FOX

Google Pixel 3 XL, spuntano nuove immagini e la prima recensione

di -

Scatti rubati, recensioni provvisorie, considerazioni tecniche: il nuovo smartphone Google è protagonista assoluto delle ultime ore.

Un'immagine del Google Pixel 2 Google

19 condivisioni 0 commenti

Condividi

Arrivò il giorno delle immagini rubate e delle prime recensioni: Pixel 3 XL, il presunto nuovo smartphone di Google, è stato analizzato a fondo da alcuni siti che in qualche modo sono stati in grado di mettere le mani su un device che, stando alle ultime informazioni, dovrebbe arrivare sul mercato tra non meno di due mesi.

Il blog russo Rozetked, infatti, ha pubblicato una prima analisi relativa al Google Pixel 3 XL corredata da una serie di foto. Prima di passare a capire cosa proporrà questo nuovo device, vale la pena spendere due parole cercando di comprendere in che modo un dispositivo ancora privo di data di uscita sia già oggetto di recensioni.

Secondo quanto riportato da Gizmodo, sembra che un carico di smartphone Pixel sia stato rubato e  finito nelle mani di alcuni blogger. Pur prendendo questa informazione con le molle, vale la pena riprendere un passo proprio della recensione di Rozetked, nel quale è possibile leggere:

Google ha fatto un grosso errore, e due mesi prima dell’uscita dello smartphone ha perso traccia di un carico di prodotti pronti per la commercializzazione.

Tra i blog interessati non figurerebbe il solo Rozetked, ma anche Wylsacom. Il sito russo, infatti, avrebbe postato altre foto del dispositivo, disponibili nel tweet seguente:

Prime impressioni non proprio favorevoli

Le prime recensioni del device non sembrano essere del tutto favorevoli. Soffermandosi sull’aspetto estetico, è possibile notare la presenza di un grande notch che, in maniera curiosa, si affianca però a una cornice particolarmente pronunciata sulla parte inferiore. Gizmodo, inoltre, ritiene che il device presenterà un sistema di speaker frontali, come sul Pixel 2. Manca, invece, lo schema di colori a due tonalità visto in passato, visto che sul lato posteriore del device domina il bianco. È scomparso, almeno in questa versione, la sezione in vetro che contrastava l’opacità della parte inferiore dello smartphone.

Pixel 3 XL, il nuovo smartphone di GoogleMobile-review.com

Dal punto di vista delle specifiche, non sembrano esserci novità rispetto alle anticipazioni dei mesi scorsi. Il Pixel 3 XL presenta un display con risoluzione 2960 x 1440, processore Snapdragon 845, 4 GB di RAM, batteria da 3430 mAh e sistema operativo Android 9 Pie. Le recensioni, però, non si sono soffermate sulle dimensioni del dispositivo.

Pixel 3 XL, il nuovo device a marchio GoogleMobile-review.com

Il contenuto della confezione di Pixel 3 XL contiene alimentatore, cavetto di tipo USB C, adattatore audio, adattatore OTG per il trasferimento di file tra smartphone e una versione con filo degli auricolari Google Pixel Buds.

La confezione del Google Pixel 3 XLMobile-review.com

Riflessioni sulla fotocamera

La fotocamera del Pixel 3 XL incontra giudizi contrastanti. Per Rozetked, infatti, i risultati ottenuti sorpassano quelli degli altri smartphone di fascia alta presenti sul mercato. Il device, a questo proposito, dovrebbe presentare una fotocamera posteriore da 12 megapixel, accompagnata da due fotocamere anteriori da 8 megapixel.

La parte posteriore del Pixel 3 XLMobile-review.com

Sul fronte software, le fotocamere saranno supportate da funzionalità specifiche per il ritocco dei volti, così come dalla modalità Super Selfie, che consente di incrementare la qualità delle foto scattate con le camere anteriori in modalità ritratto.

Il sito russo Mobile-review ha pubblicato, inoltre, una serie di comparazioni tra Pixel 3 XL, Huawei P20 Pro e Galaxy Note 9. I risultati, in effetti, mostrano elementi positivi e negativi: rispetto alle controparti, ad esempio, la fotocamera del device Google sembra restituire immagini meno brillanti. Per il confronto completo delle varie immagini scattate, in ogni caso, è possibile collegarsi alla pagina della recensione del sito russo.

I piani di Google e il contrabbando di prototipi

Capire come questi esemplari di Google Pixel 3 XL siano finiti nelle mani di più blog e siti internet è questione veramente intricata. Androidiani, ad esempio, riporta voci secondo le quali i device sono stati venduti sul mercato nero per non meno di 2 mila dollari. Decisamente più articolata è la versione di Mobile-review. Secondo il sito russo, infatti, il tutto parte dell’acquisizione della divisione smartphone di HTC da parte di Google. La casa di Mountain View, sfruttando le risorse appena ottenute dal mercato, avrebbe iniziato la produzione di almeno sette modelli di smartphone, di cui 2 Pixel di terza generazione, un prototipo con display flessibile, e quattro device considerabili aggiornamenti degli smartphone attualmente in commercio.

Pixel 3 XL, device a marchio GoogleMobile-review.com

Il Pixel 3 XL oggetto di analisi, pertanto, rientrerebbe nella prima categoria, e sarebbe stato fatto circolare da Google in modo da ottenere un primo feedback dagli utilizzatori. In base alla reazione degli utenti, allora, la compagnia di Mountain View potrebbe vendere la versione appena analizzata, proporne una più potente o accompagnare all’attuale Pixel 3 XL un device ancora più performante, magari privo di pulsanti fisici e con sistema di sblocco biometrico.

La situazione, pertanto, risulta ancora molto liquida. Così come nel caso del nuovo modello di Chromecast, l’unica certezza è che Google scoprirà le sue carte durante il prossimo evento del 4 ottobre.

La parte posteriore del Pixel 3 XLMobile-review.com

In attesa di saperne di più, cosa ne pensate di questa versione del Google Pixel 3 XL?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.