adam Sandler 39,5 milioni di dollari
  • #82 Salman Khan 37,7 milioni di dollari

Ai lavoratori del cinema va aggiunta anche Scarlett Johansson, unica attrice presente nel listone di Forbes al 76esimo posto, con un incasso di 40,5 milioni di dollari. 

Tuttavia, c'è un aspetto curioso da evidenziare. Il cachet percepito dagli attori per le varie produzioni non è sempre la voce principale nella composizione dei loro guadagni. Per esempio, il più ricco secondo Forbes, ovvero George Clooney, è assente dalla classifica delle star con i salari più alti stilata a maggio da Variety in relazione al 2018.

Ma allora, da dove arrivano le entrate che hanno incoronato il dottor Ross Re Mida di Hollywood? A regalare il primo posto della classifica al buon George è stata la vendita del suo marchio di tequila Casamigos (fondato con l'amico Rande Gerber, marito di Cindy Crawford) al colosso degli alcoolici Diageo.

Analogo discorso vale per Dwayne Johnson. Benché l'attore risulti secondo nel listone di Variety con 20 milioni di cachet per Red Notice (2020), pure nel suo caso la maggior parte dei guadagni deriva da attività collaterali. Di più: The Rock è un vero e proprio pioniere per quanto riguarda la diversificazione nel mondo del cinema.

The Rock: da attore a impresa

La storia di Dwayne Johnson è esemplare. Dopo avere affrontato una lunga sequela di drammi e sfortune (il tentato suicidio della mamma, un incidente che ha stroncato la sua carriera di giocatore di football e la povertà), The Rock è diventato un wrestler famosissimo, ha conquistato Hollywood ed è in pianta stabile tra le celebrità più pagate del pianeta. Il segreto del suo successo è senza dubbio la forza di volontà, ma anche tanta voglia di fare, come lui stesso ha dichiarato in un'intervista a Forbes:

Il mio obiettivo numero uno è creare cose per il mondo.

Oltre a recitare, The Rock si è lanciato nell'ambito della produzione di film e serie TV, presta la sua immagine per numerosi prodotti e servizi e ha all'attivo diverse partnership con prestigiosi marchi mondiali. Ma soprattutto è stato tra i primi a intuire e a sfruttare l'enorme potenzialità dei social.

Come riportano alcuni bene informati, a partire dal recente Skyscraper, l'attore ha inserito una clausola ad hoc nei propri contratti, per la quale percepirà compensi a 7 cifre per promuovere sui suoi account Instagram, Facebook e Twitter da decine di milioni di follower i film che lo vedranno protagonista:

Per me, i social media sono diventati l'elemento decisivo nella promozione di un film.

Skyscraper: The RockHDGetty Images
The Rock alla prima di Skyscraper

Per il momento,The Rock è il primo e l'unico a percorrere questa strada, con il beneplacito delle major (in passato, Kevin Hart ha ricevuto 2 milioni di dollari da Sony per dei tweet sui propri film, ma la cosa non è paragonabile).

D'altra parte, la presenza di Dwayne Johnson sembra essere una vera e proprio garanzia di successo per ogni progetto. Come scrive Forbes, con le sue origini multietniche e i film "fatti per il pubblico", l'attore parla una lingua universale e piace a tutte le latitudini.

La società di The Rock, la Seven Bucks Production, gestisce ogni aspetto dell'immagine della star con grande lungimiranza e oculatezza e ha come obiettivo nel futuro prossimo di occuparsi di progetti in cui Dwayne Johnson non sia direttamente coinvolto.

Insomma, dopo la trasformazione da wrestler ad attore, sembra proprio che nel domani di The Rock ci sia quella da attore a impresa. E poi, chissà, magari anche in presidente USA...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.