FoxAnimation

L'Ara di Spix è estinta in natura: la specie che ha ispirato il film Rio volerà libera solo nella fantasia

di -

L'Ara di Spix, il pappagallo dalle piume blu che ha ispirato il film Rio, è estinta in natura. Della specie rimangono pochi esemplari in cattività.

Blu e Gioiel, le due Are di Spix del film Rio 20th Century Fox

233 condivisioni 0 commenti

Condividi

Nella realtà, all'Ara di Spix le cose non sono andate bene come nel film Rio. Secondo uno studio pubblicato su ScienceDirect dalla ONG per la protezione e la conservazione degli uccelli BirdLife International, la specie che ha ispirato il lungometraggio d'animazione diretto da Carlos Saldanha è estinta in natura dal 2000. Ovvero, 11 anni prima dell'uscita della pellicola.

In Rio, la sopravvivenza dell'elegante pappagallo dal piumaggio blu è garantita dall'incontro tra gli ultimi due esemplari di maschio e femmina esistenti, Blu e Gioiel, che dopo varie peripezie si innamorano e scelgono di vivere liberi, diventando genitori di 3 pulcini. Una happy ending che - purtroppo - non si è ripetuta nel mondo reale. In base al rapporto di BirdLife International, l'Ara di Spix (Cyanopsitta spixii) è una delle 8 specie la cui estinzione è confermata o ritenuta altamente probabile nel decennio che va dal 2000 al 2010.

Stando alle informazioni raccolte, 5 estinzioni sono avvenute in Sud America e di queste 4 si sono verificate in Brasile. Un dato che, secondo gli studiosi, è da attribuire agli "effetti devastanti dell'elevato tasso di deforestazione" in atto in questa parte del mondo e al bracconaggio per la vendita al mercato nero.

Stuart Butchart, Chief Scientist di BirdLife International e principale autore dello studio, ha sottolineato il nuovo, preoccupante impatto dell'attività dell'uomo sulla natura e sulla sopravvivenza degli uccelli (e non solo):

Il 90% delle estinzioni avvenute nei secoli recenti ha riguardato specie su isole. Tuttavia, i nostri risultati confermano che c'è un'ondata crescente di estinzioni che si sta estendendo attraverso i continenti, causata principalmente dalla perdita e dal degrado dell'habitat naturale ad opera di un'agricoltura e uno sfruttamento delle foreste non sostenibili.

View this post on Instagram

This bird can no longer be found in the wild. The Spix's Macaw, made famous by its starring role in the animated film Rio, is among eight birds now confirmed extinct this decade in our latest study. Five of these extinctions took place on the South American continent, mainly due to habitat loss through logging. We're working hard to save these habitats and prevent more extinctions. Tragically, some of these species are lost forever, but for the Spix's Macaw, captive breeding offers a glimmer of hope. Read more about the story on our website. #LinkInBio #Conservation #Extinct #Macaw #Parrot #Nature #Rio #Brazil #WildlifePhotography #BirdPhotography #deforestation [Photo: Al Wabra Wildlife Preservation]

A post shared by BirdLife International (@birdlife_insta) on

Secondo il (triste) report della ONG, risulterebbero estinti anche il Cryptic Treehunter (Cichlocolaptes mazarbarnetti) e il Ticotico di Novaes (Philydor novaesi), due uccelli dell'ordine dei Passeriformi originari del nord-est del Brasile, oltre che il Po'ouli (Melamprosops phaeosoma), di cui non si hanno tracce in natura dal 2004 (anno cui risale la morte dell'ultimo esemplare conosciuto in cattività).

Invece, sarebbero ad altissimo rischio di estinzione il Lorichetto della Nuova Caledonia (Charmosyna diadema), la Pavoncella Caruncolata di Giava (Vanellus macropterus), il Gufo Pigmeo Pernambuco (Glaucidium mooreorum) e l'Ara Glauca (Anodorhynchus glaucus), un grosso pappagallo originario del Sud America con il piumaggio azzurro-turchese.

Ma in mezzo a tante brutte notizie, ce n'è anche una buona. Stando ai dati raccolti da BirdLife International, esisterebbero ancora dai 60 agli 80 esemplari di Ara di Spix in cattività.

Allora, la speranza è che una o più coppie possano seguire l'esempio di Blu e Gioiel e riscrivere il destino di questo elegante uccello dalla livrea blu.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.