Il futuro di Xbox è in cloud: arriva console basata sullo streaming?

di -

Per il post-Xbox One, Microsoft sarebbe al lavoro sia su un console tradizionale, sia su un basata sul cloud per lo streaming di videogiochi. È questo il futuro delle console?

Un utente gioca con il controller Xbox Elite Getty Images

24 condivisioni 0 commenti

Condividi

L'erede di Xbox One potrebbe essere diversa da come ve la aspettate: a svelarlo sono le indiscrezioni raccolte dal sito Thurrott, secondo il quale il progetto Xbox Scarlett – questo il nome in codice – includerebbe sia una console tradizionale, sia una basata sul cloud.

Giocare in streaming con Scarlett

Microsoft aveva già anticipato durante la sua conferenza all'E3 (minuto 2:07 del video qui sotto) di essere intenzionata, per il futuro, a guardare anche alla possibilità di giocare in cloud. Significa che il dispositivo che porterete a casa collaborerà con hardware in remoto, in cloud, appunto, per consentire di giocare in streaming i vostri titoli preferiti.

Si tratta di una prospettiva che porterebbe a un costo sensibilmente inferiore della console rispetto a quelli a cui siamo abituati, ma al quale dovrebbe sommarsi il prezzo di un abbonamento per accedere al catalogo di videogiochi online. Secondo la fonte, Microsoft ha già trovato il modo di risolvere i problemi di latenza che, se trascurati, comprometterebbero l'esperienza di gioco: l'unità di calcolo presente all'interno della console si occuperà di alcuni aspetti primari, come l'input del controller, il processo dell'immagine e la rilevazione delle collisioni. Il resto delle operazioni sarà invece affidato al cloud e sarà quindi svolto online.

Stando a quanto spiegato dalla fonte, i giochi saranno eseguiti contemporaneamente sia in locale che in cloud, con l'immagine complessiva generata dalle due componenti che sarà infine quella proiettata sul vostro schermo. Microsoft spera, inoltre, che con questo servizio in futuro anche altri hardware, all'infuori della console Scarlett, possano appoggiarsi ai suoi servizi cloud, il che consentirebbe di accedere alla libreria Xbox da qualsiasi dispositivo supportato, e non solo dalla specifica piattaforma.

Xbox One X, la console potenziata di casa MicrosoftHDMicrosoft
Xbox One X è, ad oggi, la più recente console Microsoft uscita sul mercato

A piccoli passi, si delineerebbe un domani in cui la casa di Redmond offrirà console a prezzo inferiore rispetto a quanto siamo abituati oggi, perché supportate dal cloud per l'esecuzione dei videogiochi. Un'idea che gioverebbe anche alle tasche della stessa compagnia, che in genere ha poco margine di guadagno sulla vendite delle console, mentre sono più consistenti le entrate che arrivano dai suoi servizi online Xbox e dagli abbonamenti Xbox Live Gold.

Non solo cloud: anche una console tradizionale

Il nome in codice Xbox Scarlett include non solo la console in cloud, ma anche una più tradizionale, con le due che dovrebbero arrivare sul mercato a braccetto nel corso del 2020. Non ci è dato sapere, al momento, le specifiche tecniche di questa piattaforma: sicuramente monterà tutto l'hardware di cui avrà bisogno, dal momento che non conterà sul supporto del cloud, offrendo così una valida opzione a coloro che preferiscono acquistare in modo classico i loro videogiochi rispetto a chi vorrà affidarsi allo streaming.

Phil Spencer sul palco di XboxHDGetty Images
Phil Spencer, a capo della divisione Xbox di Microsoft, durante uno dei keynote

Le indiscrezioni corrono e, mentre Sony prepara il futuro con PlayStation 5, Microsoft non rimane ferma a guardare.

Il domani delle console passerà necessariamente per il cloud? I piani del colosso di Redmond suggeriscono di sì.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.