FoxCrime

Soon-Yi su Woody Allen e Mia Farrow: l'intervista dopo anni di silenzio

di -

Dopo lunghi, lunghissimi anni di silenzio, Soon-Yi ha raccontato la sua versione dei fatti su Woody Allen e Mia Farrow. Ovviamente, l'intervista non ha mancato di scatenare accese reazioni.

Soon-Yi e Woody Allen alla prima di Café Society Getty Images

56 condivisioni 0 commenti

Condividi

Fino a oggi, nell'aspra battaglia tra Woody Allen e Mia Farrow è mancata a lungo una voce. Soon-Yi, la figlia adottiva dell'attrice e dell'ex marito André Previn, diventata amante e poi moglie del regista, non è mai intervenuta sulla vicenda che "ha infranto ogni tabù", come l'ha definita la psichiatra infantile Paulina Kernberg. Ma dopo più di 25 anni, la giovane donna ha rotto il silenzio in una intervista pubblicata domenica 16 ottobre 2018 sul sito del New York Magazine (NYMag), Vulture

Soon-Yi, che ha sposato Woody Allen nel 1997 e che con lui ha adottato due bambine che oggi hanno 18 e 19 anni, ha affidato la sua versione dei fatti alla critica letteraria, saggista e scrittrice Daphne Merkin. 

Tuttavia, come annota The Hollywood Reporter (THR), Merkin è amica del regista 4 volte premio Oscar da oltre 40 anni e tale fatto ha immediatamente attirato critiche e accuse di faziosità al suo pezzo. D'altra parte, come ha puntualizzato la portavoce del NYMag, Lauren Starke, la donna non ha nascosto il suo rapporto con Allen e lo ha dichiarato apertamente nell'articolo.

Starke ha ribadito che l'intera vicenda è raccontata dal punto di vista di Soon-Yi e ha invitato i lettori a non avere pregiudizi:

Questa è una storia su Soon-Yi Previn e presenta la sua versione di quanto è accaduto nella sua famiglia. Crediamo che abbia il diritto di essere ascoltata. Il rapporto tra Daphne Merkin e Woody Allen è di dominio pubblico ed è parte della storia, così come le ragioni che hanno spinto Soon-Yi a parlare ora. Ci auguriamo che le persone leggano il pezzo senza lasciarsi condizionare da fattori esterni.

Soon-Yi e il drammatico rapporto con Mia Farrow

Nella lunga intervista con Vulture, Soon-Yi ha parlato degli anni precedenti l'adozione da parte di Mia Farrow, rivelando di avere vissuto un'infanzia di grande miseria e sofferenza. 

All'età di 5 anni, è scappata dalla madre. Dopo avere vagabondato per strada per un po', è stata portata in un orfanotrofio e poi in un altro, dove è stata notata da una collaboratrice dell'attrice, Connie Boll, incaricata di trovare un bambino da adottare. Nel 1977, l'interprete di Rosemary's Baby è andata a prenderla e da quel momento è iniziata la sua nuova vita.

Ma il rapporto tra Soon-Yi e Mia Farrow è stato subito problematico:

[Eravamo, n.d.r.] come l'acqua e l'olio. [...] Fin dall'inizio, Mia non è stata materna con me.

Come esempio, la giovane ha ricordato il bagno che ha fatto una volta arrivata in albergo:

Non avevo mai fatto il bagno da sola, perché in orfanotrofio c'era una grande vasca e lo facevamo tutti insieme. Qui era per una persona sola e io avevo paura a entrare. Invece di comportarsi come ci si aspetterebbe che facessi con un bambino piccolo - che so, entrare in acqua, mettere nella vasca dei giocattoli, infilare dentro le braccia per dimostrare che va tutto bene e che non c'è alcun pericolo - Mia mi ha semplicemente buttata dentro.

Soon-Yi ha raccontato che gli anni che ha trascorso con l'attrice e il marito compositore André Previn in Inghilterra sono stati tutt'altro che facile, rivelando che tra i figli biologici e adottivi della star de La rosa purpurea del Cairo c'era una "gerarchia":

Fletcher era la stella, il bambino d'oro. Per Mia, l'intelligenza ha sempre avuto grande importanza. Anche l'aspetto contava, gli occhi azzurri e i capelli biondi.

Quando è stata adottata, Soon-Yi non parlava inglese e l'attrice ha iniziato a insegnarle la lingua utilizzando un alfabeto a blocchi di legno, mostrando pochissima pazienza e comprensione:

A volte, quando sbagliavo, li gettava contro di me o sul pavimento. Come si può imparare, con una simile pressione?

Mia Farrow e André Previn in una foto d'archivioHDGetty Images
Mia Farrow e André Previn ai tempi della loro relazione

Dopo il divorzio da Previn nel 1979, Mia Farrow è tornata negli Stati Uniti con la maggior parte dei figli (fatta eccezione per i gemelli Matthew e Sascha, rimasti con il padre). Di quel periodo, Soon-Yi ha raccontato alcuni episodi che l'hanno profondamente segnata.

