FOX

Dredd - La Legge sono io, le frasi del film cult con Sylvester Stallone

di - | aggiornato

Non infrange la legge, lui è la legge. Sylvester Stallone è il Giudice Dredd nello sci-fi del 1995 diretto dalla meteora Danny Cannon.

Sylvester Stallone in una scena del film Buena Vista Pictures

10 condivisioni 0 commenti

Condividi

Di fantascientifico ci sono solo le scenografie, a tratti grossolane, e i costumi eccessivi, in pieno stile fumettistico. Del resto Dredd - La legge sono io porta sul grande schermo le avventure del Giudice Joseph Dredd, leggendario personaggio dei fumetti creato sul finire degli anni '70 da John Wagner e Carlos Ezquerra muovendo da un'idea originale dello scrittore Pat Mills.

La trasposizione cinematografica, datata 1995, si inserisce nel filone degli sci-fi distopici, differenziandosi però dai cult del genere per la maniera rozza con cui affronta i topoi cardine del fantascientifico. In sostanza, il film con Sylvester Stallone diretto dalla meteora Danny Cannon -  regista mestierante del piccolo schermo - somiglia più ad un action fracassone pieno zeppo di stereotipi dei film dello stesso Sly del decennio prima che ad un "erede" dei capolavori 2001 - Odissea nello spazioBlade Runner.

Affermazione prevedibile

Dredd è un ufficiale di polizia in forza ad un corpo d'élite denominato i Giudici, coloro che detengono poteri talmente ampi che ne fanno in un colpo solo tutori della legge, giudici e boia (all'occorrenza). L'azione si svolge in un futuro immaginario segnato dal collasso climatico, dal disfacimento ambientale e dal degrado sociale. L'atmosfera distopica di Dredd - La legge sono io recupera le atmosfere care a Philip K. Dick: rivolte, terre inquinate, caos imperante. 

Megacity è la metropoli sorta dalle ceneri di Manhattan in cui opera il giudice di Sly, il quale si presenta in scena indossando un costume kitsch e impugnando una serie di armi ipertecnologiche, da vero Rambo (ma pure Cobra) del futuro. E l'attore che presto rivedremo in Creed 2 è bravo nel farsi il verso, vomitando proiettili e battute a effetto per tutto il film.

Del resto, del fumetto con spunti satirici non vi è traccia nel blockbuster di Cannon, che in realtà immortala un'icona reazionaria operante in un pianeta ormai allo stadio terminale. Lo spunto pessimistico di Dredd - La legge sono io si esaurisce però alla stessa velocità con cui si spegne un minerva. Spazio quindi all'azione, alla macchina da presa che stringe sul volto di Sly e sulle sue caratteristiche labbra storte mentre pronuncia frasi tremende (un esempio? Così Dredd: "La seduta è tolta", un attimo prima di scaraventare il villain Rico giù dalla Statua della Libertà) che fanno tanto parodia dei film azione anni '80.

Nonostante una resa finale non proprio indimenticabile, la pellicola vanta un numero via via crescente di fan (a fronte di un iniziale flop al box-office). Merito del suo look eccessivo e di un cast di tutto rispetto: Diane Lane - futura mamma dell'Uomo d'Acciaio Henry Cavill - impersona il sexy giudice Hershey, chiamata a difendere Dredd dall'accusa di omicidio; Armand Assante è lo psicopatico fratello di Dredd, villain principale del film (molti ricorderanno l'attore, per un breve periodo compagno di Mara Venier, come l'Ulisse della miniserie TV Odissea); Rob Schneider è invece il comic-relief del film. Nel film compaiono anche Ewen Bremner - celebre per il cult generazionale Trainspotting - e James Remar, apparso in cult come I guerrieri della notte e 48 ore. Per finire, la leggenda Max von Sydow nei panni del supremo giudice Fargo.

Noi di MondoFox abbiamo raccolto le battute e le frasi più significative del film con Stallone:

  • "Tutti sono innocenti finché non diventano inevitabilmente colpevoli". (Rico)
  • "Io non ho infranto la legge! Io sono la legge!" (Dredd)
  • "Tu vuoi il terrore? Eccomi qua! Vuoi il caos? Io sono il caos! Vuoi un nuovo inizio? Eccomi, io sono il nuovo inizio!" (Rico)
  • "La leggendaria famiglia degli Angeli, terrore della Terra Maledetta: assassini, mangiatori di rifiuti e, in generale, figli di puttana!" (Dredd)
  • "Chi dice che la politica è noiosa?" (Rico)
  • "Emozioni? Dovrebbero proibirle per legge" (Dredd)
  • "La seduta è tolta" (Dredd)
  • "Tu hai distrutto la tua vita per abbracciare la legge e io distruggo la legge per abbracciare la vita.
  • "Qual è il significato della vita?"; "Che finisce!"
  • "Affermazione prevedibile" (Dredd)
  • "Non è male sentirsi umani" (giudice Hershey)

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.