FOX

Spike Lee: Ho cambiato il finale di Blackkklansman per colpa dei razzisti

di -

Il regista Spike Lee a Venezia ci ha raccontato del finale del suo film Blackkklansman, dove ha inserito immagini della tragedia di Charlottesville, un cambio in corso d'opera sul finale a causa del razzismo

66 condivisioni 0 commenti

Condividi

Giunto a alla Mostra del Cinema di Venezia 75 per ricevere un premio durante il tour di promozione europea di Blackkklansman, Spike Lee ci ha raccontato come l'evento di Charlottesville lo abbia scosso a tal punto da voler cambiare il finale del suo film, Blackkklansman.

Finì con una vittima e una dichiarazione di stato di emergenza la tragedia di Charlottesville, avvenuta in Virginia due anni fa. Pochi giorni prima dell'evento dei suprematisti bianchi avevano protestato contro la rimozione della statua del generale eroe dei sudisti al tempo della guerra civile americana. In contemporanea alla manifestazione di estrema destra si svolse a Charlottesville una contro-manifestazione antirazzista. 

Nel secondo corteo una macchina sfrecciò ad alta velocità sulla folla colpendo i partecipanti, lasciando dietro di sé una scia di vittime, togliendo la vita a una ragazza, Heather Heyer, di 32 anni. Tale evento passò pressoché inosservato in Europa, ma ebbe un forte impatto mediatico negli Stati Uniti. 

Ambientato negli anni '70, nel pieno dell'ondata d'odio razziale nei confronti degli afroamericani, Blackkklansman racconta la storia del detective afroamericano Ron Stallworth che a  Colorado Springs decide di adottare una maniera molto singolare per incastrare un gruppo di attivisti del Ku Klux Klan. Grazie all'aiuto del suo collega, interpretato da Adam Driver (il Kylo Ren di Star Wars) riesce ad infiltrarsi nella divisione del gruppo della sua città, fino a sovvertirne dall'interno i meccanismi. 

La locandina del nuovo film di Spike LeeUniversal
Una delle locandine di Blackkkklansman diretto da Spike Lee

Pur essendo ambientato quattro decadi fa, il film parla del nostro presente. Per questo motivo Spike Lee ha inserito delle inedite, ed efferate, immagini dello scontro di Charlottesville, per far arrivare questo messaggio in maniera chiara anche agli spettatori. Quei problemi che pensavamo di aver superato, in nome di un'eguaglianza e del rispetto reciproco, sono ancora troppo radicati nella nostra cultura e nel nostro vissuto.

Per tale motivo una storia degli anni '70 sembra essere ambientata ai giorni nostri. L'unico elemento di differenza? La moda (nonostante lo stile degli anni '70 rimanga in voga tutt'oggi).

Blackkklansman, distribuito dalla Universal Pictures, arriverà nelle sale italiane dal prossimo 27 settembre.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.