FOX

La Profezia dell'armadillo e la divisione Roma Nord e Roma Sud

di -

Presentato nella sezione Orizzonti a Venezia 75 il film tratto dalla graphic novel di ZeroCalcare, La profezia dell'armadillo, un racconto complesso sull'elaborazione del lutto e sulla periferia romana.

27 condivisioni 0 commenti

Condividi

Roma nord o Roma sud? L'annosa questione torna a farsi sentire grazie all'imminente messa in onda su FOX di Romolo e Giuly, la serie che prende ispirazione da Shakespeare per raccontare, in chiave ironica, le mille sfumature della Capitale e dell'Italia. 

A Venezia 75, in occasione della presentazione de La Profezia dell'Armadillo, il film tratto dalla graphic novel di ZeroCalcare, abbiamo approfittato della tematica comune alla serie e al film e abbiamo chiesto al regista, Emanuele Scaringi, e ai suoi interpreti (Simone Liberati, Valerio Aprea e Pietro Castellitto) di schierarsi tra la Roma Nord dei Copulati e la Roma Sud dei Montacchi.

Come dicevamo questo è stato un semplice espediente per raccontare e approfondire qualcosa che, sempre di più, diventa argomento di narrazione cinematografica e televisiva. La periferia, come ci ha raccontato anche Pietro Castellitto, difficilmente viene rappresentata così come nel film. Anche il suo regista, Emanuele Scaringi, ha tenuto a precisare come questo sia un racconto che parte da Roma per estendersi al resto d'Italia, per mostrare che quei territori, spesso martoriati e demonizzati, non sono quelle terre di confine in cui si entra e non si sa come se ne esce una volta messo piede lì.

La profezia dell'armadillo è poi un racconto che diverte è vero, ma l'opera è in realtà anche una grande elaborazione del lutto. Il protagonista è un disegnatore che vive nella Tiburtina Valley, una fantomatica terra localizzata vicino al quartiere periferico di Rebibbia. Una terra fatta di Mammuth, tute anni '90, dove i risvoltini sono banditi. Zero (Simone Liberati), alias ZeroCalcare, alias Michele, sbarca il lunario facendo lavori saltuari, dando ripetizioni a un ragazzo di Roma Nord che chiama, per preservarne l'identità, "Blanka", come il personaggio di Street Fighters.

La locandina del film tratto dalla graphic novel di Zerocalcare HDFandango
La profezia dell'armadillo, la locandina

Sogna di vivere guadagnandosi la pagnotta solo con il suo lavoro da disegnatore e ha un migliore amico, Secco (Pietro Castellitto). Quando la notizia della morte della sua amica d'infanzia, Camille, arriva a Zero le sue poche certezze svaniscono, facendo riflettere sul senso di incomunicabilità che appartiene a un'intera generazione.

Il film distribuito da Fandango uscirà nelle sale italiane il 13 settembre 2018

 

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.