FOX

No, Michael J. Fox non è morto: l'attore vittima dell'ennesima fake news

di -

Ancora una finta morte eccellente. Come altre star prima di lui, anche Michael J. Fox è rimasto vittima di una fake news che ne annunciava la morte in seguito a complicazioni dovute al Parkinson.

Michael J. Fox sul red carpet degli Oscar Getty Images

218 condivisioni 0 commenti

Condividi

Quando domenica 5 agosto 2018 sul web ha iniziato a circolare la notizia della morte di Michael J. Fox, ai fan dell'attore si è spezzato il cuore. E probabilmente la disperazione ha impedito loro di approfondire i fatti, altrimenti si sarebbero accorti che si trattava di una fake news. L'ennesima.

La star di Casa Keaton e Ritorno al futuro è viva e vegeta e lo straziante comunicato comparso online nel weekend non è altro che una bufala architettata ad arte da un portale "specializzato" in notizie fasulle, costruito in maniera ingannevole per assomigliare a Yahoo! La differenza sta nel dominio dei due siti. L'indirizzo di quello vero è "yahoo.com/news", mentre la stringa di quello finto è "yahoonews-us.com".

Insomma, la differenza c'è e si vede. Ma vuoi la poca confidenza con il mezzo digitale, vuoi un po' di superficialità, vuoi l'emozione, la fake news è diventata rapidamente virale. Anche perché, come riporta Heavy, l'articolo della morte di Michael J. Fox era ricco di dettagli e plausibile:

Giovedì 2 agosto, Michael J. Fox è arrivato al Cedars-Sinai Medical Center, dove è stato ricoverato con complicazioni attribuite al Morbo di Parkinson. Secondo il medico legale, Fox aveva sviluppato un focolaio di polmonite, un problema comune ai malati di Parkinson negli stadi avanzati della patologia. Tragicamente, Fox è morto alle 11:24 di questa mattina. I medici hanno confermato che l'attore si è spento serenamente, circondato da parenti e amici.

In realtà, come sottolinea il sito di debunking Snopes, anche senza andare a spulciare il dominio del portale, l'assenza di un comunicato ufficiale da parte della famiglia e della Michael J. Fox Foundation for Parkinson's Research e la presenza della notizia sul solo finto Yahoo! avrebbe dovuto fare capire che qualcosa non quadrava.

Ma come sempre avviene in questi casi, nella maggior parte degli internauti, la razionalità ha lasciato il passo all'emotività.

Naturalmente (per fortuna), non tutti sono cascati nella bufala. Chi non si è lasciato ingannare ha iniziato a diffondere una corretta informazione, contribuendo a disinnescare la fake news:

Ma come mai ha iniziato a circolare sul web la notizia della finta morte di Michael J. Fox?

Secondo Heavy, la causa sarebbe da attribuire al lungo silenzio dell'attore su Twitter. Tuttavia, se sul social di microblogging la star di Ritorno al futuro risulta inattiva dal primo di giugno (o per meglio dire, risultava: il 6 agosto è apparso un nuovo tweet), su Instagram i post non mancano.

L'ultimo risale a pochi giorni fa e ritrae Michael sorridente con la moglie, Tracy Pollan, e due delle loro 4 figlie, Aquinnah Kathleen e Schuyler Frances.

@Tracy.pollan is finally on instagram! Check it out

A post shared by Michael J Fox (@realmikejfox) on

L'attore, che combatte con il Morbo di Parkinson dal 1991, non ha commentato la notizia della sua falsa morte. Almeno, per il momento.

In ogni caso, oltre al fatto che morire per finta si dice porti bene, Michael può contare sulla compagnia di una nutrita schiera di "cari estinti" vivi e vegeti.

A febbraio 2018, è toccato a Sylvester Stallone e Mark Hamill trapassare a loro insaputa. E come ricorda People, anche Rowan Atkinson e Jeff Goldblum sono stati dati per morti e pianti dai fan.

Insomma, prima di listare a lutto i propri profili social e di rilanciare la notizia della dipartita di questo o quel personaggio famoso, il consiglio è di verificare sempre le fonti.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.