FOX

Google e Mastercard, l'accordo che monitora gli acquisti è una bufala

di -

Google sa cosa acquisti anche nei negozi fisici grazie alle transazioni via Mastercard, ma quanto c'è di vero?

Accordo segreto tra Google e Mastercard Getty Images

11 condivisioni 0 commenti

Condividi

L'anno scorso Google ha lanciato negli Stati Uniti uno strumento chiamato "Store Sales Measurement" che può misurare l'efficacia di un annuncio online in base all'effettivo acquisto in negozio. Questa tecnologia è stata creata grazie un accordo segreto con Mastercard per monitorare gli acquisti degli utenti. Dalle ultime indiscrezioni però sembrerebbe tutta una bufala smentita dalla stessa Mastercard.

Il gigante della rete non ha mai spiegato come ha costruito il suo strumento di misurazione, ma secondo Bloomberg, Google è stato in grado di realizzarlo grazie ad una collaborazione segreta avvenuta con il colosso del credito digitale che risponde al nome di Mastercard.

L'azienda di Mountain View avrebbe pagato milioni di dollari per uno stock di transazioni Mastercard che avrebbe ottenuto dopo ben quattro anni di trattative. Né Google né Mastercard però hanno mai parlato pubblicamente della transazione. Bloomberg ha inoltre rivelato come funziona lo strumento di misurazione di Google di cui proviamo a farvi un piccolo riassunto:

Diciamo che dovete acquistare una nuova giacca, quindi cercate su Google "giacca da moto" e cliccate su un annuncio pertinente, ma poi alla fine lasciate il sito senza comprare nulla. Bloomberg afferma che se poi entrate in un negozio fisico e comprate una giacca da moto usando una Mastercard, Google lo saprà e riferirà del vostro acquisto all'inserzionista che ha pubblicato l'annuncio online, visitato in fase di ricerca. Questa transazione varrà all'inserzionista una forma di retribuzione che potremo definire "entrata offline".

Secondo il rapporto di Bloomberg, l'accordo è un grande vantaggio per il titano di Internet: gli inserzionisti ricevono entrate molto più grandi e sono più allettati a creare annunci su Google. Il colosso del web potrà monitorare l'acquisto però solo se avete effettuato l'accesso all'account Google durante la ricerca e se l'acquisto avviene entro 30 giorni dalla visualizzazione dell'annuncio online.

Non è chiaro se Google lavori solo con Mastercard, ma quando ha annunciato lo strumento di misurazione nel 2017 ha dichiarato inoltre di aver accesso a circa il 70% di carte di credito e di debito negli Stati Uniti tramite i partner.

Il gigante della ricerca web non ha voluto parlare con Bloomberg dell'accordo, ma un portavoce ha chiarito che lo strumento utilizza una tecnologia di crittografia a doppio cieco che impedisce sia a Google sia ai partner di visualizzare i dati degli utenti. Inoltre, un portavoce di MasterCard ha dichiaratoEngadget che la premessa di ciò che viene segnalato da Bloomberg è falsa. MasterCard dichiara infatti di non conoscere i singoli articoli acquistati, sia che siano acquisti fatti in store fisici che digitali. Il suo servizio di misurazione delle transazioni fornisce ai commercianti solo la dimensione media dei volumi di vendita e non fornisce transazioni individuali o dati personali.

Stando alle ultime dichiarazioni sembrerebbe quindi tutto frutto di una bufala di Bloomberg, la paura però rimane specie dopo le recenti violazioni sulla privacy attuate dal colosso social Facebook. È anche vero che Google non ha fatto molto per rendere trasparenti i suoi strumenti di misurazione "nascondendo" le impostazioni di tracciamento in un angolo delle impostazioni dell'account.

Se volete disattivare il monitoraggio degli annunci da parte di Google recatevi qui e disattivate la sezione Attività Web e App. Naturalmente non garantirà il pieno anonimato delle vostre ricerche, ma al giorno d'oggi è davvero difficile rimanere anonimi!

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.