FOX

Nintendo Switch Online: gli hacker caricano nuovi giochi NES gratis

di -

Gli hacker sono riusciti ad espandere la libreria di classici NES offerti agli abbonati al servizio Nintendo Switch Online. Caricando nuove ROM, la console ibrida giapponese si trasforma in un vero e proprio Nirvana ad 8-bit.

Super Mario Bros. 3 gira su Nintendo Switch Nintendo

1 condivisione 0 commenti

Condividi

Finalmente ci siamo, il servizio Nintendo Switch Online è disponibile in Europa - Italia compresa! - dal 19 settembre. 

Sulla scia delle offerte delle rivali Microsoft e Sony, anche la ''grande N'' ha deciso di dedicare ai propri fan un'infrastruttura per il gioco in rete a pagamento, che possa migliorare le nostre partite in multiplayer. Sottoscrivendo l'abbonamento - mensile, trimestrale, annuale o ''formato famiglia'' -, tutti i possessori della console ibrida giapponese possono quindi giocare online, usufruire di salvataggi Cloud, avere accesso ad alcune offerte esclusive per i membri e, ancora meglio, collezionare senza costi aggiuntivi una selezione di classici NES con funzionalità di rete.

Si tratta, almeno nel periodo di lancio, di 20 giochi indimenticabili per i videogiocatori più navigati, così come di un'ottima occasione per i più giovani di recuperare classici senza tempo.

E se per alcuni la selezione ufficiale di Nintendo è ancora piuttosto povera - si va comunque dal primo Zelda a Super Mario Bros., passando per l'ostico Ghosts'n Goblins di Capcom -, un gruppo di hacker è riuscito già ad aggirare il problema, espandendo questa libreria digitale con il caricamento di nuove ROM.

In particolare, l'hacker DevRin ha caricato un video su YouTube che sembra mostrare l'apertura di Battletoads in esecuzione sulla nuova app di giochi NES per Nintendo Switch. A quanto pare, questa operazione sarebbe possibile esclusivamente sulle console moddate, naturalmente con tutte le conseguenze del caso in termini legali.

Per quanto comoda e seducente, si tratta insomma di una pratica illegale, che noi di MondoFox ci sentiamo in ogni caso di non incoraggiare nel rispetto di un medium che è ormai riconosciuto come vera e propria espressione artistica.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.