FOX

Rick Genest non si sarebbe suicidato: Lady Gaga si scusa per la disinformazione

di -

Lady Gaga chiede scusa alla famiglia di Rick Genest: il manager del modello ha chiarito in queste ore che la morte sarebbe stata accidentale e non volontaria.

Rick Genest Getty Images

1k condivisioni 0 commenti

Condividi

Rick Genest non si sarebbe suicidato, almeno secondo la famiglia e il suo manager, Karim Leduc dell’agenzia Dulcedo Management. La morte del giovane modello e performer, noto anche come Zombie Boy, è avvenuta mercoledì 1 agosto 2018 e subito si è diffusa la notizia del suicidio, per altro non smentita dalla polizia canadese.

Oggi, però, le cose sono leggermente cambiate e la morte viene descritta come accidentale e non volontaria. Rick sarebbe caduto dal balcone della sua abitazione di Montreal. Secondo la ricostruzione fornita dal manager, il modello era in casa con la sua fidanzata e le avrebbe detto che andava a fumare una sigaretta all’aperto. Sembra che Rick avesse l’abitudine di fumare sedendosi sul balcone, con le spalle appoggiate al muro.

  Rick Genest al Great British Tattoo ShowHDGetty Images
Rick Genest al Great British Tattoo Show 2018

La caduta sarebbe stata quindi del tutto accidentale, anche perché Rick non ha lasciato il classico biglietto di addio dei suicidi. La fidanzata si sarebbe preoccupata quando il tempo della sigaretta si è prolungato troppo ed è andata verso il balcone. Solo in quel momento si è accorta dell’accaduto e ha chiamato i soccorsi. Queste le parole con cui Karim Leduc ha descritto l’incidente e ha escluso il suicidio:

Era con la sua ragazza nel suo appartamento e le ha detto 'Vado sul balcone a fumare una sigaretta'. L’assenza si è prolungata per un tempo insolito, lei è andata a controllare e lo ha visto a terra. È scesa di corsa per soccorrerlo e ora è in stato di shock in ospedale… Non era una persona che avrebbe potuto suicidarsi perché era un combattente.

Il manager ha ammesso che Genest stava attraversando un momento difficile dal punto di vista emotivo, ma ha anche ribadito che stava lottando. Secondo Leduc, l’atteggiamento del suo assistito non era quello di un uomo che medita di suicidarsi, dato che aveva dei programmi di lavoro per la settimana ed era contento anche del rapporto con il suo management.

La rettifica di Leduc non è stata tenera con quanti hanno subito avallato la tesi di suicidio. L’uomo ha parlato di delusione nel vedere quanto facilmente si sia giunti alla conclusione più ovvia, anche perché a suo parere la dinamica della morte presenta molte incongruenze. Purtroppo sarà difficile scogliere i dubbi e le incongruenze sottolineate dal manager e dalla famiglia perché non ci sono testimoni diretti dell’accaduto. Il balcone, infatti, si affaccia sul retro del palazzo ed è poco in vista. Leduc ha comunque tenuto a ribadire che le caratteristiche del balcone rendono plausibile la caduta accidentale:

Il balcone del terzo piano da cui è caduto è molto pericoloso con un parapetto davvero piccolo... 

Intanto, Lady Gaga è corsa subito ai ripari.

La cantante aveva pubblicato un post di commiato per la morte di Zombie Boy parlando apertamente di suicidio e di depressione. Dopo la rettifica della famiglia, ha pubblicato un nuovo post di scuse precisando che non ci sono abbastanza prove per supportare la tesi del suicidio.

Al momento, sono stati resi noti i risultati delle analisi del sangue che hanno rivelato l’assenza di alcol e droghe.

A questo punto per saperne di più sulla morte di Rick Genest, dovremo attendere notizie ufficiali da parte della polizia canadese.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.