FOX

LG vuole creare una rete di lavoro smart con CLOi SuitBot

di -

"Pantaloni robotici" che si indossano facilmente grazie a caratteristiche che li rendono regolabili.

CLOi SuitBot in esposizione Tim Collins

36 condivisioni 0 commenti

Condividi

Durante IFA 2018 sono stati presentati molti prodotti interessanti. Alcuni anche bizzarri, ma pur sempre accattivanti. Per quanto riguarda LG ci saremmo aspettati di vedere il nuovo V40 ThinQ, e invece l'azienda ha preferito mostrare i prototipi di quella che sembrerebbe essere una rete di esoscheletri robotici da impiegare in un futuro prossimo nel mondo del lavoro.

In occasione della fiera di Berlino è stato esibito CLOi SuitBot: la prima incursione della società nel settore della robotica human-centric.

In parole povere si tratta di esoscheletri, molto simili a un paio di "pantaloni robotici", progettati per potenziare le gambe di chi li indossa. Il fine ultimo sarebbe quello di aiutare le persone che svolgono lavori manuali a sollevare oggetti pesanti e a impiegare una forza "maggiorata", in modo da dedicarsi ad attività che fisicamente non sarebbero in grado di svolgere.

CLOi SuitBot hanno un'intelligenza artificiale integrata che ha facoltà di analizzare i dati biometrici e i movimenti dell'indossatore per poter fornire la massima efficienza.

I "pantaloni robotici" indossati da un testerPress Association

Gli esoscheletri sono stati sviluppati in collaborazione con SG ROBOTICS, società che realizza ausili robotici per aiutare le persone a superare i limiti del proprio corpo, che si tratti di disabilità o di assistenza sul lavoro. Sebbene CLOi SuitBot possa certamente diventare un mezzo importante per le fabbriche, o negli ospedali a scopo riabilitativo, LG vorrebbe sviluppare una vera e propria rete di lavoro composta da robot.

Lo scorso gennaio l'azienda ha presentato una serie di macchine, tra cui una che funge da guida turistica negli aeroporti e in altri spazi pubblici, una addetta alle pulizie e una in grado di portare alle persone cibo e altri oggetti (il Guide Robot, il Cleaning Robot e il Serving Robot). A detta di LG, SuitBot potrà connettersi a tutte loro, consentendo agli utilizzatori di creare una rete di lavoro smart utile a rendere più efficienti, in un futuro prossimo, alcuni settori della vita lavorativa.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.