Una volta, in seguito a un piccolo incidente occorso alla sorellina Lark, l'attrice ha minacciato di rinchiuderla in manicomio:

Tremavo. Ero così spaventata che pensavo che l'avrebbe fatto davvero. E sapevo cosa significava.

Ma le umiliazioni peggiori erano per le sue difficoltà nell'apprendimento:

Mia mi scriveva le parole sulle braccia, una cosa umiliante. Di conseguenza, indossavo sempre camicie con le maniche lunghe. Mi girava a testa in giù, tenendomi per i piedi, per farmi andare il sangue alla testa. Perché credeva - o l'aveva letto, Dio solo sa da dove le sia venuta l'idea - che sarei diventata più intelligente o chissà che altro.

Secondo Soon-Yi, l'attrice non avrebbe perso occasione per "mostrare arbitrariamente il suo potere", schiaffeggiandola, sculacciandola con una spazzola e chiamandola "stupida" e "cretina".

La giovane donna ha dichiarato di non conservare nessuna memoria positiva degli anni vissuti con Mia Farrow:

È difficile da immaginare, ma non riesco davvero a trovare un ricordo piacevole.

La storia di Soon-Yi e Woody Allen

Come ha raccontato Soon-Yi, il primo incontro con Woody Allen è avvenuto quando aveva 10 anni. Il regista era il nuovo ragazzo della madre adottiva (la relazione con Mia Farrow è durata dal 1980 al 1992) e lei lo ha odiato a prima vista:

Lo odiavo perché stava con mia madre e non capivo come qualcuno potesse stare con una persona così cattiva e meschina. Pensavo che dovesse essere come lei.

A peggiorare le cose, un giorno si è aggiunto il fatto che Soon-Yi ha sentito il regista dire a Mia Farrow che secondo lui la figlia era troppo timida e avrebbe avuto bisogno di andare in analisi.

Ma poi le cose sono cambiate.

Soon-Yi ha raccontato che è cresciuta abbandonata a sé stessa. Ha dovuto prendersi cura dei fratelli più piccoli e con le sorelle adottive è diventata una sorta di domestica della famiglia. Inoltre, ha accusato Mia Farrow di maltrattamenti nei confronti di alcuni dei bambini adottati.

Il nuovo rapporto con Woody Allen è nato in questo contesto.

Un giorno, Soon-Yi ha avuto un incidente giocando a calcio e si è rotta una caviglia. La giovane non ha chiesto aiuto alla madre adottiva ed è tornata a casa da sola, dove c'era il regista, che le ha consigliato di andare da un dottore. In seguito, poiché aveva le stampelle e faceva fatica a camminare, Allen ha iniziato ad accompagnarla a scuola.

Dopo questo episodio, Soon-Yi e il regista hanno incominciato ad andare insieme alle partire dei Knicks - per ironia della sorte, dietro suggerimento di Mia Farrow - e si sono resi conto della incredibile connessione tra loro.

Soon-Yi ha dichiarato che lei e i fratelli non hanno mai pensato a Woody Allen come a un padre (il filmmaker non ha mai sposato l'interprete di Rosemary's Baby e non ha adottato i figli delle sue precedenti relazioni) e che la storia tra il regista e l'attrice era arrivata al capolinea, quando lei e Allen hanno iniziato ad avvicinarsi:

Penso che Woody abbia iniziato a corteggiarmi, perché alla prima partita di basket mi sono rivelata più interessante e divertente di quanto si aspettasse. Mia gli ha sempre detto che ero una perdente. 

Woody Allen e Soon-Yi a un evento ufficialeHDGetty Images
Woody Allen e Soon-Yi sul red carpet

Il passaggio da amicizia ad amore è avvenuto quando Soon-Yi è tornata dal college per le vacanze:

Abbiamo guardato un film di Bergman, Il settimo sigillo, ma non sono sicura. Ne abbiamo parlato un po' e credo di averlo impressionato, perché mi ha baciata. Penso che sia iniziata così. Eravamo come due calamite, incredibilmente attratti l'una dall'altro.

Inizialmente, i due volevano tenere segreta la relazione. Ma Mia ha trovato alcune foto scattate dal regista che ritraevano Soon-Yi nuda e l'ha affrontata:

Ricordo la telefonata, quando ha trovato le foto. Ho risposto e lei ha detto 'Soon-Yi'. Non aveva bisogno di dire altro, con quel tono di voce raggelante. Sapevo che la mia vita era finita e che aveva scoperto tutto, solo dal modo in cui ha pronunciato il mio nome. Quando è tornata a casa, me l'ha chiesto e io ho negato, per istinto di sopravvivenza. Poi ha detto: 'Ho le foto'. Sapevo di essere in trappola. Mi ha schiaffeggiata. Quindi ha chiamato tutti. Non ha cercato di circoscrivere la situazione, l'ha allargata a macchia d'olio. E poi si è messa a gridare contro Woody, quando è arrivato. A casa c'erano Dylan e Satchel, che erano molto piccoli, avevano 6 e 4 anni. Hanno sentito la madre impazzire e urlare per ore nel cuore della notte.

