FoxCrime

Joe Hill, il figlio di Stephen King, pensa che Lo Squalo sia la chiave per risolvere un omicidio

di -

Joe Hill, scrittore e figlio di Stephen King, pensa che il film Lo squalo potrebbe rappresentare la chiave per risolvere un caso di omicidio del 1974. Ecco in che modo.

Joe Hill e una scena del film Lo squalo Getty Images

63 condivisioni 0 commenti

Condividi

Al 1974 risale un caso di omicidio avvenuto negli Stati Uniti i cui risvolti ancora oggi sono circondati dal mistero.

Nell'estate di quell'anno, infatti, tra le dune di Provincetown, nel Massachusetts, venne ritrovato il cadavere orrendamente mutilato di una donna. Per la precisione, al corpo erano state amputate la mani e quasi decapitata la testa. La donna massacrata non è mai stata identificata ed è per questo che il caso, anche nel corso degli anni a venire, viene ricordato come quello riguardante la "signora delle dune".

Oggi, però, quest'omicidio potrebbe avere un nuovo indizio che porterà alla sua soluzione. Il merito è di Joe Hill, scrittore di fama mondiale e figlio del geniale Stephen King, e del film Lo squalo (Jaws) di Steven Spielberg

In che modo? Cerchiamo di capirlo, procedendo con ordine.

Lo squaloHDUniversal Pictures
Joe Hill e la sua teoria sul film Lo squalo che potrebbe risolvere un omicidio irrisolto

Nel mese di giugno 2015, Joe Hill stava guardando Lo squalo in occasione dei 40 anni dell'uscita del film quando è stato colto da un'intuizione geniale e dalla pelle d'oca su tutto il corpo. 

Lo scrittore, infatti, ritiene che la "signora delle dune" possa essere brevemente apparsa in una scena del capolavoro di Spielberg, insieme a tante altre persone. Ad onore del vero, c'è da dire che Lo squalo è stato girato a poca distanza dal luogo del macabro ritrovamento, e proprio nell'estate del 1974, prima di essere rilasciato nei cinema statunitensi l'anno successivo.

La teoria di Joe Hill è stata ampiamente documentata nel suo blog, dove Hill ha scritto:

Molto è stato scritto sulla Signora delle Dune e non mi prenderò la briga di ricapitolare quattro decenni di lavoro investigativo in questa sede. Deborah Halber ha scavato nel profondo della sua storia, come chiunque abbia mai letto il suo libro The Skeleton Crew: How Amateur Sleuths are Solving America’s Coldest Cases. Lo consiglio a chiunque sia interessato ai dettagli più precisi della Signora e anche ai lettori di reati veri in generale. Per ora, però, accettate che fino ad oggi ci sia solo un numero limitato di fatti stabiliti. Sappiamo della bandana blu e dei jeans Wrangler. Sappiamo che aveva tra i 25 e i 49 anni... anche se 30 sembrerebbe essere una scommessa particolarmente buona. Aveva costose protesi ai denti. I suoi capelli erano ramati o rossi. Era in forma, aveva con sé 145 sterline, e quando fu scoperta i suoi capelli erano raccolti in una coda di cavallo, catturati da un supporto con scintillii dorati. 

Hill ha in seguito spiegato come questi siano, ancora ad oggi, i dettagli noti della storia e come Lo squalo sia il suo film preferito. Nel blog ha scritto come da quando ha compiuto 9 anni lo abbia visto praticamente almeno una volta all'anno, aggiungendo però di averlo ammirato sul grande schermo solo in occasione dei primi 40 anni del film, osservando ancora una volta quella scena. La scena incriminata in cui apparirebbe la "signora delle dune" come descritta nel libro di cui sopra e nel blog dello stesso Hill.

Non sappiamo con precisione quando sia stata girata la scena dell'arrivo dei turisti, in occasione della Festa del 4 luglio, nella fittizia isola di Amity ne Lo squalo, ma di certo la somiglianza di una delle donne immortalate nella sequenza con la "signora delle dune" è impressionante. C'è anche da dire che nella successiva scena sulla spiaggia, ci sono molte donne che nel film portano una bandana blu.

Del resto, Joe Hill ha poi proseguito nel suo blog:

Non mi faccio illusioni riguardo alla situazione. Stavo guardando Lo squalo sotto l'influenza di The Skeleton Crew, e il mio subconscio ha inventato una piccola storia emozionante sulla Signora delle Dune sul posto. Era così bello, mi convinsi che poteva essere vero.

Suggestione di Joe Hill, dunque, o quella ne Lo squalo è davvero la donna che sarebbe poi stata uccisa in modo tremendo e mai identificata?

Probabilmente non lo sapremo mai.

Via: The Wrap

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.