FOX

Guardiani della Galassia: il CEO di Disney parla del licenziamento di James Gunn

di -

Dopo mesi di silenzio, il CEO di Disney, Bob Iger, parla finalmente del licenziamento del regista James Gunn dalla direzione del prossimo e atteso Guardiani della Galassia Vol. 3, al momento ancora senza data di uscita.

I Guardiani della Galassia in un poster del film Marvel Studios

88 condivisioni 0 commenti

Condividi

Le conseguenze del licenziamento di James Gunn, ex regista del prossimo Guardiani della Galassia Vol. 3, si fanno ancora sentire. Ad oggi non è ancora noto chi prenderà il suo posto, così come non si conosce neppure la nuova data di inizio delle riprese (inclusa quella di uscita nei cinema).

Ora, però, dopo diverse settimane dall'accaduto, è nientemeno che il CEO Disney Bob Iger a rompere finalmente il silenzio, come rivelato dal portale Comicbook.

Nel corso di un'intervista con The Hollywood Reporter, Iger ha infatti rivelato di non aver preso parte direttamente alla decisione, bensì di averla solo accolta una volta che gli amministratori delegati l'hanno sottoposta al vaglio. Va detto infatti che è stato il Presidente del consiglio di amministrazione dei Walt Disney Studios, Alan Horn, a licenziare Gunn e non Bob Iger, che in quei giorni era in vacanza.

Direi che ho solo contribuito nel far prendere decisioni che erano già state prese. Quella di Roseanne [Barr, allontanata dal revival di Pappa e Ciccia, n.d.R.], è stata completamente unanime, abbiamo solo discusso riguardo il come e il quando. La scelta di licenziare James Gunn mi è stata presentata come decisione definitiva da parte di numerosi dirigenti dello studio e l'ho supportata.

Parte del cast dei Guardiani della GalassiaMarvel Studios

Ricordiamo che Disney ha ricevuto numerose critiche da parte dei fan per via del licenziamento di Gunn (incluse quelle piovute anche dal cast originale, come nel caso dell'attore Dave Bautista), considerando che i tweet per i quali il regista è stato cacciato (definiti inutilmente polemici e provocatori dallo stesso regista, pentitosi della cosa) sono stati pubblicati quasi dieci anni fa. 

Non ci resta che attendere ancora una volta gli sviluppi di questa controversa vicenda.

Che ne pensate?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.