FOX

Totoro: le frasi più belle tratte dal capolavoro di Miyazaki

di -

Grosso, peloso e con una faccia buffa: Il mio vicino Totoro regala alcune frasi che, anche se brevi, raccontano una poetica cara all’infanzia. Eccone alcune.

Totoro Studio Ghibli

5 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il cartone animato Il mio vicino Totoro, firmato dalla regia di Hayao Miyazaki, sa parlare a grandi e piccini, raccontando di incontri magici ed emozionanti, ricordando così agli adulti com’era ricettiva e spensierata l’infanzia e ai bambini di un bosco dove vive una morbida creature che veglia sulla natura e su di loro.

Dal capolavoro dello Studio Ghibli, alla cui tardiva fortuna lo studio deve molto tanto che ha scelto di adottare Totoro come suo simbolo, ecco una raccolta delle frasi più belle.

 

“Camminiam, camminiam... io sto benone, sì! Mi piace tanto camminar... di buon passo andiam! Volpi anche voi, e tanuki voi... fatevi veder! Esploriamo, dai... giù fino in fondo al bosco, sì! Tanti amici ci saran, che felicità!” (dalla canzone d’apertura)

“Entrando d'improvviso da un posto luminoso in un posto buio, gli occhi si accecano e vengono fuori i nerini del buio.” (Tatsuo)

“Mi sa che sono apparsi i corrifuliggine. Si trovano nelle vecchie case dove non c'è nessuno e lì cospargono tutto quanto di fuliggine e polvere. Quand'ero piccola capitava anche a me di vederli.” (Nonnina)

“Proviamo a ridere tutti, così metteremo in fuga gli spauracchi!” (Tatsuo)

“Mei deve avere di certo incontrato il signore di questo bosco. E questa è una cosa tanto fortunata. Però... non lo si può mica incontrare sempre!” (Tatsuo)

“Che albero magnifico! Deve di certo trovarsi qui da un lungo, lunghissimo tempo passato. In tempi passati, alberi e uomini erano buoni amici. È vedendo quest’albero che il papà si è proprio convinto per quella casa. Piacerà sicuramente anche alla mamma, sapete?” (Tatsuo)

TotoroHDStudio Ghibli

Satsuki: Anche se era un sogno…
Mei: … non è stato un sogno!

“Mei non ha paura!” (Mei)

Satsuki: Papà, Mai dice di aver incontrato un Totoro quaggiù.
Tatsuo: Un totoro?

“Nerini del buio, venite fuori. Se non uscirete verremo a cavarvi gli occhi.” (Satsuki e Mei)

“Ma è fantastico! Vivere in una casa dei fantasmi è stato il sogno di papà sin da quando era bambino!” (Tatsuo)

“Ehiii, la tua casa è una casa dei fantasmi!” (Kanta)

Mei: Papà, Mei non sembra la sua sorellona?
Tatsuo Mh, e dove se ne va con il pranzo a tracolla?
Mei: Un po’ qui intorno!

“Chi mai sarà... che va a piantar... Di nascosto semi sul sentiero? Se gemme poi... ne spunteran... Un codice segreto sarà, L'accesso al bosco consentirà, Che fantastica avventura comincerà! Se mai tu lo incontrassi Che splendida gioia ti verrà! Lui a te la porterà!” (dalla canzone dei titoli di coda)

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.