Soon-Yi ha definito la relazione con Woody Allen "un dilemma morale", ma non per le presunte implicazioni incestuose, bensì perché è stato un tradimento nei confronti di Mia Farrow:

Avevo già un padre, era André Previn. Mia non ha mai sposato Woody, né hanno mai vissuto insieme. Era il ragazzo di mia madre, punto e basta.

Ma la stampa e l'opinione pubblica non sono state della stessa opinione. La storia tra Soon-Yi e Woody Allen (più vecchio di 35 anni) è stata bollata come scandalosa e inappropriata e aggravata dalle accuse rivolte da Mia Farrow all'ex compagno, secondo le quali il regista avrebbe abusato della piccola Dylan.

Da allora, l'attrice e Allen hanno ingaggiato una battaglia senza esclusione di colpi. Il regista e il suo pool di legali hanno sostenuto che Mia Farrow abbia manipolato Dylan per vendicarsi, ma quest'ultima e la madre adottiva hanno sempre rimandato tutte le accuse al mittente.

In merito alla vicenda, Daphne Merkin ha aggiunto che, all'epoca dei fatti, la sorella di Allen, Letty Aronson, le ha rivelato che l'attrice le ha telefonato e la ha detto: "Ha preso mia figlia [Soon-Yi, n.d.r.]. Io prenderò la sua [Dylan, n.d.r.]".

Da parte sua, Soon-Yi ha dichiarato:

Non ho mai avuto intenzione di scrivere una sorta di Mammina cara per vendicarmi di Mia, assolutamente no. Ma quello che è successo a Woody è sconvolgente e incredibilmente ingiusto. Mia ha approfittato del movimento #MeToo e ha sbandierato Dylan come una vittima. E un'intera nuova generazione sente cose che non dovrebbe sentire.

Le reazioni di Dylan e Ronan Farrow

La lunga intervista di Son-Yi a Vulture non è (ovviamente) passata inosservata.

Dylan Farrow ha replicato all'articolo di Daphne Merkin con un comunicato di fuoco condiviso su Twitter.

La giovane ha ribadito di essere stata molestata da Woody Allen quando aveva 7 anni e che un giudice ha confermato la sua versione dei fatti, affermando che non c'erano prove che fosse stata istruita a mentire in proposito e che per lei non era sicuro stare vicino al regista. Poi ha attaccato duramente il NYMag per l'intervista a Soon-Yi:

La decisione di permettere a un'amica di un presunto predatore sessuale di scrivere un pezzo a senso unico, attaccando la credibilità della vittima, è disgustosa.

Dylan ha dichiarato che l'articolo contiene "numerose falsità" e ha difeso a spada tratta Mia Farrow, descrivendola come una madre premurosa, che l'ha fatta crescere "in una casa meravigliosa, piena d'amore" e che ha affrontato l'inferno a causa di Woody Allen, dei suoi avvocati e dei giornalisti schierati dalla parte del regista.

Anche Ronan Farrow, giornalista di punta del movimento #MeToo, è intervenuto sulla vicenda, difendendo la madre e la sorella e biasimando il NYMag per il suo operato.

Pure lui ha descritto Mia Farrow come una "mamma devota", che non ha rinunciato a costruire una casa piena d'amore per i figli, anche mentre affrontava l'inferno a causa degli attacchi di Woody Allen e dei suoi sodali per screditarla e distogliere l'attenzione "dalla credibile accusa di abusi" rivolta da Dylan al regista. Poi si è scagliato con parole durissime contro il giornale:

Come fratello e figlio, sono arrabbiato perché il NYMag ha dato spazio a un simile lavoro, scritto da un'ammiratrice e amica di lunga data di Woody Allen. Come giornalista, sono scioccato dalla mancanza di attenzione per i fatti, dal rifiuto di includere le parole di testimoni oculari che contraddicono le falsità contenute in questo pezzo e dalla mancata pubblicazione delle repliche di mia sorella.

In seguito alle parole di Ronan, Dylan ha condiviso un'altra dichiarazione, ringraziando lui e gli altri fratelli Matthew, Sascha, Fletcher e Daisy Previn, oltre che Isaiah e Quincy Farrow, per essersi schierati dalla parte sua e di Mia Farrow con un comunicato congiunto:

Nessuno di noi, in casa nostra, ha mai assistito a qualcosa di diverso da un trattamento pieno di compassione e carità, che è la ragione per cui i giudici hanno accordato l'affidamento esclusivo di tutti i suoi figli a nostra madre. Rifiutiamo qualsiasi tentativo di distogliere l'attenzione dalle accuse di Dylan attraverso azioni volte a screditare nostra madre.

Dopo la dichiarazione della portavoce Lauren Starke, il NYMag non ha replicato ulteriormente alle parole di Dylan, Ronan e degli altri fratelli. E anche Woody Allen e Soon-Yi non hanno fatto commenti. 

Ma la vicenda è in evoluzione e non è detto che non arrivino comunicati. Restate sintonizzati per conoscere tutti gli aggiornamenti.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.