Cerotto smart, in arrivo il microfono e l'altoparlante adesivi

di -

Si tratta di una sottilissima membrana che potrà essere applicata sulla propria pelle.

Immagine esplicativa del cerotto smart ANSA

32 condivisioni 1 commento

Condividi

Cuffie e auricolari potrebbero presto essere sostituiti da una nuova tecnologia indossabile in grado di trasformare la propria pelle in una sorta di altoparlante. Si tratta del cerotto smart, realizzato con nanomembrane trasparenti in grado di flettersi e allungarsi con la pelle dell'utilizzatore, senza perdere la capacità di condurre elettricità e calore (indispensabile per trasmettere segnali audio).

È più sottile di un tatuaggio temporaneo e contiene un reticolo di fili argentati.

Il cerotto smart è stato creato principalmente come ausilio per chi ha problemi acustici e difficoltà nel parlare, giacché può essere applicato pure sulla gola, ma potrebbe anche essere utilizzato per il riconoscimento vocale nello sblocco di smartphone e tablet - e, perché no, di computer. È dunque possibile distinguere il dispositivo in due categorie differenti.

Cerotto smart altoparlante

Dopo aver ricevuto un segnale audio elettrico da un lettore musicale, il minuscolo altoparlante riscalda il reticolo di fili fino a circa 33 °C, il quale replica il modello audio modificando la pressione dell'aria circostante. Le nostre orecchie percepiscono tali modifiche come onde sonore.

Cerotto smart microfono

Il cerotto microfono funziona al contrario: converte le onde sonore in un segnale elettrico, che può quindi essere memorizzato e riprodotto da smartphone o computer. È in grado di rilevare le onde provenienti dalla bocca, ma può anche riconoscere le parole dal movimento delle corde vocali attraverso la pelle, secondo quanto riferito dal team di sviluppo.

Naturalmente i ricercatori hanno già testato il microfono: è stato chiesto a quattro volontari di sbloccare uno smartphone con software di riconoscimento vocale, tra cui uno solo era l'utente registrato. Il cerotto smart è stato in grado di riconoscere la voce del proprietario il 98% delle volte.

Adesso gli sviluppatori hanno intenzione di migliorare la qualità del suono e il volume degli altoparlanti, così come l'accuratezza del microfono nel rilevare la voce. Sarà presa in considerazione pure l'idea di migliorare i materiali per una produzione di massa.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.