La star di Hazzard Tom Wopat si dichiara colpevole di molestie sessuali

di -

Tom Wopat, interprete di Luke Duke nella serie cult Hazzard, ha dichiarato in un recente processo per molestie sessuali la sua colpevolezza.

L'attore Tom Wopat in posa per una foto Getty Images

52 condivisioni 0 commenti

Condividi

Risale a circa un anno fa l’arresto dell’attore 66enne Tom Wopat, star della storica serie TV Hazzard (interpretava Luke Duke), accusato di molestie sessuali e possesso di stupefacenti. Ma è soltanto lo scorso venerdì che Wopat è stato condannato a un anno di libertà vigilata per l’aver molestato due donne.

L’attore si è dichiarato infatti colpevole di fronte alla giuria per quanto concerne le accuse di molestie. Stando a quanto riportato da TMZ, Tom avrebbe toccato energicamente il sedere di una donna sul set e infilato le dita fra le sue natiche. Wopat avrebbe inoltre avvolto fra le sue braccia una seconda donna contro la sua volontà.

Ma non è tutto. In un ulteriore episodio di molestie, la star di Hazzard avrebbe rimosso della pelle dal braccio scottato dal sole di una terza donna.

Tom Wopat e John Schneider in una scena della serie HazzardHDWarner Bros. Television
Tom Wopat e John Schneider ai tempi di Hazzard

I primi due incidenti si sarebbero verificati durante la produzione del musical 42nd Street, a cui Wopat stava lavorando in qualità di guest star, al Reagle Music Theatre di Waltham, città dello stato del Massachusetts.

Stando sempre al rapporto di TMZ, la prima donna si sarebbe rivolta alle alte sfere della produzione, denunciando gli abusi. Wopat al tempo negò di averla toccata e, furioso di fronte a quelle che considerava solo calunnie, urlò "f*****o a tutti".

Inoltre ad un primo processo Tom si dichiarò innocente per tutte le accuse.

La polizia al momento dell’arresto di circa un anno fa rinvenne anche un sacchetto di cocaina nell’auto dell’attore. L’accordo raggiunto in questi giorni con la giuria prevede la caduta dell’accusa di possesso di droga solo se Wopat non violerà le condizioni della libertà vigilata.

Dopo lo scandalo di Harvey Weinstein e molti altri episodi analoghi, il caso di Tom Wopat fornisce dunque nuovo materiale per la stesura di un’altra pagina nera della storia del mondo dello spettacolo.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.