FoxCrime

Il Mago di Oz, trovate le scarpette rosse di Judy Garland rubate 13 anni fa

di -

L'FBI ha recuperato le scarpette rosse indossate da Judy Garland nel film Il Mago di Oz: il cimelio era stato rubato nel 2005 dal museo dedicato all'attrice.

Il Mago di Oz Getty Images

11 condivisioni 0 commenti

Condividi

Le scarpette rosse indossate da Judy Garland nell’iconico film Il Mago di Oz sono state finalmente ritrovate. Dopo 13 anni, il mistero è stato risolto. Il furto risale, infatti, al 29 agosto del 2005 quando il prezioso paio di scarpe fu sottratto da una teca del Judy Garland Museum (Grand Rapids - Minnesota), aperto nel 1975 e ospitato all’interno della casa in cui ha vissuto la stessa attrice.

Le scarpette furono date in prestito al museo dal collezionista Michael Shaw che, all’epoca dei fatti, non volle che fossero conservate in un caveau negli orari di chiusura del museo. Il furto avvenne proprio di notte e il ladro o gli eventuali ladri non lasciarono tracce del loro passaggio.

In tutti questi anni, si sono diffuse diverse voci e sono state elaborate numerosi tesi. Qualcuno ha parlato addirittura di un finto furto, inscenato dallo stesso collezionista per intascare i soldi dell’assicurazione. Le scarpette, infatti, erano assicurate per un milione di dollari.

Il recente recupero, però, mette a tacere tutte le voci. L’FBI ha ritrovato il prezioso cimelio grazie a un collaboratore che ha avvicinato la compagnia di assicurazione e ha fatto ripartire le indagini nel 2017. Le scarpette sono state così ritrovate a luglio durante un’operazione nella città di Minneapolis.

L’FBI ha chiarito che non è stato ancora arrestato nessuno per il furto e diverse persone sono sotto la lente di ingrandimento delle indagini.

Intanto, le scarpette sono state autenticate. Sono proprio quelle di Judy Garland, l’autenticazione è avvenuta grazie alla comparazione con un altro paio di scarpe originali utilizzate durante le riprese del film nel 1939 e custodite presso il National Museum of American History di Washington.

Ora, si attende solo di scoprire chi ha messo a segno il furto 13 anni fa. L’FBI ha chiesto a tutti di farsi avanti con informazioni e dettagli. Chissà se riusciranno a trovare il misterioso ladro intenditore di cimeli cinematografici!

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.