Addio a Jimmy il Fenomeno: è morto Luigi Origene Soffrano, lo svitato del cinema trash

di -

È scomparso all'età di 86 anni uno dei più noti caratteristi italiani. Da anni viveva su una sedia a rotelle in una casa di riposo.

Jimmy il Fenomeno in uno dei tanti b-movie anni '70 Jimmy il Fenomeno official

7k condivisioni 0 commenti

Condividi

Disse di lui Totò: "Ho girato il mondo intero eppure una faccia da fesso come la sua non l'ho mai vista". In effetti quel volto singolare dallo sguardo "obliquo" assieme alla risata sguaiata non ne facevano certo un'icona di intelligenza. A modo suo, però, Jimmy il Fenomeno era perfetto per il cinema, tant'è che vi ha lavorato per oltre 40 anni prendendo parte a numerosi film trash e a svariate commedie anni '70 e '80.

Il celebre caratterista (all'anagrafe Luigi Origene Soffrano) è morto all'età di 86 anni nella casa di riposo per anziani dover era ricoverato fin dal 2003, costretto purtroppo su una sedia a rotelle a causa di alcuni problemi di salute.

Abbiamo avuto la conferma del decesso contattando la struttura dove Soffrano viveva, la Casa per coniugi di Milano.

Lo scemo del (e con) Villaggio

Ripercorrere la carriera cinematografica di Jimmy il Fenomeno significa attraversare almeno tre decenni del cinema popolare nostrano: le prime comparsate nei film di Totò; il sodalizio con Luciano Salce, che lo volle già ne Il federale (protagonista un fenomenale Ugo Tognazzi); le incursioni nel cinema di genere e nei cosiddetti trash movie.

Lo si ricorda in molte produzioni poliziottesche, specie nel filone semiserio di squadre e delitti che avevano per protagonista il commissario Nico Giraldi di Tomas Milian. Impossibile, poi, non citare le numerose commedie sexy in cui appariva al fianco di Lino Banfi, Alvaro Vitali e Renzo Montagnani.

Solo per ricordare alcuni ruoli di rilievo, basti pensare al cameriere svitato del ristorante "I 12 apostoli" di Acapulco, prima spiaggia... a sinistra con Andrea Roncato e Gigi Sammarchi, allo scemo del villaggio de Il bisbetico domato oppure de Il ragazzo di campagna, all'impiegato segugio del primo Fantozzi, incaricato di rintracciare "a naso" lo sventurato ragioniere murato vivo quasi 20 giorni prima.

Aveva fama di "portafortuna" nel mondo del cinema (il che spiegherebbe la sua presenza in così tante pellicole, anche per una manciata di inquadrature). I funerali di Luigi Origene Soffrano si terranno domani mercoledì 8 agosto a Milano.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.