Google starebbe sviluppando Fuchsia OS, il successore di Android

di -

Secondo quanto riportato da Bloomberg, Google sarebbe al lavoro per cercare di sviluppare nel minor tempo possibile Fuchsia, il sistema operativo multipiattaforma candidato a diventare il successore di Android.

Una schermata del prossimo Google Fuchsia zdnet.com

20 condivisioni 0 commenti

Condividi

Nelle ultime ore una serie di rumor diffusi dalla testata online Bloomberg riportano come Google sia alacremente al lavoro sul nuovo sistema operativo Fuchsia, già al centro da alcuni anni di notizie mai confermate appieno.

Secondo quanto riferito, il gigante del web starebbe sviluppando il nuovo OS per essere performante su svariate piattaforme, con la possibile idea futura di fare diventare quest'ultimo il sostituto designato di Android.  

Al progetto starebbero lavorando più di 100 ingegneri, oltre allo stesso Matias Duarte, già responsabile dello sviluppo di Android.

Secondo i rumor diffusi, Fuchsia OS sarebbe in via di sviluppo per diventare il "cervello" di una vasta gamma di dispositivi, come altoparlanti intelligenti e dispositivi domestici collegati, oltre ai più "classici" tablet e smartphone. 

Il team di sviluppo, oltre alla compatibilità estesa a più dispositivi, si starebbe concentrando sulle interazioni vocali, cercando di ottimizzare ancora meglio quanto già offerto da Android in questo senso.      

Bloomberg sottolinea inoltre che il nuovo Fuchsia non sfrutterebbe il kernel Linux, al contrario di Android. Ciò comporterebbe la presenza di nessun legame con Oracle, azienda che detiene alcuni diritti su tecnologie Java utilizzate nello sviluppo di Android.

Naturalmente, come succede in questi casi, i vertici di Google, nelle persone dell'amministratore delegato Sundar Pichai e Hiroshi Lockheimer, capo del reparto sviluppo di Android e Chrome, non hanno negato la notizia, ma si sono limitati a definire Fuchsia come un "esperimento open-source" e un "investimento in innovazione". 

Staremo a vedere i prossimi mesi cosa riserveranno. 

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.